Unicredit, insediato il nuovo Consiglio di Territorio Sud presieduto da Antonio Ferraioli.

0
389

AntonioFerraioli2Si è ufficialmente insediato nei giorni scorsi, sotto la presidenza di Antonio Ferraioli, il nuovo Consiglio di Territorio Sud di UniCredit, interamente rinnovato.

Ferraioli, nato ad Angri, in provincia di Salerno, 61 anni, è amministratore delegato di  La Doria Spa, azienda di famiglia specializzata nella produzione di derivati del pomodoro, sughi pronti, legumi conservati, succhi e bevande di frutta, presidente dell’ANICAV (Associazione Nazionale Industrie Conserve Alimentari Vegetali) e Vice Presidente Federalimentare.

I Consigli di Territorio o Advisory Board Territoriali sono complessivamente 7 in tutta Italia, uno per ciascuna Region in cui è divisa la rete commerciale UniCredit nel Paese. Rappresentano di fatto un contesto di confronto sulle dinamiche territoriali ma anche un laboratorio nel quale sperimentare progettualità congiuntamente tra la Banca e i rappresentanti del territorio, caratterizzato oggi da un forte cambiamento della realtà economico-sociale. I Consigli, composti da stakeholder delle singole aree, intendono inserirsi proprio in tale contesto, in linea con la logica del Progetto “Open – la Banca è del Cliente”, facendo leva su un modello operativo più efficiente e flessibile. Una Banca aperta “Open”, quindi, perfettamente integrata nel tessuto locale e nei processi produttivi che garantisca ad ogni Cliente e, ad ogni Territorio, la piena centralità e la soddisfazione di ogni esigenza reale e concreta.

214AB027HAL0014Tra i componenti del Consiglio di Territorio Sud, oltre al Presidente Antonio Ferraioli: Vito Albino (Professore Ordinario di gestione dell’innovazione e dei progetti, Politecnico di Bari); Stefania Brancaccio (Vice Presidente Coelmo Srl, Napoli); Pasquale Carrano (Imprenditore nel settore ICT, Potenza);  Pasquale Casillo (Presidente e Amministratore Delegato Casillo Group, Bari); Raffaele De Nigris (Acetificio Marcello De Nigris, Napoli); Luigi Iavarone (Presidente CdA Consorzio Technapoli, Napoli); Marina Lalli (Direttore Generale Terme Margherita di Savoia Srl, Bari); Massimo Lo Cicero (Docente di Economia Aziendale, “Sapienza” Università di Roma); Mauro Maccauro (Direttore Generale Euroflex Spa, Salerno); Domenico Menniti (Presidente Harmont & Blaine Spa., Napoli); Luca Moschini (Amministratore Delegato Laminazione Sottile Spa, Caserta); Maria Giovanna Paone (Vice Presidente Cda Ciro Paone Spa – Kiton, Napoli); Imma Simioli (Presidente e Amministratore Delegato Fresystem Spa, Napoli).

Alle riunioni dell’ADB Territoriale partecipano il Regional Manager Sud UniCredit, Felice delle Femine e il Deputy Sud UniCredit, Massimo D’Olimpio, offrendo il loro contributo e supporto al Presidente, con l’obiettivo di ottenere la piena efficacia dell’incontro.

«Sono diversi, importanti e innovativi –  ha sottolineato il presidente Antonio Ferraioli – i compiti che vengono assegnati ai Consigli di Territorio. Si porrà particolare attenzione ai temi del credito, dello sviluppo delle filiere, del turismo e della internazionalizzazione. Temi che vedono la Banca in prima linea accanto alle imprese nel loro processo di sviluppo. Il Consiglio di Territorio ha il ruolo fondamentale di condurre una lettura attenta delle dinamiche di trasformazione del territorio per individuarne criticità e opportunità di crescita, ma anche quello di contribuire concretamente all’avvio di iniziative finalizzate al suo concreto sviluppo».

Come ha sottolineato il Country Chairman Italy di UniCredit, Gabriele Piccini, «i Consigli di Territorio completano l’assetto della nuova UniCredit in Italia e hanno come principale obiettivo strategico quello di rafforzare ulteriormente il rapporto con le comunità locali e, contemporaneamente, non perdere le professionalità delle specializzazioni per rendere sempre più profonde le sinergie tra i business in termini di efficacia commerciale ed efficienza. Costituiscono, inoltre, uno strumento consultivo per individuare i fattori di successo e i nodi critici di una specifica area locale e le sue opportunità di crescita e di sviluppo».

LASCIA UN COMMENTO