HP Pozzuoli, continua lo sciopero dei 161 lavoratori a rischio, lunedì 27 nuovo incontro al MISE.

0
105

IMG-20150723-WA0003-1024x578I 161 lavoratori di HP Pozzuoli bloccano ogni attività per il dodicesimo giorno consecutivo contro la decisione dell’azienda di chiudere la sede.

Dopo l’incontro al Ministero dello Sviluppo Economico dello scorso 20 luglio dove l’HP ha confermato il trasferimento individuale di 130 dipendenti presso la MATIC MIND ed il trasferimento degli altri 31 presso altra sede, i lavoratori HP continuano lo sciopero ad oltranza finché non giungerà un segnale di apertura da parte della multinazionale americana.

Le Istituzioni al fianco di HP Pozzuoli

La Regione Campania, il Comune di Napoli, il Comune di Pozzuoli sostengono con decisione la posizione dei 161 tecnici informatici campani: la sede di Pozzuoli non deve essere smantellata.

HP Italia, la soluzione alternativa

L’alternativa per scongiurare la chiusura del sito flegreo proposte dalla RSU e dal Sindacato è già state applicata dalla stessa HP in un recente passato: gli esuberi devono essere divisi tra tutte le sedi HP Italia (che conta quasi 1800 dipendenti) e non possono colpire un unico sito per di più nel sud Italia, zona con un tasso di disoccupazione altissimo.

Se l’HP chiude la sede di Pozzuoli abbandona la Campania contribuendo alla desertificazione industriale della nostra regione (nell’intero sud Italia, resterebbe solo il sito di Bari).

Aggiornamento

Il Ministro dello Sviluppo Economico fissa un nuovo tavolo istituzionale per lunedì 27 luglio dedicato alla vertenza HP Pozzuoli.
Noi ci saremo #hpemergency

LASCIA UN COMMENTO