Personale 118 allo sremo, possibile non garanzia del servizio.

0
1352
Il tributo in piazza del Plebiscito a Napoli che operatori del 118 e alcuni agenti della Polizia di Stato hanno voluto indirizzare alla popolazione napoletana. Alle 10 si sono schierati con alcune ambulanze, non impegnate in servizio, sulle note dell'inno nazionale seguito da un applauso e l'attivazione delle sirene, 11 aprile 2020 ANSA / CIRO FUSCO
Lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

C’è a Napoli la “concreta possibilità di non poter continuare a garantire in futuro le odierne attività di questa Unità Operativa complessa del 118, rendendo impossibile anche il doveroso rispetto del periodo feriale nel periodo estivo, mettendo allo stremo il personale tutto”.

Lo afferma Giuseppe Galano, direttore del 118 di Napoli, in una lettera al direttore generale dell’Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva e al direttore Sanitario Maria Corvino.

“Sono stato costretto mio malgrado – scrive Galano – non avendo altra possibilità, per le croniche e nuove difficoltà prospettate, a sospendere momentaneamente la Postazione di tipo Piazza Nazionale e a demedicalizzare la Postazione Chiatamone, inoltre mi appresto a ritirare il Personale ASL (Infermiere e Autista) dalla Postazione Ferrovia, che sarà sostituito da Personale C.R.I., che comporterà la soppressione di un’altra postazione Croce Rossa “Incurabili”, per permettere il parziale recupero delle risorse umane e continuare a garantire l’unica Postazione “Ferrovia” Medicalizzata da CRI”. Galano nella missiva ricorda che il suo ufficio “garantisce autoambulanze con autista presso i Centri Vaccinali di Mostra D’Oltremare, Stazione Marittima, Fagianeria di Capodimonte e Drive in Frullone e autoambulanze con autista per le attività vaccinali a domicilio, autoambulanze per il trasporto di pazienti soggetti a terapia con Ab-monoclonali” e che “è giunto a livelli critici di carenza in tutti i profili professionali (medici, infermieri, autisti, tecnici), perché si possano assolvere con la dovuta efficienza i doveri”.

“La nota carenza organica ha portato ad invocare sempre di più lo spirito di collaborazione e sacrifìcio dei dipendenti, che hanno garantito le attività con un notevole ricorso di lavoro aggiuntivo. A tal riguardo, devo segnalare un ultimo accadimento che porterà forse irrimediabilmente il 118 a non poter più assolvere la sua funzione, mi riferisco al recente volontario trasferimento dei medici del 118 verso la Medicina Generale e/o la Continuità Assistenziale, avvenuto il 14/15 luglio, indotto dal burn out provocato anche dalla pandemia e in parte dalle ultime vicende contrattuali”. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here