Universiadi, trasporti pubblici gratuiti per delegati e volontari. Prosegue il viaggio della torcia, tappa a Salerno sabato 29. Le speranze degli azzurri del judo.

587

È stato sottoscritto tra il Comitato Organizzatore dell’Universiade Napoli 2019 e il Consorzio Unico Campania un accordo che permette ai delegati provenienti dai 120 Paesi iscritti alla manifestazione e a tutti coloro che ne prendono parte come volontari di usufruire gratuitamente dei servizi di trasporto pubblico locale in tutta la regione Campania.

“Un accordo molto importante”, è stato il commento del Commissario Straordinario di Napoli 2019, Gianluca Basile, “perché offre agli aventi diritto la possibilità di spostarsi, in maniera semplice e gratuita, su tutto il nostro territorio, per raggiungere i siti di gara ma anche per visitare le tantissime località turistiche della nostra regione. È un accordo immaginato da tempo – ha proseguito – voglio ringraziare anche il Consigliere regionale con delega ai Trasporti, Luca Cascone, che ci ha dato un grosso contributo”. Per Gaetano Ratto, Direttore del Consorzio Unico Campania, il servizio offerto a delegati e volontari “è un segnale importante perché dà fiducia al sistema di trasporti della nostra regione, premia gli sforzi che la Regione sta facendo in questo ambito, sia la grande volontà di rilancio che hanno le aziende del trasporto pubblico nella nostra regione”.

Sabato 29 il “tour nel tour” della Torcia dell’Universiade che ha attraversato le città di Avellino, Benevento e Caserta, arriva a Salerno per la sua penultima tappa.

Il percorso inizierà alle 19.30 sul Lungomare all’altezza di piazza della Concordia e proseguirà per un chilometro costeggiando il mare fino all’arrivo sulla spiaggia di Santa Teresa animata dalla Mascotte Partenope che accoglierà il pubblico.

Tredici tedofori che parteciperanno alla tappa, tra questi gli sportivi: Antonietta di Martino, campionessa del mondo del salto in alto, Antonella Coppola, capitano della Jomi Salerno, Pallamano vincitrice dello scudetto, Pina Napoletano, team handball Jomi Salerno, Massimiliano Mandia, campione europeo di tiro con l’arco, Rosario Ruggiero, karateka, Michele Gallo, campione mondiale di sciabola, Claudia Mandia, atleta di tiro con l’arco, Rosanna Pagano, vincitrice del mondo di scherma, Claudia Memoli, campionessa europea di scherma, Davide Tizzano, campione olimpico di canottaggio e Head of Sport dell’Universiade Napoli 2019.

Una volta giunta la fiaccola alla spiaggia di Santa Teresa, inizierà la seconda parte della tappa con i saluti istituzionali del Sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, del Presidente della Provincia, Michele Strianese, del Prefetto di Salerno, Vincenzo Russo, del Commissario straordinario dell’Universiade, Gianluca Basile, dell’Assessore allo Sport, Angelo Caramanno, il Presidente CUSI, Lorenzo Lentini. In chiusura l’intervento del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

La Torcia dell’Universiade concluderà il suo percorso il 2 luglio a Napoli, tappa finale.

“L’Universiade sarà una vetrina importante sia per i nostri atleti che per Napoli e l’intero territorio regionale”. Il napoletano Massimo Parlati è il ct della Nazionale italiana di judo alla 30^ Summer Universiade, che vanta nel suo palmares dieci titoli italiani, dal 1979 al 1999. Parlati sarà affiancato dal romano Massimo Sulli, ex allenatore delle Fiamme Gialle, oro ai Giochi del Mediterraneo di Atene nel 1991. “A Napoli 2019 – aggiunge Parlati – portiamo giovani atleti di valore. Posso dire che il nostro livello è alto e contiamo di fare una bella figura. A Napoli 2019 ci saranno medagliati mondiali molto temibili come l’ungherese Krisztian Toth e il moldavo Denis Vieru”. A rappresentare i colori azzurri per il judo maschile ci saranno Mattia Miceli, Andrea Gismondo, Tiziano Falcone, Lorenzo Rigano, Claudio Pepoli. Sul tatami per le donne: Martina Castagnola, Beatrice Brienza, Chiara Cacchione, Debora Sala, Carola Paissoni. Tra i più titolati dei judoka azzurri Andrea Gismondo, che appena pochi mesi fa ha vinto un bronzo ai campionati europei di Dubrovnik. Tra le donne Carola Paissoni, già all’Universiade di Taipei due anni fa, argento all’Open d’Europa a Madrid nel 2016, campionessa italiana nel 2015, ha vinto la Coppa dei Campioni a Dubrovnik nel 2015, diverse medaglie di Coppa Europa per senior e juniores, una medaglia di bronzo al Grand Prix Tbilisi nel 2018.

A Napoli 2019 le gare si terranno, dal 4 al 7 luglio, presso il padiglione 6 della Mostra d’Oltremare di Napoli. Cinque euro il costo del biglietto anche per le finali. Nell’ultima edizione dell’Universiade estiva, a Taipei, a dominare è stato il Giappone che ha vinto 16 medaglie di cui 10 di oro, equamente divise tra squadra maschile e femminile. Il judo è stato inserito nel programma degli sport obbligatori nell’Universiade di Bangkok nel 2007. La crescita di questa disciplina è stata continua nel susseguirsi delle edizioni. A Napoli 2019 saranno presenti ben quattro categorie di peso maschile (fino a 100, 81-90, 66-73 e fino a 60) ed altrettante femminile (fino a 78, 63-70, 52-57 e fino a 48).

Advertisements