Educazione e tolleranza religiosa – potere spirituale dell’Uzbekistan in via del rinnovamento.

0
179
Villaggio Turistico Golden Beach a Paestum in Cilento, bandiera blu, prenota la tua vacanza al mare

La dichiarazione di indipendenza e l’adesione della dirigenza dell’Uzbekistan agli ideali di democrazia, la scelta di un percorso laico per lo sviluppo della società hanno gradualmente permesso di creare condizioni legali uguali per la coesistenza delle religioni in generale e gruppi religiosi in particolare.

Nell’ambito della Strategia d’azione adottata su iniziativa del presidente della Repubblica dell’Uzbekistan nelle cinque direzioni prioritarie di sviluppo del paese nel periodo 2017-2021, le trasformazioni continuano attivamente in tutte le aree.

Nella sfera spirituale e religiosa, questo lavoro su larga scala è svolto dagli organi statali competenti e dalle istituzioni della società civile e mira ad assicurare ai cittadini il diritto costituzionalmente garantito alla libertà di coscienza, a rafforzare il pluralismo religioso, la tolleranza e il dialogo interreligioso.

Iniziativa tempestiva e pertinente

Uno dei risultati significativi del lavoro congiunto è l’adozione nel dicembre 2018 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite di una risoluzione speciale “L’educazione e la tolleranza religiosa” come attuazione pratica dell’iniziativa avanzata dal Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev alla 72a sessione dell’organo supremo di questa organizzazione.

Lo scopo principale del documento è “garantire l’accesso universale all’istruzione, l’eliminazione dell’analfabetismo e dell’ignoranza”. È degno di nota che la risoluzione non solo è stata sostenuta all’unanimità da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite, ma è stata anche adottata come documento con oltre 50 paesi come co-autori. Ciò testimonia l’elevato riconoscimento internazionale della rilevanza e della tempestività dell’iniziativa del Presidente dell’Uzbekistan.

La risoluzione sottolinea l’importante ruolo di promuovere la pace, i diritti umani, la tolleranza e l’amicizia. Riconosce inoltre l’importanza dell’integrazione, del rispetto reciproco, della tolleranza e della comprensione reciproca al fine di rafforzare la sicurezza e la pace nel mondo ed è favorevole a tutte le iniziative internazionali, regionali e nazionali volte a promuovere l’armonia interreligiosa, interculturale, interreligiose e la lotta alla discriminazione contro individui fondata sulla religione o sul credo.

Il documento riconosce anche il ruolo chiave dell’UNESCO nella promozione della pace e della sicurezza nel mondo, attraverso l’ampliamento della cooperazione tra le nazioni attraverso l’istruzione, la scienza e la cultura.

 

Riforme che cambiano il volto del paese e il modo di vivere

 

Negli ultimi cinque anni si sono verificati cambiamenti significativi in ​​Uzbekistan e sono state implementate riforme su larga scala in molte aree, inclusa la sfera religiosa ed educativa. Sono stati adottati alcuni atti legislativi volti a migliorare ulteriormente le attività in ambito religioso.

Per lo studio approfondito dell’Islam e l’insegnamento dei suoi fondamenti scientifici è stata creata l’Accademia Islamica Internazionale dell’Uzbekistan, specializzata nell’insegnamento della conoscenza laica e religiosa, nella formazione del personale qualificato nell’interpretazione del Corano, della legge islamica, dei dogmi religiosi e degli hadith.

In Uzbekistan funzionano meccanismi peculiari di rilancio dei valori nazionali e religiosi, studio e promozione del ricco patrimonio scientifico e spirituale di grandi antenati, rafforzamento della tolleranza religiosa nella società; sono state stabilite le attività del Centro della civiltà islamica, dei Centri internazionali di ricerca Imam Bukhari, Imam Termizi e Imam Maturidi.

L’obiettivo principale è intensificare la ricerca scientifica del patrimonio di Imam Bukhari, Imam Termizi, Abu Mansur Maturidi, Abu Muin Nasafi e di altri pensatori che hanno dato un enorme contributo allo sviluppo della civiltà e della scienza islamica, proteggere la sacra religione da varie minacce, combattere l’ignoranza attraverso l’istruzione, educando i giovani nello spirito dell’umanesimo.

