1 italiano su 10 in povertà alimentare, presentato il report di Banco Alimentare ad Expo.

0
62
banco-al-dettaglioSi è tenuto all’Auditorium di Cascina Triulza di Expo Milano 2015 il convegno di presentazione del libro “Food poverty food bank – Aiuti alimentari e inclusione sociale” di Giancarlo Rovati e Luca Pesenti.
Presenti gli autori insieme a Luigi Bobba, Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Domenico Fumagalli, Presidente Padri Separati Lombardia, Andrea Giussani, Presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus, Pasquale Seddio, Presidente Opera Cardinal Ferrari, Sergio Silvotti, Presidente Fondazione Triulza, Giorgio Vittadini, Presidente Fondazione per la Sussidiarietà.
Il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Maurizio Martina è intervenuto in video conferenza da Roma.
Quasi 6 milioni di italiani soffrono la fame, 1,3 milioni sono minorenni
110804711-7a8dec9f-0536-42cc-94e4-e3fb4a6566ceLa ricerca, promossa da Banco Alimentare, è stata condotta studiando 15.000 organizzazioni caritative che compongono il vasto sistema degli aiuti alimentari italiano. “Dopo quella condotta tra il 2007 e il 2009” si domanda Giancarlo Rovati, “cosa c’è di nuovo oggi rispetto a quella prima indagine? Allora ci eravamo riferiti ai dati 2007-2008, dunque prima della grande crisi. Condurre la stessa ricerca sulla povertà oggi significa registrare gli effetti della crisi sulla società e sulla vita quotidiana. Negli ultimi dieci anni l’incidenza della food poverty è raddoppiata: cinque milioni e mezzo di persone non hanno cibo sufficiente, di questi il 24% sono minori. Il motivo di questa incidenza così alta è dovuto al fatto che a essersi impoverite sono le famiglie: la gran parte dei poveri sono lavoratori, che pur avendo un lavoro non riescono a rispondere al fabbisogno proprio e della propria famiglia. Le strutture esistenti non bastano”. Insieme alla povertà è cresciuta l’imprenditorialità del sociale. “Oggi in totale le strutture di assistenza sono 17.000 tuttavia l’azione di questi enti non è sufficiente perché quello che riescono a offrire non ha caratteristiche sufficienti a garantire un’alimentazione adeguata”.
La povertà non va mai in vacanza
Il concetto di food poverty indica la dimensione alimentare della povertà. La povertà dei Paesi ricchi, rivela la ricerca, è diversa da quella dei Paesi poveri. “Nei primi l’abbondanza convive con la scarsità” continua Rovati “e se c’è abbondanza è possibile sovvenire alla scarsità. La povertà convive anche con problemi di ordine diverso: disoccupazioni, fallimenti, conflitti familiari. Gli aiuti alimentari, le politiche di sostegno basate sui voucher, non sono sufficienti, bisogna anche utilizzare le politiche pubbliche preventive. Importante contrastare anche la solitudine e stimolare l’incontro tra le persone”. La povertà non va mai in vacanza, dice il docente. “Il 95% degli enti intervistati a luglio e ad agosto non chiude. Anche Expo Milano 2015 è aperta in estate! Expo produce delle eccedenze alimentari e sta indirettamente dando una mano al recupero.”
Il piano anti spreco alimentare di Expo Milano 2015

“Il modello italiano di assistenza alla povertà e in particolare a quella alimentare è basato sulla collaborazione tra lo Stato e 17mila realtà private – dichiara Martina – penso che dobbiamo rafforzare questo sistema, di cui il Banco Alimentare è un ottimo esempio, capace di abbinare solidarietà e professionalità”. Fondato nel 1989, il Banco Alimentare recupera dalla filiera alimentare e distribuisce alle strutture caritative cibo che altrimenti andrebbe sprecato. Grazie alla sua esperienza, ha ottenuto l’assegnazione anche del recupero del cibo invenduto all’Esposizione Universale: “In questi primi due mesi abbiamo distribuito alle realtà assistenziali 5 tonnellate di cibo ancora intatto – spiega Giussani – finora abbiamo operato a Sito Espositivo chiuso e cioè di notte, ma dai prossimi giorni estenderemo l’attività anche durante il giorno, grazie a speciali bici elettriche con cassone distribuite ai nostri volontari”

20cb251d5dc61351ec830d8f3f37428aUn italiano su 10 soffre di povertà alimentare. Di questi, 1 milione e 300 mila sono minorenni. È quanto emerge dall’indagine “Food Poverty Food Bank”, realizzata dall’Università Cattolica di Milano, in collaborazione con Fondazione Deutsche Bank e Pwc, presentata a Expo dal Banco Alimentare. Gli italiani che non possono mangiare un pasto adeguatamente proteico ogni due giorni sono più che raddoppiati rispetto al 2007, passando dal 6% al 14%. Il 65% degli enti convenzionati col Banco ha osservato un aumento dei propri assistiti tra il “moderato” e il “forte”: si tratta di persone disoccupate, indebitate e separate o divorziate che chiedono di poter ricevere un pacco alimentare. “In un Paese sviluppato come l’Italia ‘povertà alimentare’ non significa morire di fame – ha spiegato il professore di Sociologia generale dell’Università Cattolica, Giancarlo Rovati – ma piuttosto avere una dieta con apporti nutrizionali insufficienti”. Secondo i dati forniti da Banco Alimentare la povertà sembra una condizione in via di cronicizzazione nel nostro Paese, dove nel 2014 il 47% degli Enti non ha segnalato persone uscite dalla condizione di bisogno, percentuale che sale al 57% nelle aree del sud dove la povertà è quantitativamente più diffusa e più persistente. La principale causa di povertà nel 2014 è stata la perdita di lavoro (nell’80% dei casi). “E’ chiaro che bisogna agire su questo versante – ha aggiunto Rovati – ma nel frattempo le risorse per la lotta alla povertà devono essere sensibilmente aumentate, per passare dalla fase, insostituibile, di assistenza, quella di inclusione sociale”. “Le informazioni raccolte dalla ricerca sono ancora più drammatiche – ha aggiunto il presidente del Banco Alimentare, Andrea Giussani – per il persistente paradosso dello spreco di alimenti ancora commestibili nella filiera alimentare”. La scelta di Expo per la presentazione del report non è casuale: grazie alla collaborazione tra il Banco Alimentare, Cascina Triulza ed Expo Spa, nei primi due mesi dell’Esposizione sono stati recuperati 5mila kg di cibo, distribuiti in 250 strutture caritative milanesi convenzionate col Banco Alimentare, che assistono oltre 54mila persone. Alla conferenza stampa è intervenuto in collegamento anche il ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, che si è detto “orgoglioso” del lavoro svolto finora: “Abbiamo portato a 100mila tonnellate il cibo distribuito quest’anno con il nostro programma di aiuti. E con il Ministero del Lavoro abbiamo stanziato oltre 400 milioni di euro fino al 2020, sfruttando al meglio anche le risorse europee. Lo Stato, però, da solo non ce la fa – ha spiegato – ed è riconoscente per tutta la collaborazione della società civile.

Oggi recuperiamo 550mila tonnellate di cibo che, attraverso il lavoro delle associazioni, viene distribuito a vari enti caritativi. L’obiettivo per 2016 è arrivare a un milione.

Nell’anno di Expo, poi, dobbiamo assolutamente portare a casa la legge anti spreco”.(ANSA).

LASCIA UN COMMENTO