Uzbekistan, il Presidente Mirziyoyev dialoga con gli imprenditori.

0
247
Con Funshopping.it lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

Il 20 agosto il Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev ha tenuto un dialogo aperto con gli imprenditori del Paese.

All’evento, che è diventato il primo incontro in questo formato, hanno partecipato circa diecimila imprenditori.

La piccola impresa e l’imprenditoria privata vengono individuate come le priorità dell’economia del Paese. Negli ultimi cinque anni sono state adottate circa 2mila leggi, decreti e delibere per sviluppare questo settore.

Per le imprese sono state revocate 114 licenze e permessi, è stata introdotta una procedura di notifica per 33 tipologie di attività. Le procedure per l’ottenimento dei permessi sono state semplificate e, in media, i termini del loro rilascio sono stati ridotti di 2 volte. Sono stati cancellati gli assegni superflui, sono state revocate le restrizioni relative alla circolazione di denaro contante, valuta e materie prime.

Come risultato di tali opportunità, il numero di nuove entità commerciali sta crescendo rapidamente e quelle esistenti stanno espandendo le loro attività. Il numero di imprenditori è quasi triplicato negli ultimi cinque anni. Molti uomini d’affari hanno ampliato la propria attività a livello nazionale, creando migliaia di posti di lavoro e diventando grandi aziende di successo. Inizia a formarsi una classe di imprenditori con il proprio marchio nei mercati nazionali ed esteri.

Il Presidente ha menzionato alcuni di questi imprenditori energici e disinteressati, li ha ringraziati per il loro sostegno alla gente.

Prima di questo dialogo aperto, è stata annunciata una raccolta di appelli su temi e problemi che preoccupano gli imprenditori. Sono pervenute oltre 15mila domande su vari temi.

Nel suo discorso, il Presidente ha delineato 7 aree importanti per la loro soluzione. La prima direzione riguarda il finanziamento delle imprese, la seconda – migliorare il sistema fiscale e ridurre il carico fiscale sulle imprese, la terza è volta a migliorare la procedura per la fornitura di terreni, la quarta – allo sviluppo delle infrastrutture, la quinta – a sostenere le imprese esportatrici , il sesto – al settore dei trasporti e della logistica, il settimo – per semplificare le procedure aziendali.

Mirziyoyev ha delineato i compiti attuali in ciascuna area e ha proposto nuove iniziative.

Ad esempio, il 40% delle richieste riguarda finanziamenti aziendali e questioni finanziarie e creditizie. In particolare, è stato rilevato che molti prestiti vengono erogati ad alti tassi di interesse e per un breve periodo, a condizioni sfavorevoli per un imprenditore. Inoltre, i prestiti in valuta estera creano costi aggiuntivi per l’imprenditore a causa della crescita del tasso di cambio.

Al riguardo sono state individuate misure per aumentare il capitale delle banche. In particolare, il prossimo anno le banche riceveranno ulteriori 600 milioni di dollari dal Fondo per la ricostruzione e lo sviluppo sui principi di mercato. Gli eurobond in valuta nazionale per un importo di 5 trilioni di somme saranno collocati sui mercati finanziari internazionali. Ci saranno ampie opportunità per le banche straniere di entrare nel mercato uzbeko.

Un’altra importante novità sarà l’introduzione di un sistema di prestito agli imprenditori in somme, indipendentemente dalla valuta in cui le banche attraggono le risorse. Per questo, sarà creata una società di gestione del rischio valutario con filiali nelle regioni sotto il Ministero delle Finanze.

Negli ultimi tre anni il numero delle tasse è stato ridotto da 16 a 9. Fino a poco tempo fa i contributi ai fondi pensione, scuola e strada venivano pagati al 3,2%, un onere pesante per le imprese. Queste tasse sono state detratte dal fatturato indipendentemente dai profitti e la loro dimensione era almeno del 25-30 percento dei profitti delle imprese. Le aliquote dell’imposta sulla proprietà, dell’imposta sul reddito e dell’imposta sociale sono state ridotte di 2 volte.

Il presidente ha osservato che verranno create ulteriori preferenze per gli imprenditori in questa direzione.

In particolare, gli imprenditori registrati nelle zone economiche prima dell’adozione della Legge “Sulle Zone Speciali” nel febbraio 2020 manterranno i benefici loro previsti.

Verrà introdotta una procedura per il rimborso dell’importo dell’imposta sul valore aggiunto in eccesso ai partecipanti nelle zone economiche speciali entro 7 giorni. Ciò consentirà loro di aumentare il proprio capitale circolante.

Inoltre, in caso di pagamento rateale dell’IVA per 120 giorni, agli imprenditori non verranno addebitati gli interessi e non sarà richiesto alcun deposito.

L’aliquota fiscale per l’uso del sottosuolo per le imprese che producono materiali da costruzione sarà ridotta di 2 volte.

Sottolineando l’importanza di sostenere il settore dei servizi in caso di pandemia, il capo dello Stato ha incaricato di estendere i benefici loro forniti l’anno scorso. Entro la fine dell’anno, gli esercizi di ristorazione saranno esentati dal pagamento delle tasse fondiarie e immobiliari, e le compagnie di viaggio e gli hotel – dalle tasse di soggiorno per un periodo di 2 anni.

Secondo l’attuale procedura, gli imprenditori, insieme alla segnalazione, sono tenuti a richiedere separatamente alle autorità fiscali per riscuotere la differenza di imposta sul valore aggiunto. Questo vale per 14mila imprenditori, ci vuole tempo e denaro.

Pertanto, i responsabili sono stati incaricati dal prossimo anno di introdurre la procedura per la dichiarazione dell’imposta sul valore aggiunto senza documenti aggiuntivi.

Un altro problema che preoccupa gli imprenditori è l’assegnazione dei terreni. In questa occasione il Presidente ha ricevuto più di 4mila ricorsi.

Il 16 agosto di quest’anno, la legge “Sugli emendamenti e sulle integrazioni ad alcuni atti legislativi della Repubblica dell’Uzbekistan in relazione al miglioramento della procedura per la fornitura di terreni e il loro uso, nonché il sistema di registrazione dei terreni e manutenzione del catasto fondiario statale”. Si è così creata una solida base giuridica per l’introduzione dei terreni nella circolazione economica, trasformandoli in oggetto di compravendita e ipoteca.

D’ora in poi, i terreni agricoli saranno dati in locazione solo sulla base di una gara aperta. I terreni non agricoli saranno venduti solo tramite asta.

Naturalmente, molti imprenditori sono preoccupati per il destino dei terreni in cui si trova la loro attività. Il presidente ha osservato che i terreni attualmente occupati da queste imprese saranno registrati nella loro proprietà.

Particolare attenzione è stata prestata alla fornitura di infrastrutture alle entità commerciali. È stato notato che dal 1 gennaio del prossimo anno, lo Stato sarà pienamente responsabile della fornitura di reti elettriche, gasdotti, approvvigionamento idrico e infrastrutture stradali per progetti del valore di 200 miliardi di somme. Oggi questa procedura si applica solo a progetti di investitori stranieri del valore di oltre $ 50 milioni.

Inoltre, nei prossimi due anni, verranno create altre 200 zone industriali in tutto il paese, che lo stato fornirà con le comunicazioni ingegneristiche e le infrastrutture stradali. A tal fine, il prossimo anno saranno stanziati dal bilancio 2 trilioni di somme.

Un altro problema di cui si lamentano gli imprenditori è che le piccole imprese hanno gli stessi requisiti di connessione elettrica delle grandi imprese.

A questo proposito, dall’inizio del prossimo anno, verrà introdotto un sistema conveniente: la connessione alle reti elettriche sarà completamente effettuata tramite una piattaforma elettronica e tutti i processi saranno combinati in uno. Il termine per collegare gli imprenditori alla rete elettrica sarà determinato da 10 giorni per capacità fino a 20 kilowatt e 20 giorni per 50 kilowatt. Se la società di alimentazione non completa il lavoro in tempo, pagherà un risarcimento agli imprenditori.

Il capo dello Stato ha anche presentato una serie di iniziative per sostenere le imprese esportatrici e attirare le piccole imprese verso le attività di esportazione.

Ad esempio, l’anno scorso, durante una pandemia, è stata introdotta una procedura di rimborso dell’IVA per le imprese tessili senza attendere i guadagni in valuta estera dalle esportazioni. D’ora in poi, questa procedura si applicherà agli esportatori onesti e disciplinati di tutti i settori.

Pertanto, le imprese che esportano prodotti per un valore superiore a $ 20 milioni all’anno riceveranno prestiti agevolati per un valore fino a $ 5 milioni.

È stato notato che oggi vengono imposti dazi doganali elevati sull’importazione di alcuni tipi di materie prime. Di conseguenza, i prodotti sono più economici da importare che da produrre.

A questo proposito, il governo è stato incaricato di ridurre le aliquote dei dazi all’importazione su materie prime e semilavorati.

Sono stati inoltre toccati i temi dello sviluppo dei servizi di trasporto e logistica, dell’agevolazione del trasporto merci per gli imprenditori. È stato stabilito che i privilegi per l’importazione di camion e vagoni ferroviari saranno estesi per altri 3 anni.

Esistono molte linee guida per ridurre l’interferenza aziendale e facilitare l’ottenimento di sussidi.

Durante il dialogo, gli imprenditori hanno parlato dei loro problemi, espresso le loro opinioni e proposte. Ogni caso è stato discusso con la partecipazione di persone responsabili e khokim.

Il Presidente ha proposto di tenere tradizionalmente tali dialoghi aperti e di istituire il 20 agosto come Giornata degli imprenditori nel Paese. Queste proposte sono state ampiamente supportate dai partecipanti.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here