Immobili locati agli extracomunitari, riscontrate delle irregolarità a Casandrino. Di qui la decisione di sgombero.

0
61

comune-casandrino-homeHanno dato i primi frutti i controlli sugli immobili dati in locazione a cittadini extracomunitari. Il presidente della ‘Commissione Studi extracomunitari’, Antinio Silvestre, fa sapere che “sono state riscontrate delle anomalie che hanno portato il sindaco ad emettere delle ordinanze di sgombero”.

Nelle settimane scorse una task force appositamente costituita, aveva effettuato dei controlli in alcune zone della cittadina di Casandrino per verificare il possesso dei requisiti previsti dalla legge ovvero: ogni alloggio deve essere idoneo ed assicurare lo svolgimento delle attività proprie del nucleo familiare.

Deve essere prevista la possibilità di isolare le aree destinate ai servizi igienico-sanitari e anche le aree destinate al dormire.

Al fine di ottenere l’idoneità alloggiativa per il ricongiungimento familiare, è necessario essere in possesso di un documento rilasciato dall’ufficio tecnico comunale che attesti l’adeguatezza degli alloggi al fine di ospitare il numero di persone che verrà a comporre il nucleo familiare conformemente alla normativa in materia ovvero di un certificato di idoneità igienico sanitaria rilasciato dalla Asl competente e sempre comprovante l’adeguatezza dell’alloggio nonché la sua idoneità dal punto di vista strutturale, della sicurezza  igienico sanitaria al fine di ospitare tutti i componenti del nucleo familiare. Un alloggio occupato da un numero di utenti superiore a quanto previsto del regolamento sarà da ritenersi antigienico con il conseguente effetto di dichiarare il medesimo inagibile.

“Ora che siamo ad agosto – dichiara il presidente della commissione Antonio Silvestre – i controlli sono momentaneamente sospesi ma riprenderanno subito dopo la ‘pausa estiva’. E’ nostra intenzione verificare tutto il territorio comunale e chi non è in regola deve provvedere a sistemare la propria situazione. Questi controlli – sottolinea in chiusura Silvestre – non intendono punire i cittadini extracomunitari, tutt’altro. Il nostro scopo è quello di tutelarli da quei proprietari di immobili che gli danno in locazione case a dir poco fatiscenti e spesso anche frutto di abusi edilizi”.

Ora tocca all’ufficio tecnico verificare le ‘repliche’ dei proprietari degli immobili.

LASCIA UN COMMENTO