A seguito di riforme e cambiamenti su larga scala realizzate nella sfera religiosa hanno iniziato le loro attività, la Madrasa di istruzione superiore Mir Arab a Bukhara e la Scuola superiore dello studio dei Hadith a Samarcanda.

Inoltre, è stato istituito un Fondo pubblico di beneficenza “Waqf” sotto il Consiglio musulmano dell’Uzbekistan, tra i cui compiti del quale: finanziare la ricostruzione delle moschee, luoghi sacri di pellegrinaggio e visite, altri oggetti, garantire base tecnica e materiale e supportare materialmente i lavoratori di questo settore.

In conformità con gli atti legislativi adottati, al fine di migliorare ulteriormente le attività del Comitato per gli affari religiosi sotto il Gabinetto dei Ministri della Repubblica dell’Uzbekistan, è stata approvata una nuova composizione del Consiglio per gli affari delle confessioni religiose, un organo consultivo pubblico sotto il Comitato. La composizione del consiglio è aumentata da 9 a 17 membri e comprende rappresentanti di tutte le confessioni religiose operanti in Uzbekistan.

Inoltre, nella struttura del Comitato per gli affari religiosi è stato creato un dipartimento per il lavoro con le donne, è stato creato un gruppo repubblicano di propaganda per coordinare il lavoro spirituale ed educativo tra le donne.

 

Una politica religiosa ragionevole è la chiave per la stabilità e la prosperità

Al fine di garantire l’armonia interetnica e interreligiosa nella società in Uzbekistan, è stato creato un quadro legislativo che prevede il rispetto dei diritti e degli interessi legittimi di tutti i cittadini.

La nostra Costituzione garantisce la libertà di professare liberamente la propria fede religiosa ad ogni persona. Attualmente è in fase di elaborazione una nuova edizione della Legge “Sulla libertà di coscienza e organizzazioni religiose”, che contribuirà al pieno rispetto dei diritti costituzionali dei cittadini del Paese alla libertà di coscienza e di credo.

Particolare attenzione è riservata al miglioramento e alla liberalizzazione della legislazione nazionale nel campo della religione. Sono state semplificate le procedure per ottenere il permesso per la produzione, importazione e distribuzione di letteratura religiosa. È stata notevolmente ottimizzata e semplificata la procedura per la registrazione statale delle organizzazioni religiose. Quindi, ultimamente sono state registrate 67 organizzazioni religiose in Uzbekistan, di cui 2 istituti islamici superiori specializzati e un istituto scolastico islamico secondario specializzato a Bukhara, Samarcanda e Termez, 47 moschee e 17 chiese. Allo stesso tempo, la legislazione nazionale non prevede alcuna restrizione al numero o alla tempistica della loro registrazione.

Le suddette organizzazioni religiose non islamiche appartengono alle quattro direzioni del cristianesimo: Pentecostali (12 organizzazioni), Battisti (3 organizzazioni), Avventisti, Nuovi Apostoli (uno ciascuno).

Negli anni dell’indipendenza sono state costruite e restaurate centinaia di moschee e chiese, comprese le chiese ortodosse a Tashkent, Chirchik, Samarcanda e Navoi, una chiesa cattolica a Tashkent, una chiesa armena a Samarcanda. Sono state restituite ai fedeli decine di moschee e chiese ortodosse, chiese cattoliche a Tashkent (1992) e Samarcanda (1997), la chiesa luterana a Tashkent (1993), la chiesa armena a Samarcanda (1992) e molti altri oggetti.

Attualmente, in Uzbekistan operano 2306 organizzazioni religiose di 16 confessioni religiose. Di queste, 2115 (92 %) sono organizzazioni musulmane, 174 organizzazioni cristiane, 8 comunità ebraiche, 6 comunità di fede bahá’í, una comunità Hare Krishna e un tempio buddista e la Interfaith Bible Society dell’Uzbekistan.

Le organizzazioni religiose, insieme ad altre organizzazioni pubbliche del paese, sono attivamente coinvolte nel lavoro spirituale ed educativo, danno un contributo significativo all’aumento della spiritualità della società, alla formazione nei giovani di forti convinzioni basate sul patriottismo e di tolleranza interreligiosa e interetnica.

