Universiadi, si inaugura il villaggio alla Stazione Marittima. Dalla Rai 60 ore di trasmissione. Lunedì 1 inaugura mostra dedicata al MANN. Le 12 azzurre del volley.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Lo scenario naturale del Golfo di Napoli e una coreografia che richiama le icone napoletane, come la Sirena Parthenope e il Vesuvio, insieme ai colori dell’Universiade, faranno da sfondo alla cerimonia di inaugurazione del Villaggio Atleti di Napoli. Domani, venerdì 28, alle ore 17, il taglio del nastro presso il Piazzale Razzi della Stazione Marittima di Napoli alla presenza, tra gli altri, del Presidente della Regione Vincenzo De Luca, del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, del Commissario straordinario dell’Universiade Gianluca Basile, del Presidente della FISU Oleg Matytsin e del Presidente del CUSI Lorenzo Lentini.

Inoltre, il Country Manager MSC Crociere Italia, Leonardo Massa, e il Vice Presidente Costa Crociere, Mario Alovisi, daranno il benvenuto a bordo ai circa quattromila, tra atleti e delegati, che alloggeranno sulle navi MSC Lirica e Costa Victoria, ormeggiate nel Porto di Napoli fino al 16 luglio.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Le due navi costituiscono un vero e proprio Villaggio galleggiante perfettamente attrezzato per offrire agli ospiti alloggi di qualità, attrezzature necessarie per l’allenamento ma anche relax e intrattenimento.

Nei prossimi giorni seguiranno le inaugurazioni degli altri due Villaggi Atleti della 30^ Summer Universiade, a Salerno e a Caserta.

Sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa nella sede Rai di viale Mazzini a Roma i dettagli dell’impegno della Tv di Stato per l’Universiade Napoli 2019. Durante tutta la manifestazione, dal 3 al 14 luglio, ci saranno 60 ore di trasmissione: 5 ore al giorno con spazi su Raidue – che trasmetterà anche la diretta della Cerimonia d’apertura la sera del 3 luglio – su Raisport, Radio Rai e su tutti i canali social, con tutti i contenuti live e on demand, visibili su Raiplay. Alla conferenza stampa di stamane sono intervenuti con il Direttore dei palinsesti Rai, Marcello Ciannamea, il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il Commissario Straordinario di Napoli 2019, Gianluca Basile, il presidente della FISU, Oleg Matytsin, il Presidente del CUSI, Lorenzo Lentini, il Direttore di Raisport, Auro Bulbarelli, l’olimpionica Manuela Di Centa, Coordinatrice dei rapporti sportivi istituzionali di Napoli 2019.

“L’Universiade – ha esordito il Presidente della Regione, Vincenzo De Luca – è un evento di grande valore e rilievo, un’occasione unica per la promozione ed il rilancio di Napoli e della Campania. Abbiamo la responsabilità di rappresentare l’immagine dell’Italia. L’Universiade – ha aggiunto – è stata una grande scommessa, che ha comportato un lavoro immane, per un risultato che si attende molto positivo”. Il Commissario Straordinario Basile ha ricordato il lavoro svolto nella riqualificazione delle infrastrutture: “Siamo orgogliosi degli oltre sessanta impianti sportivi in tutta la Campania ristrutturati con l’impiego di 270 milioni di fondi pubblici provenienti dalla Regione Campania. Un grande lavoro è stato fatto dalle oltre 600 persone che lavorano nel Comitato Organizzatore, con il supporto di migliaia di volontari e tirocinanti delle Università”. Il Direttore dei palinsesti Rai, Ciannamea, ha commentato: “La Rai è orgogliosa di dare visibilità all’Universiade. Ci saranno due finestre al giorno su Raidue, una al mattino e una nel preserale. Copriremo l’evento con dirette e differite con particolare attenzione al pubblico giovane”, ha concluso. La Rai seguirà l’evento con inviati di primo piano. Anchorman sarà Antonello Orlando. La cronaca della Cerimonia di apertura sarà affidata al telecronista della Nazionale di calcio, Alberto Rimedio, affiancato da Carlo Verna e da una voce femminile a sorpresa. Anche Radio Rai sarà impegnata nella narrazione dell’Universiade, sia con servizi ed approfondimenti nelle varie edizioni del Giornale Radio 1 e Radio 2, sia con appuntamenti dedicati su Radio 1 Sport: i programmi “Palla al centro”, “Note di sport” e il “Caffè”, ospiteranno servizi, interviste e radiocronache in diretta.

