Napoli fermato dal Sassuolo, il Var salva dalla beffa finale.

0
886

Il Napoli capolista rallenta la sua corsa in vetta alla classifica facendosi rimontare due gol nella difficile trasferta di Reggio Emilia contro il Sassuolo. Al Mapei Stadium finisce 2-2 con la squadra di Spalletti che passa in vantaggio con Fabian Ruiz al 51′, al 59′ il raddoppio di Mertens. Al 71′ per i neroverdi in gol Scamacca. Al 90′ il pari di Ferrari. La classifica vede i partenopei salire a 36 punti, a 35 il Milan vittorioso a Marassi col Genoa, a 34 l’Inter. A 19 il Sassuolo.

Partono forte le due squadre, al 6′ Lozano pesca Zielinski in area, il polacco passa a Fabian Ruiz il cui tiro da posizione invitante finisce addosso al compagno. Imbucata di Traoré per Frattessi che prova senza fortuna il controllo al volo, Ospina blocca. Al 15′ mani tra i capelli per Zielinski che dall’area piccola spara alta una girata dall’area piccola su torre di Di Lorenzo.

Al 26′ verticalizzazione per Insigne che entra in area e in caduta cerca l’angolino ma Consigli è bravo a distendersi e bloccare. Al 33′ occasione Napoli, azione sulla fascia destra con Lozano che la mette al centro, Consigli in tuffo salva su una deviazione di un suo compagno. Insiste il Napoli, Insigne tenta un tiro a giro dalla lunetta ma sbaglia.

Lavora un buon pallone il Sassuolo con Raspadori che da posizione defilata tenta un rasoterra sul palo lontano ma Ospina è attento. Al 43′ sugli sviluppi di un corner palla a Ferrari che trova lo spazio per girarsi, il rasoterra è bloccato in presa bassa dal portiere.

Dopo una doppia conclusione di Zielinski, al 51′ il Napoli sblocca la partita, Mertens ruba palla e Zielinski serve al centro Fabian Ruiz che con un rasoterra preciso prende in controtempo Consigli. Al 59′ il raddoppio azzurro, su tocco dentro di Zielinski è bravo Mertens a controllare di esterno e in una frazione di secondo a far partire un diagonale imparabile per il portiere.

La risposta del Sassuolo è un tiro centrale di Scamacca neutralizzato da Ospina. Al 71′ i neroverdi accorciano, Scamacca controlla di petto un difficile pallone e di destro fulmina Ospina. Ci provano gli emiliani, tiro da fuori di Berardi tra le braccia del portiere. Infortunio per Koulibaly sostituito da Juan Jesus. Napoli in sofferenza nel finale di gara con il Sassuolo a caccia del pari.

Contropiede Napoli con Petagna che mette al centro per Politano murato al momento del tiro. Al 90′ su punizione tesa in area vola Ferrari che di testa trova l’angolino all’incrocio: 2-2. Al 93′ impazzisce il Mapei Stadium, tiro angolato dal limite di Defrel che insacca ma l’arbitro Pezzuto dopo aver consultato il Var annulla per un fallo iniziale di Berardi su Rrahmani. Finisce 2-2.

Nel momento in cui loro hanno cominciato a pressare, noi abbiamo perso qualche pallone di troppo, invece che giocare con la consueta calma”. Così Luciano Spalletti analizza il pareggio per 2-2 del suo Napoli sul campo del Sassuolo, risultato che riduce a un punto il vantaggio sul Milan e a +2 quello sull’Inter. “Magari pensavamo che il 2-0 non potesse essere rimontato, poi sono successe delle cose, tipo che qualche calciatore ha sentito la stanchezza. Finchè eravamo sul 2-0 stavamo facendo la partita su entrambi i lati: ci è mancata la qualità nella gestione della palla nel forcing finale loro, gliel’abbiamo ridata spesso e hanno costruito l’aggressione finale”.

“Nel finale sono stato espulso perché ho protestato, sulla punizione per il gol di Ferrari c’è fallo su Rrahmani invece viene dato fallo contro. Lo tira giù con il ginocchio e con il braccio lo tiene. Quello di Demme può essere anche fallo, ma prima c’è l’episodio di Rrahmani, ho avuto subito quella sensazione. Io cerco sempre di non andare a protestare e di non mandare i miei giocatori dall’arbitro, invece mi sembra che gli altri lo facciano spesso”.

Fabian Ruiz ha scelto di restare in campo: gli avevo chiesto di uscire, mi ha detto che voleva giocare altri due minuti e in quelli ha avuto questo problema all’adduttore – spiega – ha qualche problema lui come Koulibaly, ha fatto un’apertura anomala e ha sentito dolore. Vedremo come staranno. Il loro recupero per il prossimo turno diventa difficile, li valuteremo. A Insigne si è indurito il polpaccio, poteva farsi male e quindi l’ho sostituito”.

Advertisements

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here