Italia capovolta, i costi della politica locale. Le regioni piccole costano di più.

0
76

Costi della politica, in vetta Valle D'Aostadi Gerardo Sano

Le indennità degli amministratori provinciali nel 2014 sono costate  ben  105,6 milioni di euro ai cittadini italiani.

E’ una delle tante anomalie di una riforma, quella di Del Rio, che secondo le dichiarazioni del ministro del Governo Renzi, avrebbe dovuto almeno azzerare i costi della rappresentanza politica.

Non è la sola sorpresa che viene fuori leggendo il rapporto stilato  dall’Istituto Demoskopika sui costi dei rappresentanze politiche negli organi delle istituzioni locali.

Altro dato che emerge prepotentemente dal rapporto è che ancora una volta sono le regioni a fare la parte del leone. Il 52,6% degli oltre 1,4 miliardi spesi per le indennità degli amministratori locali entra nelle tasche dei consiglieri regionali.

A sborsare di più sono i cittadini della Valle D’Aosta e del Trentino Alto Adige, che per l’indennizzare i propri consiglieri spendono rispettivamente la cifra di  143 e 63 euro pro-capite, ben al di sopra della media nazionale che è di 23 euro a cittadino, seguono  il Molise con una spesa pro-capite di 53,5 euro  e la Basilicata con una spesa di 29,4.

La Campania, con i suoi 15,3 euro pro-capite  ben al di sotto della media nazionale. è invece annoverata fra le regioni più virtuose, viene subito dopo il Lazio e la Lombardia, che per il funzionamento dei loro organi politici spendono circa 13 euro a cittadino.

Leggendo bene fra le pieghe del rapporto si può evincere come a costare di più ai cittadini sono gli organismi delle regioni più piccole e meno popolose.

E’ evidente che non è con riforme pasticciate come quella dell’abolizione delle province o delle comunità montane che si ottengono i risparmi sperati.

E’ invece necessario mettere mano ad  piano organico di riforme istituzionali che preveda l’accorpamento dei piccoli comuni e la revisione dell’attuale assetto regionale riducendone il numero, attraverso l’accorpamento di quelle con territori omogenei.

 

Gerardo Sano

LASCIA UN COMMENTO