“I Borbone e il mare”, XXIV Convegno Tradizionalista della Fedelissima Città di Gaeta

0
149

bandiera-borbonica-regno-due-sicilieAffiancandosi a Napoli ed Amalfi, Gaeta, ducato indipendente, fu Repubblica Marinara, coniò moneta e promulgò statuti civici.

Tante vicende e lunghe lotte politiche, militari e religiose costituiscono la sua storia.

“Gaeta ha una storia – politica, militare, religiosa – molto interessante e gloriosa”, sostengono il Presidente e i Membri della Pro Loco, “gode di una  privilegiata posizione che la natura ha reso fortezza formidabile ed inespugnabile. Le sue alte ed inaccessibili rocce la difendono dal fronte mare e da quello di terra munito di difesa dall’opera dell’uomo con la costruzione di mastodontici bastioni. Il porto, naturale anch’esso, rinomato per la sua sicurezza fu ed è sempre asilo e rifugio di flotte mercantili e militari e centro attivissimo di commercio marittimo. La quasi uguale distanza tra Roma e Napoli, per cui Gaeta venne a trovarsi fra i confini politici dello Stato del Papa e del Reame di Napoli, furono caratteristiche che per decine di secoli fecero convergere popoli, dinastie, principi, specialmente stranieri, che se ne disputavano il possesso. Allo stesso modo, queste caratteristiche dettero ai gaetani la possibilità di poter spesso reggersi e governarsi da sé”.

“La storia e la memoria di questa città, incalza Don Massimo Cuofano, restano perennemente legati all’ultimo periodo storico del Regno delle Due Sicilie. In essa trovò l’ultimo anelito per la difesa dell’indipendenza del Sud, Re Francesco II e gli eroici soldati che l’avevano seguito.
Presa d’assedio dalle truppe occupanti piemontesi comandate dal generale Cialdini, si difese eroicamente per diversi mesi, e solamente il freddo e le difficoltà sopraggiunte costrinsero ad una resa. Fu continuamente bombardata dalle truppe piemontesi, finanche nel momento in cui gli ambasciatori napoletani stavano firmando la resa. Trovarono la morte in quella gloriosa Fortezza tantissimi eroi, tra cui diversi giovanissimi allievi della Nunziatella, che non vollero venire meno al loro giuramento di fedeltà alla patria napoletana e al Re Francesco II di Borbone”.

Proprio a Gaeta, grazie a chi ha tenuto viva la memoria della storia, si trova oggi un Sacrario dedicato agli eroi delle Due Sicilie. Quest’anno, nel corso del mese di febbraio, si celebra il XXIV Convegno Tradizionalista della Fedelissima Città di Gaeta sul tema   “I BORBONE E IL MARE”. Molteplici le manifestazioni di cultura, di fede e di memoria. Tanti i relatori e partecipanti, provenienti da diverse parti, e tutti legati alla memoria dell’antico Regno.

Promotore dell’incontro è l’avv. Sevi Scafetta. Parteciperanno diversi movimenti meridionalisti, tra cui il movimento neoborbonico e i comitati due sicilie, il Movimento Storico delle Due Sicilie, l’Ordine Costantiniano di San Giorgio, in particolare la sezione del Lazio. Seguirà la visita al Sacrario Borbonico a cura dell’avv. Franco Ciufo, Vice Delegato del Lazio del S. M. Ordine Costantiniano di San Giorgio, e l’omaggio ai caduti. Saranno presenti storici e giornalisti che hanno preso a cuore il revisionismo storico del periodo risorgimentale. Importante, fra l’altro, la partecipazione della nascente “Fondazione Francesco II di Borbone”, che attraverso la relazione  dei tre soci fondatori promotori, sarà presentata a tutti i partecipanti. Secondo don Massimo Cuofano, “…la Fondazione vuole in particolare lanciare sollecitazione per un impegno collettivo di tutti per ridare alla figura di Francesco II di Borbone quella memoria storica e religiosa che merita. Obiettivo è anche la promozione di una eventuale causa di beatificazione del suddetto Sovrano, Re religiosissimo, caritatevole e di grandi virtù umane, sociali e morali..”.

