Accordo Findus-ETS per la licenza di Carletto, il camaleonte dei Sofficini.

434
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

Findus – leader nel mercato dei surgelati e parte del gruppo Nomad Foods – annuncia un accordo di partnership con ETS licensing – una delle principali agenzie di licensing indipendenti in Italia – per la gestione dei diritti di licenza di Carletto, l’istrionico camaleonte che ha incarnato nel tempo il brand Sofficini.

 

È il 1998 quando Carletto approda in tv in uno spot televisivo di Sofficini. Da quel momento diventa il volto e l’anima della marca, per la sua capacità di esprimerne al meglio l’identità, comunicando efficacemente la golosità del prodotto e rafforzandone l’immagine distintiva. Diventa il protagonista indiscusso di tutte le successive attività di comunicazione, sia sui mezzi tradizionali che sul web, sia nei punti vendita che nelle attività di consumer promotion. Il camaleonte, grazie alla sua simpatia, alla capacità di coinvolgere e invitare a giocare con lui, ha saputo interpretare il bambino presente in ciascuno di noi, riuscendo ad incarnare nel tempo il brand in maniera sempre più trasversale.

Ora Carletto è pronto ad intraprendere nuove avventure, che lo vedranno protagonista in altri ambiti, tutti da esplorare, in cui far vivere il suo spirito gioioso e irriverente che negli anni ha saputo conquistare grandi e piccoli.

 

Carletto è un personaggio particolarmente amato da famiglie e bambini – commenta Carly Arnold, Marketing Director Findus in lui abbiamo visto un grande potenziale anche al di fuori della nostra categoria, la produzione di surgelati. L’obiettivo di questa ‘character extension’ è andare ad intercettare i nostri consumatori attraverso leve completamente diverse da quelle attuali, con strumenti e modalità nuove.”  Un’intuizione che arriva anche da un riscontro molto positivo da parte dei consumatori: “nel tempo abbiamo ricevuto molte manifestazioni di interesse per Carletto: per questo abbiamo scelto di affidarci ad un partner autorevole, come ETS Licensing, per esplodere al meglio queste opportunità.”

 

L’approdo di Carletto al mondo del licensing rappresenta un punto di partenza per l’espansione dell’attività del personaggio. L’avvio del percorso intrapreso con ETS Licensing sarà presentato per la prima volta nel corso del Kids Marketing Days, in programma a Milano il 10 marzo.

 

“ETS Licensing è onorata di essere stata scelta da Findus per essere l’agenzia che li accompagnerà nello sviluppo di Carletto come asset immateriale e proprietà Intellettuale – commenta Francesco Raiano, Responsabile Licensing&New Business di ETS Licensingsi tratta di un progetto innovativo con esempi all’estero, ma è la prima volta che accade in Italia ed è la prima volta che il punto di partenza è un personaggio testimonial di prodotti food. L’awareness e l’appeal della personalità di Carletto, sviluppata e sostenuta da Findus, sono ottime premesse per farne una icona pop e guidarne lo sviluppo in altre categorie di prodotto.

LA NASCITA DI CARLETTO: IL BAMBINO DENTRO OGNUNO DI NOI

Il 14 Agosto 1998 è considerata la data di nascita di Carletto, all’interno della storica campagna pubblicitaria le Famiglie del Sorriso, in cui famiglie di esseri umani venivano sostituite da famiglie di animali. Come gli orsi, i ricci, i polipi, i canguri, i serpenti e i pappagalli, anche i camaleonti sono il frutto della creatività e della visionaria intuizione di Barbara Capponi e Paola Rando, considerate le mamme di Carletto, poi “adottato” dal copywriter Filippo Santi. Per la realizzazione dei pupazzi la scelta ricade sui migliori: l’agenzia Jim Henson’s Creature Shop, nata nel 1979 dal puppeteer Jim Henson che, tra le altre cose, aveva ideato gli indimenticabili Muppets. Così nascono, uno dopo l’altro, i protagonisti delle Famiglie del sorriso, animati manualmente dagli esperti puppeteer inglesi, come i classici burattini “a guanto”, e in parte telecomandati, “creature molto sofisticate”. L’idea vincente? Rendere Carletto lo “stomaco” del consumatore: quell’avidità bambina che rappresenta il desiderio di Sofficini e che scalpita al grido “Tu non hai fame?”.  Negli anni, l’affascinante pupazzo animatronic viene sostituito dalla computer graphic 3D e dall’animazione digitale, ma la sua natura birichina e ammiccante rimane intatta.

 

L’ASCESA DI CARLETTO, PROTAGONISTA DI MILLE AVVENTURE

Dal 2002 a oggi Carletto è al centro delle più svariate gag negli spot televisivi, protagonista nelle consumer promotion, attrazione principale di eventi dedicati, volto inconfondibile di tutte le confezioni della gamma Sofficini e mascotte scatenata sui social network. Con il suo sprint irresistibile, Carletto si muove con agilità nelle campagne di instant marketing ed è il perfetto animatore per la Serata Sofficini, la serata più attesa della settimana, una cena allegra e spensierata amata da grandi e piccoli, in cui il divertimento è sovrano. Nel 2013 il camaleonte veste i panni di un perfetto judoka con il tormentone “E tu lo sapresti fare?” per realizzare la sua missione impossibile, rompere con una sola mossa un baule contenente un Sofficino; l’anno successivo Carletto, in smoking, si presenta a Sanremo con la sua prima hit “Hai capito il piccoletto”, tentando la scalata verso il successo. E ancora, investigatore speciale, calciatore e persino pittore bohémien quando nel 2017 con la celebre domanda “Non si può migliorare un capolavoro?” imbraccia tavolozza e pennello per dipingere un’opera di cui va molto fiero: la nuova Gioconda. Nel 2020 è al centro di una fortunata campagna multicanale in cui attraversa le diverse epoche in cui i Sofficini hanno rallegrato i pasti degli Italiani, dagli anni Settanta a oggi, mentre nel 2021 viaggia per tutta la penisola portando tutti i consumatori “In giro per l’Italia con Carletto.”

Advertisements