Lunedì 1° luglio, alle 17, sarà inaugurata, alla presenza del Commissario Straordinario dell’Universiade Napoli 2019, la mostra “Paideia. Giovani e sport nell’antichità”, in programma al MANN sino al 16 settembre.

Ad accogliere il Commissario Gianluca Basile ci sarà il Direttore del Museo Paolo Giulierini, che conferma il gemellaggio simbolico con la manifestazione sportiva internazionale: “Benvenuta Universiade! Il Museo Archeologico Nazionale si appresta a vivere da protagonista un evento indimenticabile per Napoli e per l’Italia. Negli ultimi mesi abbiamo lavorato in grande sinergia con l’organizzazione di Napoli 2019 e con la Regione Campania e oggi siamo orgogliosi ed emozionati: custodiremo la fiaccola, qui nel cuore della città che fu dei giochi Isolimpici, dove da sempre lo sport fa parte della vita. E apriremo le nostre porte ai giovani atleti di 120 paesi, certi che si sentiranno a casa. In omaggio ai valori dell’Universiade abbiamo pensato a ‘Paideia’, una mostra preziosa, con reperti ‘invisibili’ da tempo, dai vasi figurati ai mosaici, e prestiti importanti.  Ma come è noto sono tante le testimonianze dello sport nell’antichità nelle nostre collezioni che a luglio si arricchiranno con la ‘Magna Grecia’. Vi aspettiamo, il mondo è invitato”.

 

Nella Sala dei Tirannicidi saranno presentati al pubblico venticinque reperti, provenienti, in particolare, dai ricchissimi depositi del Museo e non esposti da oltre vent’anni, insieme ad alcune opere del Getty Museum di Los Angeles.

Tra i reperti inseriti nell’exhibit vi saranno anfore paratenaiche (nell’antica Grecia erano offerte come premio ai vincitori delle gare e, generalmente, contenevano olio), vasi con raffigurazioni delle diverse discipline sportive, affreschi delle città vesuviane con rappresentazioni di lotte e corse con bighe, sculture in marmo di atleti ed iscrizioni provenienti da Napoli antica.

Disseminati all’interno del Museo ed in dialogo con i capolavori delle collezioni permanenti, vi saranno dei pannelli che approfondiranno alcune tematiche legate allo sport nell’antichità: il ruolo sociale dell’atleta, le discipline più praticate (tra queste, lotta e pugilato, corsa con fiaccole tipica della Napoli antica, corsa con cani, atletica), il mondo femminile nello sport (le donne, solitamente, gareggiavano nell’ambito di cerimonie religiose ed in santuari dedicati alle divinità femminili).
Si ricollegherà alla tradizione mitologica classica ed, in particolare, alla figura sacra di Ananke (per i Greci era la Dea pre-olimpica del Fato), lo spettacolo “Patrizio VS Oliva”, che sarà in calendario il 1° luglio, alle ore 18, al Museo Archeologico Nazionale in occasione del vernissage di “Paideia”: il famoso campione olimpico e mondiale di pugilato, Ambassador dell’Universiade, sarà in scena con Rossella Pugliese per raccontare la bellezza e la complessità del ring della vita; la pièce, tratta dalla biografia “Sparviero – la mia storia” di Patrizio e Fabio Rocco Oliva, avrà la regia di Alfonso Postiglione.

