La magia delle corde vibranti e Voglio tutto, le due Suggestioni all’imbrunire di sabato 23 e domenica 24 al Parco Archeologico del Pausilypon.

0
99

Musica classica, virtuosismo francese, Morricone e Piazzolla.

gifuniSabato 23 maggio, alle 18, nel parco archeologico del Pausilypon risuona “La magia delle corde vibranti” con l’arpa di Stella Gifuni, il violino di Luciano Barbieri e il violoncello di Filippo Siano.

Le vibrazioni di questi nobili strumenti e l’accurata ricerca delle sonorità trovano il giusto calore in uno scenario magico per suoni ed effetti.

La magia nella magia, dunque. Il repertorio scelto inizia con Ennio Morricone e passa alla musica classica dando libero sfogo al virtuosismo francese e ai tanghi di Astor Piazzolla giungendo al capolinea con quattro brani dedicati alla musica italiana.

L’uomo e la società che lo accoglie e lo costringe. Domenica 24, sempre alle 18, Tommaso Parisi interpreta e firma testo e regia di “Voglio tutto, un monologo avido che racconta quello che accade quando un uomo, che vive nella perfezione della sua vita quotidiana, viene stravolto nell’incontro con il mondo esterno.

L’oscillazione, dunque, tra l’isolamento in cui ciascuno è costretto a vivere e l’aspirazione all perfezione che la società richiede costantemente.

Una ricerca delirante e surreale dove il protagonista compie il suo viaggio dall’ “io sono” all’ “io voglio” all’ “io posso”. Ironico, divertente, a tratti grottesco, “Voglio tutto” è un viaggio logico attraverso l’illogico. Le pause, l’apparente calma e la sorprendente forza del protagonista accompagnao lo spettatore in un’esplorazione estrema dei desideri.

tommaso-parisiDoppio appuntamento di musica e teatro al calar del sole nel parco archeologico del Pausilypon, per il weekend del 23 e 24 maggio. All’interno della settima edizione di “Pausilypon Suggestioni all’imbrunire”, la rassegna stabile di musica e teatro al Parco archeologico del Pausilypon, ideata e curata dal Centro Studi Interdisciplinari Gaiola Onlus d’intesa con la Soprintendenza Archeologia della Campania, con la direzione artistica di Stefano Scognamiglio e Francesco Capriello.

L’appuntamento è alla grotta di Seiano, discesa Coroglio 36: attraverso l’imponente grotta si accede all’area dei teatri dove gli artisti si esibiscono.Qui sarà offerto un piccolo rinfresco di qualità offerto dal main sponsor Cupiello, la cultura del gusto e una degustazione di vini delle eccellenze enologiche campane a cura dell’Associazione Ager Campanus, sponsor per il secondo anno, che sabato 23 propone i vini dell’azienda Cantine dell’Olivella, alle falde del monte Somma.

LASCIA UN COMMENTO