Circolo Canottieri Napoli, il Prof. Bracale, candidato alla presidenza, illustra il suo programma.

240

Il prof. Giancarlo Bracale, candidato alla presidenza, propone un programma per il rilancio del Circolo Canottieri Napoli

 

“Sport, attività sociale e trasparenza” sono i tre punti cardine del ricco ed innovativo programma elettorale elaborato dal prof. Giancarlo Bracale, luminare della chirurgia vascolare, candidato alla Presidenza del Circolo Canottieri Napoli.

All’assemblea dei soci fissata per domenica 23 ottobre, Bracale, oltre ad offrire la sua pregressa e premiata esperienza presidenziale al governo giallorosso, offrirà una proposta costruita con il supporto di numerose professionalità con competenze sportive, sanitarie ed economiche già presenti al Molosiglio. Soci pronti a supportarlo nel complesso percorso di gestione dello storico Circolo partenopeo.

Con lui, in prima fila, i due candidati vicepresidente: Gianluca Lemmo (stimato avvocato amministrativista) al coordinamento dell’amministrazione e Rene’ Notarangelo (plurimedagliato di pallanuoto, già campione d’Italia e d’Europa del settebello giallorosso) al coordinamento dello sport giallorosso.

“Il Circolo Canottieri Napoli è sempre stato un punto di riferimento sportivo, sociale, culturale e mondano per la città. In passato lo ha fatto con grande maestria grazie alla compattezza della compagine sociale che ha sempre sostenuto la presidenza di turno. Negli ultimi anni si è registrato un certo grado di conflittualità tra i soci, spaccature che non sono mai bene accolte in un Sodalizio che fa dello sport la massima espressione, con conseguenti spiacevoli dimissioni.

Oggi, più che mai, abbiamo bisogno di essere uniti, e per farlo è necessario impegnarsi su ciò che moltissimi, giustamente, mi chiedono: mettere il socio al centro della vita sociale” dichiara Bracale.

Tra i numerosi punti del programma, una delle principali criticità da sanare sembra essere la disinformazione interna. Una carenza che si vuole superare con la creazione di un canale di comunicazione ad hoc, strumento che possa informare la platea sociale sui progetti in cantiere, sull’evoluzione delle attività programmate ma anche una finestra sempre aperta a nuove idee da parte dei soci.

Lo sport, primaria attività prevista dallo Statuto giallorosso, sarà potenziato dal basso, un investimento sui giovanissimi, anche attraverso il coinvolgimento delle Scuole del territorio. Attività necessaria visto che alcune sezioni sportive si trovano in uno stato di ‘desertificazione’ di atleti. Tutto questo senza però trascurare gli attuali campioni che sono e rimarranno il fiore all’occhiello del Circolo. Azioni che non prevedono aggravi di spesa visto che il Presidente dimissionario ha dichiarato di aver risanato il club e che non sono necessarie contribuzioni extra. Particolare impegno sarà comunque dedicato all’attrazione di sponsor a sostegno delle attività sportive, al miglioramento dell’immagine sociale che porterà anche all’incremento del numero dei soci si spera, incentivati da un nuovo corso del circolo giallorosso.

Al centro del programma anche i rapporti con l’esterno. Il nascente gruppo dirigenziale intende interagire costruttivamente con le Istituzioni del territorio (Comune, Municipalità e Regione) e valorizzare le relazioni con il territorio condividendo le eccellenze sportive attraverso iniziative promozionali e di formazione mirate.

Non mancheranno necessari interventi sullo Statuto e sulla regolamentazione della gestione del sodalizio. Un generale adeguamento della Carta Costitutiva, attraverso una Commissione nominata dall’Assemblea, potrà rendere maggiormente incisivo anche il rispetto di tutti i regolamenti, in particolar modo quelli delle sezioni sportive. Il bilancio dovrà avere programmazione e preventivo annuale con verifica e monitoraggio semestrale. La Presidenza, anche per favorire il turnover, sarà di soli due mandati consecutivi. La scelta dei consiglieri invece dovrà far leva su specifiche competenze per lo svolgimento di attività affidate, valutando anche la disponibilità di candidature spontanee.

Advertisements