 

L’attività culturale, prevista per l’inaugurazione della mostra “Paideia”, anticiperà il passaggio della Torcia Universiade Napoli 2019 al MANN: la Torcia, icona di pace, unione e fratellanza, giungerà al Museo Archeologico Nazionale nella serata di martedì 2 luglio, per “dormire” (è questo il termine utilizzato, quasi per indicare la personificazione ed il valore affettivo della fiaccola) al MANN dopo un lungo viaggio nella penisola, le cui tappe emblematiche sono state la partenza torinese e la benedizione in piazza San Pietro da parte di Papa Francesco.

Infine, per vivere a pieno il legame tra sport e cultura, visitando le collezioni museali e l’esposizione “Paideia”, dal 1° al 20 luglio il Museo Archeologico Nazionale di Napoli garantirà ingresso gratuito agli accreditati (delegati, atleti, giornalisti) e volontari Universiade; i possessori di un ticket della manifestazione avranno accesso al MANN ad un costo simbolico di 2 euro.

È stata resa nota la squadra azzurra di pallavolo femminile che prenderà parte alla 30^ Summer Universiade Napoli 2019. A disposizione dell’allenatore Luca Pieragnoli ci saranno le palleggiatrici Carlotta Cambi e Francesca Bosi; le Centrali, Beatrice Berti, Alexandra Botezat e Beatrice Molinaro; le Schiacciatrici Elena Perinelli, Giulia Angelina, Francesca Villani. Nel ruolo di Opposto: Sylvia Nwakalor, Anna Nicoletti. Da Libero, Chiara De Bortoli, Francesca Napodano. L’Italia è inserita nel Girone D, con Svizzera, Giappone e Usa, ed esordirà contro gli Usa venerdì 5 luglio al PalaSele di Eboli, a partire dalle 20.30. Per assistere alla gara biglietti al costo di 3 euro. A Napoli 2019, il programma prevede 16 nazioni partecipanti per il torneo femminile di pallavolo.

Il team diretto da Pieragnoli schiera diverse giocatrici della Nazionale che hanno già ottenuto successi in campo europeo e mondiale. Carlotta Cambi con la maglia azzurra ha conquistato l’oro al Torneo 8 Nazioni Under 18 nel 2012, l’anno successivo l’argento al Campionato Europeo Under 18, e nel 2015 il bronzo al Mondiale Under 20. Fuori dal taraflex ama alternare le partite di beach volley ai testi di Kafka. Chiara De Bortoli, invece, è stata campionessa d’Italia Under 14; medaglia di bronzo al Campionato del Mondo 2015 a Porto Rico, ed ora la Nazionale, come Beatrice Berti, che ha ottenuto la prima convocazione con la maglia azzurra nel 2017: con la Nazionale Under 20 ha vinto il bronzo al campionato mondiale nel 2015. La schiacciatrice Francesca Villani è stata, nella stagione 2017-2018, la principale protagonista della promozione in serie A1 con la Palayamamay, prima che il ct azzurro Davide Mazzanti la chiamasse in Nazionale. Sylvia Nwakalor, di origini nigeriana e sorella della pallavolista Linda Nwakalor, nel 2018 ottiene le prime convocazioni nella nazionale maggiore, vincendo, nello stesso anno, la medaglia d’argento al campionato mondiale.

Come la pallacanestro, anche la pallavolo è stata uno dei programmi presenti fin dalla prima edizione dell’Universiade. A Torino, nel 1959, furono 12 le squadre partecipanti, mentre il torneo femminile prese il via nell’edizione successiva con sei compagini partecipanti. Con il passare delle edizioni il torneo di pallavolo è stato uno dei più seguiti. A Napoli 2019 le gare si disputeranno oltre al PalaSele di Eboli, al PalaCoscioni di Nocera Inferiore, al Palazzetto dello Sport di Ariano Irpino, al PalaTedeschi di Benevento. Le finali femminili di pallavolo si terranno l’11 luglio al Palacoscioni di Nocera Inferiore, nel Salernitano, a partire dalle ore 12.