Sel non sostiene De Luca, Vozza candidato alla Regione.

0
49

Vozza220313Sel non sosterrà De Luca alle elezioni regionali ma presenterà un proprio candidato governatore, il segretario regionale Salvatore Vozza, ex deputato e sindaco di Castellammare, e si appella ai vertici nazionali e locali del Pd perchè sostengano il loro candidato.

“Ci abbiamo provato, lo abbiamo detto in tutte le salse, lo abbiamo detto dal mese di settembre scorso che il candidato De Luca, prima alle primarie e poi quale candidato alla Presidenza della regione Campania non era e non è il candidato con il profilo ideale per presiedere la Regione Campania. La scelta di De Luca è una scelta debole che contribuisce a isolare la Campania e l’intero Mezzogiorno dalle sfide importanti per il rilancio delle politiche di investimento e di sviluppo”.

Così Mario Coppeto, componente dell’assemblea nazionale di Sel e presidente della V Municipalità del Comune di Napoli.

“La candidatura di De Luca rischia di consegnare ancora una volta la Regione nelle mani di Caldoro e del centrodestra che ha già manifestato, nei trascorsi cinque anni, incapacità, superficialità e interessi di parte. De Luca, cinque anni fa, sconfitto proprio da Caldoro, ha abdicato al ruolo naturale di opposizione, preferendo scranni più alti, per contrastare le politiche clientelari di Caldoro e ha di fatto indebolito il ruolo dell’opposizione che è stato, come noto, nullo”.

“Sinistra Ecologia Libertà ha scelto un’altra strada, ha scelto di mettere a disposizione il massimo della rappresentanza regionale, ha scelto di candidare il proprio segretario, Salvatore Vozza; già parlamentare e già Sindaco di Castellammare di Stabia. Il mio appello va ai massimi vertici del PD, al segretario nazionale Renzi al segretario regionale Assunta Tartaglione alle elettrici ed agli elettori del PD e dell’intero centrosinistra a far prevalere in queste ore il buon senso sostenendo la nostra candidatura per eleggere un presidente regionale in piena regola, con pieni poteri fin dal primo giorno dopo le elezioni e per battere Caldoro”, conclude Coppeto. (ANSA)

LASCIA UN COMMENTO