2196_0Francesco d’Assisi Maria Leopoldo di  Borbone, nacque  a   Napoli,  il  16  gennaio 1836,   da  Re Ferdinando  II  e  dalla  Beata   Maria Cristina  di Savoia, “ la  Reginella Santa”, della  quale rimase orfano dopo appena quindici giorni dalla nascita. “Portò sempre la memoria di questa donna stupenda e buona, ci ricorda Cuofano, e la fama di  essere il figlio della “ Regina Santa” accompagnò tutta la sua esistenza. Dalla vita di lei apprese l’umiltà e la mansuetudine, e da vero cattolico, seguendo anche gli insegnamenti di suo  padre,  seppe  sempre  guardare  aldilà  delle tenebre, fondando la sua vita sulla fede cristiana, nell’onestà  dei  costumi  e  di pensiero,  consapevole  di essere chiamato a servire il suo popolo. Cattolico   devoto,  formato  alla  scuola dei  Gesuiti e   degli  Scolopi,  con  una   religiosità  e    fede  profonda,  che  caratterizzò  tutte  le  sue  scelte,  ricordando tutto il gran  bene che suo padre aveva fatto per  il Regno,  egli è animato da buonissimi sentimenti. Sulla  stessa scia dei suoi  antenati, Re  Francesco  II si preoccupò per l’assistenza dei poveri, costruì e ampliò ospedali, fece bonifiche,  organizzò la scuola di diritto internazionale e  si  occupò  per  l’istruzione  della sua gente,  fece  nuovi  progetti  per  la  diffusione   delle ferrovie,  e  altri  decreti  per la valorizzazione delle industrie e dell’economia. Francesco d’Assisi Maria Leopoldo di  Borbone salì al trono giovanissimo, all’età di 23 anni, a seguito della morte  di  suo  padre. Nel solco dell’operato paterno, Re  Francesco  II, manifestò il suo interesse per i poveri, costruì e ampliò ospedali, fece bonifiche,  organizzò la scuola di diritto internazionale e  si  occupò  per  l’istruzione  della sua gente. Si distinse nell’impegno in nuovi  progetti  per  la  diffusione   delle ferrovie. Decretò per la valorizzazione delle industrie e dell’economia.

“La Regalità per Francesco II di Borbone,  riferiscono i  i responsabili della Fondazione “Francesco II di Borbone”, educato agli ideali del mondo antico, non era sete di potere, ambizione, ricerca del proprio interesse, ma si fondava  e si conformava  all’unico modello di  Regalità  che la sua   profonda  religiosità cristiana e la  sua  fede   nel Cristo Redentore, potevano proporgli di imitare”. Il “Re” Francesco II si sentiva, ed era  effettivamente, “lo sposo” del suo popolo, che amò fino alla fine della sua vita,  ben  oltre  la  perdita  del trono e la fine del Regno. Seppure la storiografia post unitaria si è poco interessata di questo Sovrano, se non per calunniarlo e svilirne la personalità, eppure  dal suo ricco epistolario, dal  suo diario, e  dalla memoria di chi gli è stato vicino fino alla fine, emerge la figura di un vero  Re,  dal  profilo  morale,  umano, spirituale, intellettuale di altissimo rigore. Fece della  Verità e della Giustizia i suoi ideali di buon governo,  e come figlio di questa terra e padre del suo popolo, difese con forza il diritto del sua regno alla libertà e all’indipendenza, denunciando all’Europa intera l’ingiustizia e le evidenti violazioni del diritto internazionale ai danni dei popoli delle Due Sicilie,  che una guerra ingiusta e non voluta stava loro arrecando. Ricercò, come uomo di pace,  la soluzione a quella guerra attraverso i canali della diplomazia, volendo evitare assurde violenze e  quella guerra fratricida. Inascoltato pronunciò parole gravi alle palesi ingiustizie di una rivoluzione contraria al diritto,  di fronte alle quali  l’Europa  rimase sorda. “Denunciò, inoltre,  sostengono Cuofano, Rotolo, Losapio e Marro, (Comitato Due Sicilie), con  chiarezza e lucidità, la  grande minaccia   che aleggiava sul mondo e  contro la stessa Chiesa Cattolica,  una verità che pochi,  in quel momento  vollero comprendere.

