A Napoli la Smart City Transformation Academy di WINDTRE

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Si è tenuto presso l’Unione Industriali di Napoli di Piazza dei Martiri, sede del Campania Digital Innovation Hub, l’evento “Mobilità, Turismo e Servizi tra Sostenibilità e Innovazione tecnologica”. L’incontro fa parte del progetto “Smart City Transformation Academy”, l’iniziativa di educazione digitale di WINDTRE dedicata alle Pubbliche Amministrazioni, che mette al centro le tecnologie digitali al servizio del miglioramento ambientale, del risparmio energetico e dell’innovazione come driver del cambiamento per le PA.

Tema del giorno sono state le applicazioni nei settori della mobilità e del turismo, grazie al supporto della data analysis, fornita attraverso data center e infrastrutture cloud. Ad esempio, è possibile fornire alle amministrazioni una vista completa e integrata di tutte le esigenze dei cittadini e del territorio, per favorire gli spostamenti, evitare ingorghi, risparmiare tempo e carburante, ovvero minimizzare gli impatti ambientali. Queste soluzioni consentono di orientare i processi decisionali e di gestire al meglio gli eventi straordinari, con grande affluenza di pubblico, attraverso informazioni reali e approfondite, elaborate dai dati anonimi e aggregati raccolti da WINDTRE grazie al suo ruolo di leader nel mercato mobile.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Stefania Matrone, Direttrice Business Change Office e Ambassador Smart City di WINDTRE, ha dichiarato: “Attraverso i molteplici progetti già realizzati o in sperimentazione con Comuni e Regioni, WINDTRE dimostra come le nuove tecnologie possano contribuire allo sviluppo e alla digitalizzazione delle PA, adattandosi alle diverse esigenze delle amministrazioni, dalla gestione dei flussi di pendolari o di turisti, a quella dei grandi eventi che richiedono un supporto ulteriore in termini di sicurezza e pianificazione. Un’evoluzione della smart city in cui gli operatori svolgono un ruolo di primo piano, grazie al proprio know-how e alla presenza capillare sul territorio”.

Per Maurizio Manfellotto, presidente Campania DIH e vicepresidente Unione Industriali Napoli con delega alle Smart City, Blockchain e Reti d’Impresa: “È tempo di ‘smartizzare’ i centri metropolitani leggendo i territori e le loro esigenze. È evidente che a Napoli non si potranno fare gli interventi immaginati a Dubai, ma è possibile intervenire e raggiungere risultati. Questa città sta rilanciando il suo ruolo in Europa ed ha quindi il compito di investire in nuove tecnologie, di puntare sulla organizzazione e sulla pianificazione dei servizi, intervenendo sulle infrastrutture esistenti. In questo modo Napoli può candidarsi a diventare modello per una nuova idea di smart city, capace di coniugare il grande patrimonio artistico e culturale con l’innovazione”.

Digital transformation for smart mobility è dedicato a quelle realtà che hanno l’esigenza di comprendere fenomeni e trend statistici legati alla reale presenza e mobilità delle persone”, spiega Edoardo Imperiale, Ceo del Campania DIH – Rete Confindustria che è capofila dell’Edih Pride. “La soluzione si basa sull’elaborazione di dati anonimi e aggregati ricavati dalla rete mobile di WINDTRE per proseguire nel percorso di evoluzione della città attraverso le nuove tecnologie. Questa trasformazione è possibile solo grazie alla formula vincente del partenariato, che caratterizza il Campania DIH e lo stesso Edih Pride”.

All’incontro Smart City Transformation Academy di Napoli, moderato da Laura Lapenna di Forum PA, hanno partecipato anche: Valentina Della Corte, Professoressa di economia e gestione delle imprese dell’Università degli studi Federico II e Coordinatrice dell’Osservatorio Turistico Urbano del Comune di Napoli, Giovanni Battista Barone, Direttore Divisione CSI Componente Gruppo ICT dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Luca Cardone, Head of Top & Large Offer di WINDTRE,  Carlo Marino, Presidente ANCI Campania e Sindaco di Caserta e Marcello Savarese, Direttore Data, A.I. & Automation Office di WINDTRE.

L’Academy è parte dell’impegno concreto di WINDTRE per mettere la tecnologia al servizio dei territori e disegnare insieme alle amministrazioni locali la trasformazione urbana digitale e sostenibile delle città italiane, migliorando l’ambiente, la salute e la qualità della vita delle persone.  Le città in Italia che hanno già scelto il modello Smart City di WINDTRE sono 30. Per maggiori informazioni sulle iniziative, è possibile visitare la sezione Sostenibilità del sito WINDTRE:

https://www.windtregroup.it/IT/Sustainability/la-nostra-visione.aspx