La politica religiosa in Uzbekistan si basa sui principi della natura laica dello Stato, tolleranza e parità di trattamento di tutte le religioni. Rappresentanti di varie nazioni e gruppi etnici che professano Islam, Cristianesimo, Buddismo, Ebraismo e altre religioni svolgono le loro attività a parità di condizioni.

Per gli aderenti a ciascuna confessione sono state create tutte le condizioni che consentono loro di professare liberamente la propria religione. I credenti pregano liberamente nelle moschee, chiese, sinagoghe, osservano il digiuno e fanno pellegrinaggi. Le organizzazioni religiose hanno il diritto di proprietà del territorio, di pubblicare letteratura, di formare i loro leader religiosi e organizzare pellegrinaggi ai luoghi sacri.

La libertà di religione garantita dalla legislazione nazionale dell’Uzbekistan ha creato tutte le condizioni necessarie per soddisfare dei bisogni religiosi per tutti i cittadini rappresentanti di 138 nazionalità e gruppi etnici.

I rappresentanti di diverse confessioni celebrano liberamente tutte le festività religiose. Quindi, di anno in anno, l’Eid al-Adha e Ramadan Khayit vengono celebrati sempre più ampiamente dai musulmani, Pasqua e Natale dai cristiani, Pasqua ebraica, Purim e Hanukkah dagli ebrei, Navruz dai bahá’í, feste dedicate a Buddha e Krishna e altri eventi importanti.

I credenti fanno pellegrinaggio ai luoghi santi: i musulmani in Arabia Saudita, cristiani in Russia, Grecia e Israele, ebrei in Israele. Durante gli anni dell’indipendenza circa 305 mila musulmani hanno compiuto un pellegrinaggio in Arabia Saudita, inclusi 130 mila – Hajj e 175 mila – Umrah, oltre 2,5 mila cristiani ed ebrei hanno visitato i santuari religiosi in Israele, Russia, Turchia, Italia, Georgia, Grecia.

Per soddisfare i bisogni spirituali della società ogni anno viene pubblicata una grande quantità di letteratura religiosa di vari orientamenti. Vengono pubblicati diversi giornali e riviste per illustrare integralmente la vita religiosa dell’Uzbekistan, inclusi i giornali “Islom Nuri”, “La parola della vita”, “Khidoyat”, “Vostok Svishe”.

 

L’educazione contro l’ignoranza

Oggi in Uzbekistan viene sistematicamente adottata una serie di misure per proteggere la popolazione dall’influenza negativa di idee distruttive che riflettono l’ideologia estremista radicale e il fanatismo religioso.

Così, sotto lo slogan “L’educazione contro l’ignoranza”, si lavora per deradicalizzazione dei cittadini accusati di crimini legati all’estremismo e per la prevenzione precoce della radicalizzazione della popolazione.

Solo nel 2020 si sono svolti più di 4 mila eventi promozionali nelle regioni del paese, raggiungendo diverse centinaia di migliaia di persone.

Inoltre, al fine di migliorare ulteriormente la situazione religiosa nel paese, vengono pubblicati i materiali sui media e su Internet, vengono organizzati programmi televisivi e radiofonici speciali, tra cui “Verso la verità”, “Le lezioni dell’Imam Bukhari”, “Islam: essenza e interpretazione”.

 

 

La cooperazione internazionale è un fattore importante per l’armonia interetnica e la tolleranza religiosa

Le autorità uzbeke si concentrano sulla creazione di un dialogo costruttivo e sulla cooperazione con le organizzazioni internazionali ed esperti in campo religioso.

Durante le visite in Uzbekistan dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani Zeid Ra’ad al Hussein (maggio 2017) e dell’Alto Commissario OSCE per le minoranze nazionali Lamberto Zannier (aprile 2018), è stata discussa la situazione attuale, è stata data  un’alta valutazione alle riforme nel nostro paese, notando che l’Uzbekistan presta particolare attenzione a garantire l’armonia interetnica e la tolleranza religiosa, rafforzamento dell’amicizia tra rappresentanti di diverse nazioni e nazionalità.

A seguito della visita in Uzbekistan del Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla libertà di religione e credo Ahmad Shahid (ottobre 2017), è stato adottato un documento separato sull’attuazione di una serie di misure nel campo della religione.

Il Relatore Speciale ha notato i progressi compiuti nella semplificazione delle procedure di registrazione e svolgimento delle attività delle organizzazioni religiose, nonché nel miglioramento del sistema di educazione religiosa nel paese.

