Advertisements
- Pubblicità -realizza un sito ecommerce di successo, aumenta il tuo fatturato in sole 72 ore
Home Rubriche Teatro Fiabe di Primavera, teatro per bambini al Real Orto Botanico.

Fiabe di Primavera, teatro per bambini al Real Orto Botanico.

- Pubblicità -
Annunci

Dopo due anni di arresto causati dalla pandemia ritornano le “Fiabe di Primavera” all’Orto Botanico di Napoli con un nuovo ciclo di spettacoli in programma dal prossimo sabato 2 aprile fino al 29 maggio.

In scena 5 titoli selezionati dalla regista Giovanna Facciolo per la 26ma edizione della rassegna scelti tra i capolavori dei maggiori autori della letteratura universale per l’infanzia e la gioventù, da Andersen a Collodi, Barrie, Fedro, Esopo, La Fontaine.

Singolari allestimenti itineranti, ideati per gli spazi dell’Orto napoletano, accoglieranno adulti e bambini nei tanti percorsi tra teatro e natura del progetto realizzato da I Teatrini e dall’Università degli Studi Federico II con il sostegno del MIC – Ministero della Cultura, della Regione Campania e del Comune.

“Liberiamo la fantasia dopo due anni di forzato letargo – sottolinea la scrittrice e regista Facciolo – e restituiamo ai nostri bambini il diritto di stare insieme e vivere la magia dell’incontro tra teatro e natura”. La nuova stagione, che annuncia 30 giorni di spettacolo per oltre 60 repliche complessive, inizia con “L’albero del sole” (dal 2 al 13 aprile) che proporrà ai piccoli spettatori l’incontro con lo scrittore Hans Christian Andersen e con i personaggi delle sue fiabe, da Pollicina all’Usignolo dell’Imperatore, interpretati dagli attori Monica Costigliola, Adele Amato de Serpis e Leonardo Noto. La rassegna prosegue poi con “Gli alberi di Pinocchio” (in scena dal 19 aprile all’ 8 maggio), “Le favole della saggezza” (dal 2 al 15 maggio), “Con le ali di Peter” (dal 9 al 29 maggio) e con “Storia di un albero e di un bambino” (dal 16 al 29 maggio) che Facciolo realizza a partire da un racconto illustrato di Shel Silverstein. “Ogni spettacolo – dice Luigi Marsano, direttore organizzativo de I Teatrini – è stato realizzato pensando all’Orto Botanico come ad uno dei principali protagonisti del nostro lavoro, ed ancor più immaginandone un ruolo attivo che potesse porlo in relazione immediata con le decine di migliaia di piccoli spettatori che fin qui hanno preso parte alle nostre attività”. (ANSA).

Advertisements
Parla con noi
WhatsApp GazzettadiNapoli.it
Ciao, ti scrivo dalla chat di GazzettadiNapoli.it
Exit mobile version