Egli aveva  visto   bene  che  dietro  tutto   quel movimento rivoluzionario  si  nascondevano  i disegni di un potere oscuro, che  impadronendosi allora dei  suoi  Stati,   ben   presto  avrebbero minacciato l’intera Europa. Infatti  quella violazione delle norme  più  elementari  del diritto internazionale, avrebbe spianato la  strada a  regimi  basati  sulla forza , la corruzione e sulla violenza. Fu profeta che aveva guardato ben lontano, rendendosi conto  dei totalitarismi  e  massacri,  che nel secolo successivo avrebbero trasformato l’Europa e il Mondo  in un immenso teatro di violenza e di guerre”. Nell’animo di questo Re cristiano dimoravano pace, serenità e concordia.

“Dopo  la  resa  di  Gaeta,  prosegue Cuofano, dove eroicamente, con i suoi soldati e  ufficiali rimasti fedeli aveva difeso il suo regno,  andò in esilio a Roma accolto dal Beato Pontefice Pio IX, unica voce rimasta a difendere  la Verità. In seguito, primo  emigrante ed esiliato del Sud,  rimase tra Parigi e Arco di Trento, dove spesso si recava per curare il suo diabete, ospite della famiglia imperiale. Visse questi  anni del suo esilio  sobrio e umile,  sempre disponibile verso la sua gente,  e uomo di grande carità e  amabilità,  fu  sempre  cordiale  con tutti  e  pronto  ad  essere solidale alle altrui necessità.  Nonostante  fosse  rimasto  anche  lui  povero,   perché spogliato  persino  dei  suoi  beni personali  da  chi  gli aveva  usurpato  il  regno,  non  rifiutò  mai di dividere quel poco che aveva con altri che avevano bisogno  di carità. Anche  da  lontano   continuò  a  interessarsi della  sua  gente  delle  Due Sicilie,  li soccorreva nei momenti di bisogno,  e  chiunque si   presentava   da  lui veniva accolto con grande affetto, e  non ripartiva mai a mani vuote. Non ebbe mai parole di biasimo o di condanna per alcuno, ma sempre sentimenti di pace e di perdono. Dal  suo   doloroso esilio,  riferisce Cuofano e il Comitato Francesco II di Borbone, dove  sentiva la mancanza della sua  Napoli e del suo popolo, soffrendo amaramente  per   le   dolorose  notizie  che  giungevano riguardo  gli eccidi  e la  miseria della sua gente, invitava tutti alla pace e alla  concordia, e di sperare nella Giustizia di Dio, che non lascia impunite le iniquità e  non fa durare eternamente le usurpazioni. Conservò sempre la sua serenità, e novello Giobbe, come il Beato Pontefice Pio IX lo chiamava, sopportò con eroica pazienza le avversità della vita e le calunnie dei detrattori. Restò sempre, come  il santo di cui portava il nome, nella perfetta letizia. Colpito dolorosamente anche dalla morte repentina della sua unica bambina,  seppe inginocchiarsi alla Volontà  di  Dio.  Non  fu mai  scossa  la sua fede, fondata  sulla sana dottrina  e su solida formazione umana, sociale e teologica. Tradito, ingannato, spogliato, impoverito, calunniato,  perseguitato,  consapevole  che   nulla   mai   potrà separarlo dall’amore di Dio,  egli  seppe  abbassare umilmente il suo capo nella bufera e con silenzioso eroismo fu rassegnato alla Divina Volontà”. Con capacità cristiana guardò oltre la povertà degli uomini nella convinzione che solo in Dio  risiedono Verità e Giustizia.