Il rappresentante delle Nazioni Unite ha accolto con favore l’interazione delle autorità uzbeke con l’Ufficio OSCE per le istituzioni democratiche e i diritti umani e ha sottolineato l’interesse nel contribuire a far avanzare le riforme nel campo della protezione della libertà religiosa nel paese.

Nel 2019-2020, insieme a partner stranieri, si sono tenuti una serie di eventi dedicati alle trasformazioni in corso in ambito religioso in Uzbekistan:

– seminario uzbeko-americano “Religione e Stato di diritto” (novembre 2019);

– presentazione delle “Linee Guida sul riconoscimento della personalità giuridica delle comunità religiose o di credo” (dicembre 2019);

– tavola rotonda uzbeko-americana “Garanzia della libertà di religione – una base importante per una società civile aperta” (gennaio 2020);

– videoconferenza uzbeko-americana dedicata all’implementazione degli elementi della “Road Map” adottata dal Parlamento dell’Uzbekistan sulle raccomandazioni del Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulle questioni religiose Ahmad Shahid (maggio 2020);

– conferenza internazionale “Tolleranza religiosa – la garanzia della pace e dell’armonia interetnica” (novembre 2020).

 

Il fattore più importante avviene nel dicembre 2020, quando il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha rimosso l’Uzbekistan dalla cosiddetta “speciale lista di controllo” per garantire la libertà religiosa, che è un enorme traguardo per il nostro paese e riconoscimento internazionale.

Va notato, che nel 2018, considerando il significativo miglioramento della situazione nel campo della garanzia delle libertà religiose, l’Uzbekistan è stato rimosso dalla lista dei “paesi di particolare interesse”, dove risultava dal 2006.

Durante una visita in Uzbekistan nel settembre 2018, una delegazione guidata dall’ambasciatore degli Stati Uniti per le assegnazioni speciali sulla libertà religiosa internazionale, Sam Brownback ha avuto l’opportunità di vedere l’attuazione di misure pratiche per garantire la libertà religiosa, migliorare e semplificare le norme esistenti, sviluppare approcci per contrastare il radicalismo, il rilascio senza precedenti di migliaia di persone condannate per crimini religiosi, nonché la creazione di meccanismi istituzionali per promuovere l’Islam educativo.

Secondo l’ambasciatore Sam Brownback, “la leadership dell’Uzbekistan è veramente impegnata nel processo di trasformazione e il paese ha compiuto progressi significativi non solo nell’area delle libertà religiose, ma anche in quella del lavoro e di diritti in generale”.

E in generale, la comunità mondiale apprezza molto le trasformazioni in Uzbekistan per garantire l’armonia interetnica e la tolleranza religiosa. L’esperienza dell’Uzbekistan è allo studio della comunità internazionale. Le persone in Uzbekistan sentono questo sostegno internazionale e ne vedono la conferma. Ad esempio, il 13 ottobre 2020, per la prima volta nella storia, l’Uzbekistan è stato eletto membro del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite per un mandato di tre anni – 2021-2023, con 169 voti ricevuti da 193 stati membri delle Nazioni Unite.

 

Tutto in nome dell’uomo, in nome del suo futuro

 

In generale, vale la pena notare che un’importante caratteristica distintiva della vita religiosa dell’Uzbekistan moderno è l’inammissibilità di stabilire vantaggi o restrizioni per una religione in relazione ad altre confessioni.

L’Uzbekistan adempie costantemente e rigorosamente ai suoi obblighi internazionali nel campo della garanzia della libertà religiosa nel quadro dei trattati internazionali sui diritti umani. Attualmente, il nostro paese ha aderito a più di 70 importanti documenti internazionali in questo settore, che hanno contribuito alla creazione di un sistema efficace per la protezione dei diritti umani in Uzbekistan.

Pertanto, si può affermare che la politica perseguita dall’Uzbekistan nel campo della religione, volta a rafforzare il dialogo interreligioso e la tolleranza religiosa nella società, è un fattore importante per la stabilità e la sicurezza. E le riforme su larga scala realizzate nel Paese sono una vivida conferma dell’invariabile e coerente corso del Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan nell’attuazione del principio “Tutto in nome dell’uomo, in nome del suo futuro”.

 

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here