Dream Massage, a Sanremo bilancio più che positivo, parla Stefano Serra.

186
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia

Archiviata la 72 edizione del festival di Sanremo, è tempo di dare la parola al Re del benessere dei big della kermesse. Il maestro indiscusso del Festival dei Sogni di Sanremo: il Maestro Stefano Serra. Ideatore e direttore della luxury spa Somnia Aurea spa di Sanremo targata Dream Massage®. Uno spazio dedicato al benessere degli artisti e personaggi dello spettacolo legati alla kermesse.

Il Maestro Stefano Serra, spa manager di fama internazionale è da poco rientrato nella sua Napoli ed è già pronto per le prossime avventure.

Ed eccoli alla fine di questo meraviglioso evento dove ho visto salire sul podio il Dream team. Un successo che non ci aspettavamo, ma che è frutto di mesi di lavoro e sacrifici

Non voglio essere considerato ne il Maestro ne tantomeno il Prof Serra ma semplicemente il capitano della nave dei sogni.

Questanno ho portato con me ragazzi giovani, 9 meravigliosi operatori di benessere Nataliya Borysyuk (Ucraina – Campania)  Francesco Ruggeri (Lazio) Eleonora Antifora (Abruzzo) Giada Rotta (Sicilia) Monika Ostrowska (Polonia)  Silvia Ghidoni (Lazio), Erisa Muharremi (Albania), Giulia  D’Ascenzi (Lazio) e Adjola Bahaj (Albania), e 3 tutor Claudia Musaj (Sanremo2020 da Lugano), Simona Puttolu (Sanremo2019  dalla Sardegna) e Paolo Manna (Sanremo2021  dalla Campania).

Uno staff di grandi professionisti, dalla grande Dermatologa la Dottoressa Sparavigna alla psicologa  Dottoressa di Vicino, e ancora  il direttore Marketing Gianluca Propoli, ma più di tutti l’insostituibile responsabile tecnica e spa manager  Rosa Frezza.

Il Maestro Serra racconta: “In 7 anni, questo è stato l’anno più bello, quello più ricco di BRIVIDI… brividi che andavano direttamente al cuore. Al cuore di tanti artisti e addetti ai lavori, da Iva Zanicchi, Donatella Rettore, Irama,  la Rappresentate di Lista, Federico Fashion Style, Alba Parietti, Mariateresa Ruta, Mercedes Henger, Antonella Salvucci, tutti i maestri che  dirigevano  l’orchestra e tanti altri Vip che amano e hanno amato il Dream Massage.

Questo per noi è stato l’anno dei record. Quasi 300 trattamenti per una settimana h24 in una spa sempre aperta a favore dei sogni.

Sono due anni che siamo al Grand hotel Des Anglais.

Meno di un anno fa era solo un cantiere, poi grazie ad un grande imprenditore torinese costruttore delle più prestigiose strutture ricettive italiane tra cui il Hotel Diplomatic di Torino Luca De Fre e  alla professionalità e alla competenza del general manager del Des Anglais  Paolo Madonia, siamo riusciti a costruire un sogno. La Somnia Aurea spa. Un’idea da sogno SOMNIA, il mio sogno Dream Massage.

La vera novità è stato l’elemento acqua grazie alla presenza della splendida piscina del  Grand Hotel Des Anglais, e del trattamento Dream water delphine®.

Parafrasando un brano di Jovanotti: è qui la festa?

In questi giorni artisti protagonisti alla kermesse canora arrivavano e dicevano: è qui la spa? è qui il Dream Massage?

E stato l’anno dei record, l’anno dell’amicizia, della lealtà, della professionalità e dell’amore autentico quello da BRIVIDI.

Io sono un  umile operaio dell’anima, non organizzo eventi, ma un servizio professionale a favore dei grandi eventi come successo quest’anno.

E proprio ora alla chiusura del sipario dell’Ariston penso di colorare di Dream la biennale di Venezia.

Il mantra di questa esperienza si riassume cosi:  pantarei. Perché  tutto scorre, e speriamo di poter archiviare presto questo periodo segnato dal covid, per poterci dedicare all’organizzazione di prossimi importanti eventi e dell’edizione sanremese 2023, un edizione che mi auguro sarà ancora più Dream.

Advertisements