Reti ambientali, GdF sequestra un distributore di carburante in costruzione a San Tammaro.

0
47

6781_Foto 301I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Capua, nell’ambito di autonoma attività di controllo economico del territorio volta alla prevenzione e repressione dei reati in materia ambientale, hanno individuato un fondo industriale di circa 2.000 mq., ubicato in Via Nazionale Appia del Comune di San Tammaro (CE), interessato da lavori per la realizzazione di un nuovo distributore di carburante e sul quale era in corso un’attività illecita di sversamento di materiale di risulta di vario genere.

Le Fiamme Gialle, al fine accertare eventuali violazioni in atto, sono intervenute ed hanno bloccato i lavori, identificando i due soggetti intenti nelle attività di scarico del materiale.

Da un preliminare esame visivo del sito, è stato possibile riscontrare che, allo scopo di procedere al riempimento e livellamento dell’area, sul terreno erano stati depositati scarti di lavorazione edile costituiti da pezzi di mattonelle, mattoni, laterizi, plastica e materiale cementizio.

L’automezzo utilizzato per il trasporto del materiale è risultato intestato ad una società di raccolta e trasformazione di rifiuti non pericolosi, operante nella Provincia di Caserta, il cui conducente non è stato in grado di esibire alcuna documentazione giustificativa dell’origine e della natura del materiale trasportato.

Accertata la flagranza di reato, La Guardia di Finanza, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, ha proceduto al sequestro dell’intera area dove era in corso la costruzione dell’impianto di erogazione di carburante e dell’automezzo impiegato per il trasporto del materiale di risulta, nonché alla denuncia dei due soggetti presenti sul posto e del proprietario del fondo.

L’operazione di servizio rappresenta un’ulteriore conferma dell’impegno profuso dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta sul territorio, a tutela dell’ambiente e per il contrasto dei fenomeni illeciti di smaltimento di rifiuti.

LASCIA UN COMMENTO