La Tombola Scostumata di Vincenzo De Lucia, da venerdì 7 a domenica 9 all’Hart (ex Ambasciatori).

0
239

Numeri, cunti, storie, sfottò, “penitenze” e canzoni. Vincenzo De Lucia presenta “Tombola scostumata”, un viaggio nella tradizione popolare napoletana, da venerdì 7 a domenica 9 dicembre all’Hart di Napoli (ex cinema Ambasciatori), in via Francesco Crispi, 33.

Una tre giorni intensa per dare dignità ad una delle più antiche tradizioni partenopee, dapprima sviscerando attraverso la cultura musicale e teatrale popolare (da Viviani fino a De Simone) il vicolo, il popolo nella sua accezione più autentica e positiva, per poi coinvolgere il pubblico nella tombolata, istituendo una vera e propria “partita”, durante la quale assegnare premi e intrattenere in maniera goliardica, festosa e scanzonata i partecipanti.

Merito dell’attore e female impersonator napoletano, classe ‘87, imitatore e trasformista campano specializzato nelle parodie di personaggi femminili del piccolo schermo, da Mara Venier a Maria de Filippi, passando per Mara Maionchi, aver dato forma ad un “gioco – spettacolo” inedito, modernizzando la versione tradizionale della tombola, che risale al 1734, quando Carlo III di Borbone, re di Napoli, legalizzò il gioco del lotto, vietandone, tuttavia, la pratica nella settimana di Natale, dedicata per espressa volontà ecclesiastica alla cura dello spirito. Fu così che l’arguzia popolare perfezionò la versione domestica del gioco, col paniere dei numeri e le cartelle. Per Napoli e per la sua gente esiste tuttora il vero e proprio culto del numero e della numerologia, soprattutto del sogno. Suggestive e curiose le proiezioni curate dallo sguardo attento di Roberto Saura a fungere da scenografia. Non soltanto uno spettacolo dunque ma un vero e proprio momento di aggregazione e divertimento. Ad accompagnare Vincenzo De Lucia nelle tre serate all’Hart quattro musici Luca Mennella (piano ed arrangiamenti), Massimiliano Monachello (batteria e percussioni), Gerardo Acquisto (sax e flauto) e Peppe Fiscale (basso), i due danzatori Joe Palmieri e Raffaele Pennacchio. Trucco e creazioni affidate a Vincenzo Cucchiara. Una Tombola davvero indimenticabile quanto scostumata.

LASCIA UN COMMENTO