Alto Impatto, operazione di Polizia e Carabinieri al Rione Traiano, Bagnoli, Soccavo e Pianura, un arresto, sequestro di armi e droga.

466
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

Vita da nababbo con soldi della droga, in manette un 60enneSoldi, armi e droga sono stati sequestri alla camorra dalla Polizia di Stato nel corso di un’operazione “Alto Impatto” nei quartieri Soccavo e Pianura di Napoli e nella zona del rione Traiano della città.

All’operazione hanno preso parte agenti del Commissariato di Pianura, del Reparto Prevenzione Crimine, del Reparto Mobile, alcune pattuglie dei falchi e dell’unità antidroga. Un giovane di 20 anni, Roberto Pane, trovato in possesso di una pistola, è stato arrestato durante un’irruzione in una piazza di spaccio.

I poliziotti hanno bloccato il giovane in un garage dove sono arrivati passando per una botola. Con se aveva una borsa frigo dove aveva sistemato diecimila euro in banconote di piccolo taglio; una pistola calibro 38; 17 grammi di cocaina; 730 grammi di marijuana e 80 ‘stecche’ di hashish. Trovato anche il materiale per pesare e confezionale la sostanza stupefacente.

SCinque pistole cariche, un chilo e mezzo di marijuana e un centinaio di munizioni per kalashnikov: è quanto i carabinieri hanno sequestrato nel quartiere Pianura di Napoli durante un’operazione “Alto Impatto”. Armi e droga sono stati trovati dai militari di Bagnoli in una zona dove, secondo gli investigatori, gli affari illeciti sono gestiti dal clan Pesce-Marfella.

All’operazione hanno preso parte anche i carabinieri del reggimento Campania, un’elicottero dell’Elinucleo di Pontecagnano (Salerno) e le unità cinofile di Sarno con le quali sono state perquisite le abitazioni di persone ritenute affiliate al clan.

La marijuana, contenuta in tre grosse buste di plastica, era pronta per essere suddivisa in confezioni da spacciare: avrebbe prodotto migliaia di spinelli. Le armi – due revolver (un calibro 38 special e un 357 magnum) e 3 semiautomatiche (2 calibro 9 ‘civile’ e una calibro 9 da guerra) – sono state inviate al Racis di Roma. (ANSA).

Advertisements