“ Borbone e il mare”, così è titolata, dunque, la grande annuale manifestazione di Gaeta. Si tratta di un Convegno Tradizionalista della Fedelissima Città. La manifestazione si spenderà in quattro giorni 5, 13, 14, 15 febbraio, specialmente presso l’Hotel Serapo,  Sala di Ponente. Si aprirà il sipario sui Borbone Giovedì 5 febbraio nella località Gaeta Medievale, Largo Caserta, (affianco alla Base della Marina Militare). Alle 12,00  si terrà la 48° Commemorazione, a cura dell’Associazione Nazionale ex Allievi della Nunziatella, dell’esplosione della “Cortina a denti di sega Sant’Antonio”, avvenuta il 5 febbraio 1861 sotto i bombardamenti piemontesi, che causò la morte a centinaia  di Cittadini Gaetani e di Soldati e Ufficiali dell’Esercito Napoletano.  Seguirà la deposizione della corona di fiori per i Caduti del 5 febbraio 1861. Successivamente si terranno numerosi interventi commemorativi, nonché la preghiera in suffragio dei Caduti nella Cappella dedicata a Santa Maria de la Soledad all’interno della Porta Carlo V.

Il 13 febbraio, alle 17.30, con la presentazione del progetto “Fondazione Francesco II di Borbone” a cura di don Luciano Rotolo, don Massimo Cuofano, Pantaleo Losapio e Fiore Marro (Comitati delle Due Sicilie); alle 18,00 seguirà lo spettacolo videomusicale, con i musicisti del Gruppo Idea Sud, a cura di Pino Marino dell’Ass. Daunia Due Sicilie – Delegazione Puglie Ass. Neoborbonica dal titolo: “C’era una volta un Regno”.

Sabato, 14 febbraio, alle ore 9,00, presso l’ Hotel Serapo, si terrà l’Assemblea dei Soci dell’Ass. Culturale Neoborbonica e, a seguire, seduta del “Parlamento delle Due Sicilie – Parlamento del Sud”. Nel mezzo della giornata prefestiva, alle 12,00, l’incontro è fissato presso la Basilica Cattedrale di Gaeta, si terrà la visita al Sacrario Borbonico a cura di Franco Ciufo, Vice Delegato del Lazio del S. M. Ordine Costantiniano di San Giorgio e di Alessandro Romano, coordinatore naz. Ass. Neoborbonica. Farà poi seguito all’Hotel Serapo,  Sala di Ponente, l’inaugurazione della mostra:  “Tra sete, quadranti, gemelli e bottoni, una Real Borbonica esposizione” di Salvatore Argenio, stilista identitario. Nel pomeriggio, alle 16,30 è prevista l’apertura del Convegno e della celebrazione del Giorno della Memoria dei Popoli delle Due Sicilie: in programma i saluti del Sindaco di Gaeta, dott. Cosimino Mitrano, del Presidente della C.C.I.A.A. di Latina, Vincenzo Zottola, dell’organizzatore degli eventi avv. Sevi Scafetta, Introdurrà l’incontro e condurrà  Marina Campanile, Presidente della Fondazione Vanvitelli. Il programma sarà ulteriormente arricchito dagli interventi di Salvatore Di Tucci, Erasmo Coccoluto, Gennaro De Crescenzo,  Claudio Romano,  Adolfo Morganti e  Pino Aprile. Concluderà la serata, alle 21,00, la cena con menù borbonici di Gaeta nei ristoranti convenzionati fra Musica e canti che faranno rivivere le incantevoli notti dell’epoca. Domenica, 15 febbraio, c/o la Basilica Cattedrale di Gaeta sarà celebrata dal Vicario Generale Mons. Giuseppe Sparagna, animata dal Coro della Cattedrale, la Messa Solenne in suffragio dei Caduti del 1860/61. La celebrazione si terrà presso il Santuario della SS. Trinità alla “Montagna Spaccata”, un complesso che si incastona nel contesto di tre fenditure della roccia. Segue una scalinata di 35 gradini, che conduce alla profonda, suggestiva fenditura centrale, che, secondo la tradizione cristiana, si sarebbe formata alla morte di Cristo….. La straordinaria bellezza del luogo e la suggestiva atmosfera hanno reso internazionale la fama del posto, tanto d’essere meta di continui pellegrinaggi per i fedeli.  Alle 12.00 si assisterà alla cerimonia del lancio a mare della corona di fiori, offerta dalla Nunziatella, in memoria dei Caduti del 1860-1861.

