Fuera di Marisa Ciardiello – sculture e disegni. Dal 3 al 30 giugno al PAN.

0
70

T-95da71f5f5a6d2bfbbf913c1d6c7bd66-710x350Nella successione delle immagini disegnate, Marisa Ciardiello costruisce una sorta di ‘film mentale’, con un segno pastoso o, più volte, sottile ed elusivo, dove l’epifania è l’apparizione di un corpo o di un volto, che si configura come flusso di coscienza, visione rivelatore di un’autobiografia dissimulata, quasi a segnare una distanza che separa il mondo dei sentimenti dai personaggi che hanno popolato la sua vita e la sua storia.

Schietto, più naturale e impulsivo di qualsiasi altro elemento espressivo, il disegno è la base della lingua visiva, scaturisce da un sentimento di libertà, dal piacere del movimento della mano e della grafite e dal fervore della creazione di forme come mondo in espansione, come continuo incrocio di istinto e sapienza tecnica.

La cifra potente della Ciardiello è nella scultura, strumento con il quale l’artista sembra cercare un prolungamento degli oggetti nello spazio in cui vivono, sino a modellare l’atmosfera che circonda la scultura stessa e a stabilire un nesso di continuità e di coerenza tra l’infinito plastico esteriore e l’infinito plastico interiore.

LASCIA UN COMMENTO