Igiene delle mani e spazi pubblici: le abitudini degli italiani, la ricerca Dyson.

702
FULL BLEED IMAGE. ALL CROPS OF THIS IMAGE MUST BE SIGNED OFF BY A CREATIVE HEAD.

Igiene e spazi condivisi: un tema diventato di grande rilevanza con l’avvento della pandemia, e che ha trasformato in maniera permanente le abitudini della popolazione mondiale.

Dyson offre oggi una panoramica della situazione grazie ai risultati del suo Studio Globale sull’Igiene, condotto nel luglio 2021 su un campione di 15.000 intervistati in 20 Paesi, tra cui l’Italia.

Ci si lava meno le mani, ma la preoccupazione nei bagni pubblici resta alta

L’indagine rivela che se nel 2020 era l’84% degli intervistati a lavarsi le mani con sapone e acqua 5 o più volte al giorno (la maggioranza anche 8 o più volte al giorno dall’inizio della pandemia), nel 2021 questa percentuale è crollata al 74% globalmente. Non è stato però così in Italia, dove è ancora l’84% a mantenere questa abitudine (contro l’89% del 2020), posizionandosi nella top 5 dei Paesi con il maggior numero di persone a lavarsi le mani tanto frequentemente. Fanalino di coda il Giappone, dove lo fa solo 1 persona su 2.

Un altro importante dato indagato dal sondaggio è quello relativo all’utilizzo dei bagni pubblici, un luogo che genera preoccupazione: nel luglio 2021 è infatti il 75% degli italiani a dirsi ancora più preoccupato di usufruirne rispetto all’anno precedente.

A cosa si deve questa tendenza? Le spiegazioni sono varie, a partire dall’allentamento delle misure – o l’aumento del disinteresse per le stesse, come l’utilizzo delle mascherine – o i limiti a livello di orario: alcune misure come le chiusure anticipate sono infatti state revocate durante l’estate del 2020, prima del drammatico picco di casi nella seconda metà dell’anno. A registrare i livelli di preoccupazione più alti a livello globale sono Messico, Taiwan e Turchia, con l’80% degli intervistati che hanno affermato di essere più preoccupati nel 2021 rispetto all’anno precedente.

 

I timori per l’igiene sono legati alle vecchie tecnologie

Cosa preoccupa maggiormente? Tra le principali preoccupazioni legate all’utilizzo delle toilette pubbliche (wc sporchi, mancanza di carta igienica, scarichi bloccati) anche il momento di lavarsi e asciugarsi le mani non è privo di timori.

Per il 50% degli italiani la maggiore preoccupazione è infatti quella di dover toccare tasti fisici (contro il 38% della media globale), mentre il 26% teme di asciugarsi le mani con aria non pulita. Due tematiche principalmente associate agli asciugamani ad aria tradizionali, che potrebbero essere evitate scegliendo dispositivi alternativi e tecnologicamente più avanzati: l’inclusione di filtri per la pulizia dell’aria rassicurerebbe il 50% degli intervistati italiani, e la tecnologia touchless il 55%.

 

Una delle domande rivolte agli intervistati ha indagato quanto fossero preoccupati dall’impatto dei prodotti monouso sull’ambiente, come mascherine, guanti, bicchieri usa e getta e asciugamani di carta; ben 4 su 5 italiani (e 3 su 4 intervistati a livello globale) hanno espresso la propria preoccupazione per l’impatto ambientale associato, il che dimostra un ulteriore interesse per soluzioni più sostenibili come bicchieri riutilizzabili, mascherine lavabili e asciugamani elettrici.

 

La consapevolezza è alta ma serve educazione

Nonostante l’aumento di campagne di sensibilizzazione incentrate sulla salute e sull’igiene durante la pandemia, meno di 1 italiano su 3 (27%) dichiara di asciugarsi le mani per motivi igienici. Molti si asciugano le mani solo per comodità o abitudine. Un numero inferiore rispetto al 2020, quando era il 39% degli italiani a farlo con in mente l’igiene.

 

Il dottor Salome Giao, microbiologo senior e scienziato di Dyson spiega: “Questi risultati evidenziano la necessità di ulteriore sensibilizzazione sull’igiene delle mani. Sappiamo che le mani umide possono trasferire fino a 1.000 volte più batteri delle mani asciutte[1], mentre strofinare le mani sui vestiti può compromettere il processo di lavaggio delle mani, poiché possono aggiungere batteri alle mani lavate se i vestiti non sono puliti[2]“.

[1] Suen LKP, Lung VYT, Boost MV, et al. (2019). Microbiological evaluation of different hand drying methods for removing bacteria from washed hands. Sci. Rep. 9: 13754

[2] Patrick D, Findon G, and Miller T (1997). Residual moisture determines the level of touch-contact-associated bacterial transfer following hand washing. Epidemiol. Infect. 119: 319-325

Advertisements
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia