Dalla Regione nuovi fondi ad Asl e Aziende Ospedaliere per cure palliative e terapia del dolore.

0
85

cure-palliativeLe cure palliative e la terapia del dolore poste al centro dell’azione della Regione Campania. Il presidente Stefano Caldoro, infatti, ha recentemente firmato il decreto n. 105 riguardante gli obiettivi della Legge 662/96 sulle linee progettuali per l’utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi del Piano Sanitario Nazionale per l’anno 2013. La Regione Campania, quindi, ha sbloccato le procedure per l’utilizzo di 11 milioni di euro per il 2013 relativi alla Linea progettuale 7 per le cure palliative e la terapia del dolore, unitamente allo sviluppo dell’assistenza domiciliare palliativa specialistica.

L’azione messa in campo dal presidente Caldoro è stata motivo di enorme soddisfazione da chi da tempo è impegnato nella corretta applicazione della Legge 38 del 2010 sul dolore, come il dottor Sergio Canzanella, manager per l’Italia meridionale dell’European Cancer Patient Coalition, nonché membro della Commissione Cure Palliative della Regione Campania, segretario della sezione campana della Società Italiana Cure Palliative e dirigente dell’associazione di volontariato House Hospital onlus.

“Il presidente Caldoro – ha sottolineato il dottor Canzanella – si è mostrato per l’ennesima volta quale interprete della politica del fare, e a lui va il più sentito ringraziamento da parte di pazienti e familiari che quotidianamente lottano e non si arrendono di fronte alle aggressioni di malattie che sconvolgono la loro esistenza. Questo importante finanziamento – ha aggiunto Canzanella – consentirà alle aziende sanitarie e ospedaliere della Regione Campania di offrire più alti standard qualitativi ai pazienti bisognosi di cure palliative e di terapie del dolore”.

La Regione Campania, pertanto, in relazione al finanziamento della Linea progettuale 7, ha fissato il raggiungimento dei seguenti obiettivi generali: implementare la rete di cure palliative così come previsto dalla Legge n. 39/99 e dalla Legge n. 38/2010 secondo i requisiti dell’intesa Stato-Regioni del 25 luglio 2012; potenziare ma soprattutto definire procedure univoche e misurabili per la presa in carico continuativa dei pazienti adulti e minori in cure palliative e terapia del dolore; monitorare i percorsi formativi aziendali delle singole équipe.

Entrando nello specifico del finanziamento, questo è l’ammontare complessivo dei fondi destinati a ogni singola Asl per le cure palliative, con accanto la cifra destinata specificatamente alla terapia del dolore: Avellino € 638.842,43 – € 129.714,20; Benevento, € 422.867 – € 14 85.861,34; Caserta € 1.354.815,92 – € 275.089,53; Napoli 1 centro, € 1.450.233,14 – 294.463,58; Napoli 2 nord, € 1.524.858,15 – € 309.615,87; Napoli 3 sud, € 1.579.810,56 – € 320.773,72; Salerno, € 1.630.120,62 – € 30.988,96. Altri stanziamenti sono stati destinati alle aziende ospedaliere, relativamente alla terapia del dolore, che sono stati così ripartiti: A.O.R.N. Antonio Cardarelli Napoli € 119.465,94; A.O.R.N. Ospedali dei Colli € 119.465,94; I.N.T. Fondazione Pascale Napoli € 119.465,94; A.O.S.G. G. Moscati Avellino € 119.465,94; A.O. Rummo Benevento € 119.465,94; A.O.R.N. S. Anna – S. Sebastiano Caserta € 119.465,94; A.O.R.N. S. Giovanni di Dio – Ruggi D’Aragona Salerno € 119.465,94; A.O.R.N. Santobono-Pausilipon Napoli € 1.075.193,50; A.O.U.P. Azienda Seconda Università di Napoli € 119.465,94; A.O.U.P. Azienda Universitaria Federico II € 119.465,94.

LASCIA UN COMMENTO