La solidarietà, senza la camorra, ha un altro sapore. La solidarietà circolante: Stato-imprese-cittadini.

0
275
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

Il pane senza la camorra ha un altro sapore: quello della solidarietà per le persone deboli. Con la riapertura del settore ristorativo, l’iniziativa benefica inizia a prendere sempre più forma ed a rispondere a questa richiesta di aiuto dell’associazione “Report” in favore dei più deboli è il Maestro pizzaiolo Salvatore Di Matteo, titolare dell’antica Pizzeria Di Matteo in via Tribunali, che da lunedì 11 maggio apporterà anche il suo contributo con la fornitura di pane realizzato con la stessa magia con cui fa le sue pizze e cotto nello storico forno del suo locale.

In supporto dell’iniziativa anche l’Associazione Terronian che col suo “Terronian Project” è sempre disponibile a dare una mano al territorio. In quest’occasione metterà a disposizione la farina del brand “Eccellenze del Sud” che verrà utilizzata per il pane realizzato presso la Pizzeria Di Matteo.

L’impegno dei promotori Per iniziativa dell’associazione antiracket e antiusura SOS IMPRESA-RplL e dell’associazione Report, coordinate da Luigi Cuomo ed Anna Ferrara, nell’ambito del progetto “La solidarietà, senza la camorra, ha un altro sapore”, da lunedì 11 a domenica 17 maggio tutte le mattine Salvatore Di Matteo sfornerà il pane della solidarietà che l’associazione Report con l’aiuto di Luca Napoleone, scrittore di viaggi e cibo, consegnerà gratuitamente ad alcune famiglie e comunità di cittadini più fragili e bisognose della nostra città.

“Quello che stiamo vivendo è un tempo difficile per tutti, ma il mio augurio è quello di riuscire nell’impresa di comunione e vicinanza sociale spezzando tutti insieme il pane della legalità!” afferma Salvatore Di Matteo, già vicino all’Associazione SOS Impresa-RplL nel suo percorso di libero imprenditore. Anna Ferrara, dirigente regionale dell’associazione antiracket SOS IMPRESA e animatrice dell’associazione Report, che ha promosso l’intera iniziativa ha dichiarato: stiamo organizzando la solidarietà a favore dei più deboli da settimane, abbiamo consegnato il pane e spese alimentari in molte realtà cittadine e finanche al prof Ascierto del Pascale per ringraziarlo dell’opera che sta svolgendo nel suo ambito. Siamo soddisfatti e fiduciosi che questo esempio di impegno civile della parte migliore di Napoli sia da monito a quanti denigrano la nostra città e la sua gente. Dopo questa settimana del pane della solidarietà targato Di Matteo continueremo a fare la nostra parte fino a quando sarà necessario.

Una settimana di pane solidale La pizzeria produrrà il pane per una intera settimana dal prossimo 11 maggio che, a cura dell’associazione Report, sarà poi consegnato gratuitamente, tra gli altri, al Centro Caritas di accoglienza Padre Elia Alleva di via Amerigo Vespucci, alla Comunità di Sant’Egidio di Ponticelli, alla Comunità Afro del Vasto, ad alcune famiglie del rione Conocal di Ponticelli e all’associazione sudamericana di solidarietà Corazon Latino di via Sant’Elia ai Vergini.

“Il nostro piccolo contributo spero sia quello di aiutare chi ha serie difficoltà maggiori di altri. Ha dichiarato il presidente dell’associazione Report Pellegrino Reale. Fornendo almeno il pane, che è l’elemento fondamentale per il sostentamento fisico. In attesa che l’emergenza rientri e si torni a condurre una vita migliore, sperando che il Coronavirus resti solo un brutto ricordo.” La visita dei prefetti Martedì 12 maggio il Commissario nazionale di Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura Prefetto Annapaola PORZIO farà visita alla pizzeria Di Matteo per sostenere questo ammirabile gesto di solidarietà a favore dei più fragili e giovedì 14 sarà il Prefetto di Napoli Marco Valentini a visitare la pizzeria Di Matteo per portare la sua solidarietà alla coraggiosa pizzeria oggetto, mesi fa, di un attentato intimidatorio di stampo camorristico.

Babazar.it le grandi marche abbigliamento donna con il 60% di sconto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here