Premio San Carlo, più di 4000 bambini alle selezioni.

0
50

Patrizio-RispoPiù di quattromila bambini hanno preso parte negli ultimi giorni alle selezioni del Premio San Carlo concorso per ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado, giunto anche quest’anno alla sua fase conclusiva.

La finalissima del premio, arrivato alla sua sesta edizione, si terrà lunedì 8 giugno dalle ore 10 e avrà un presentatore d’eccezione, l’attore napoletano Patrizio Rispo, protagonista della seguitissima soap “Un posto al Sole”.

“E’ per me sempre un piacere poter essere al San Carlo  – afferma Rispo – e sostenere un’iniziativa che supporta e gratifica il lavoro degli insegnanti affinché i ragazzi si avvicinino al mondo della musica che è un grande stimolo culturale e motivo di sana aggregazione per i giovani”.

L’edizione del premio San Carlo  di quest’anno è incentrata sul tema “Compositori al San Carlo: Rossini, Bellini, Donizetti” e vi hanno partecipato allievi di più di quaranta scuole, provenienti da diverse regioni del sud Italia: Calabra, Puglia, Lazio e naturalmente Campania. I finalisti dunque si esibiranno in piccole formazioni, gruppi corali e giovani orchestre fino ai novanta elementi.

La giuria esaminatrice sarà composta da un team di esperti e rappresentanti di istituzioni musicali e culturali : Stefania Rinaldi, Ivano Caiazza, Amalia Beatrice, Maria Caracciolo, Angioletta de Goyzueta e Francesca De Gregorio.

Anche per la Stagione 2014-2015 dunque, il Teatro di San Carlo, fedele alla propria mission di valorizzazione della musica come fattore educativo, ha organizzato la rassegna scolastica di musica aperta a istituti scolastici sia pubblici che privati, incoraggiando i ragazzi allo studio di uno strumento e all’ascolto musicale musicale. “Giocare con la musica è un’ottima esperienza per stimolare la curiosità, la capacità di immaginazione, la creatività – commenta  la sovrintendente Rosanna Purchia – .

Dare la possibilità ai bambini, di sviluppare la loro naturale musicalità ha un notevole valore educativo e formativo. Ascoltare, riconoscere, cogliere suoni, ritmi e melodie capaci di risvegliare emozioni e sollecitare la fantasia. Scoprire, esplorare, imitare, inventare, manipolare suoni e con essi creare percorsi musicali per il piacere di stare insieme è ciò che hanno fatto i tanti bambini che partecipano ogni anno al premio, grazie naturalmente ai loro pazienti e instancabili insegnanti.

Molti i gruppi vocali provenienti tante regioni italiane, e tanti anche i piccolissimi delle scuole primarie, bambinetti di appena 4 o 5 anni, i loro insegnanti ci raccontavano <<hanno imparato ad usare la voce, ad ascoltare i suoni degli strumenti musicali e cantare brani selezionati da diversi generi musicali>> e vederli in questi giorni delle selezioni fare musica insieme, ci hanno dato felicità e incoraggiato a continuare a fare per loro sempre più e meglio. Il Premio San Carlo  – conclude la sovrintendente  – è un percorso educativo che accompagna i bambini nella loro crescita, con lo scopo di far conoscere il linguaggio della musica, favorire lo sviluppo della musicalità e l’apprendimento di competenze musicali di base attraverso l’attività di gruppo”.

LASCIA UN COMMENTO