Concluderà il Convegno “I Borbone e il mare” la rievocazione storica con alzabandiera salutato a salve lungo gli spalti sulla falesia ove esisteva la Batteria Transilvania, a cura dei Raggruppamenti storico-militari delle Armate di Terra e di Mare del Regno delle Due Sicilie, condotti dal Cap. Alessandro Romano.

Ci piace concludere il servizio sulla Casa Borbone guadagnando l’opportunità che ci ha offerto Eugenio Scalfari, il fondatore de La Repubblica, riguarda a Napoli e al Sud. Sollecitato da da Antonio Gnoli ad esprimersi sui motivi per cui gli italiani, a suo parere, restano “diversi” tra loro a tanti anni dall’unificazione, Scalfari, ha voluto sottolineare che il popolo italiano non si riconosce realmente nello Stato cui appartiene, questo perché l’unificazione piemontese è stata occupazione.

“Non fu unità –  ha dichiarato – fu occupazione piemontese, e se l’avesse fatta il Regno di Napoli, che era molto più ricco e potente, sarebbe andata diversamente… La mentalità savoiarda non era italiana. Cavour parlava francese. E gli italiani quel nuovo Stato l’hanno detestato”

Emilio La Greca Romano

 

XXIV CONVEGNO NAZIONALE TRADIZIONALISTA DELLA FEDELISSIMA CITTÀ DI GAETA

” I BORBONE E IL MARE ” – 5, 13, 14 e 15 FEBBRAIO 2015

XXIV CONVEGNO NAZIONALE TRADIZIONALISTA DELLA FEDELISSIMA CITTÀ DI GAETA
” I BORBONE E IL MARE ”

5, 13, 14 e 15 FEBBRAIO 2015

” I BORBONE E IL MARE ”

PROGRAMMA

Giovedì 5 febbraio

Gaeta Medievale, Largo Caserta
(affianco alla Base della Marina Militare)
– ore 12,00
48° Commemorazione, a cura dell’Associazione Nazionale ex Allievi della Nunziatella, dell’esplosione della “Cortina a denti di sega Sant’Antonio”, avvenuta il 5 febbraio 1861 sotto i bombardamenti piemontesi, che causò la morte a centinaia di Cittadini Gaetani e di Soldati e Ufficiali dell’Esercito Napoletano.
Deposizione della corona di fiori per i Caduti del 5 febbraio 1861. Interventi commemorativi.
Preghiera in suffragio dei Caduti nella Cappella dedicata a Santa Maria de la Soledad all’interno della Porta Carlo V.

Venerdì 13 febbraio

Hotel Serapo, Sala di Ponente
– ore 18,00 C’era una volta un Regno” – Spettacolo videomusicale di Pino Marino, con i musicisti del Gruppo IdeaSud, a cura dell’Ass. Daunia Due Sicilie

Sabato 14 febbraio

Basilica Cattedrale di Gaeta
– ore 11.00 Conferenza di presentazione del Sacrario Borbonico
Conduce:
Prof. Avv. Franco Ciufo, Vice Delegato del Lazio del S. M. Ordine Costantiniano di San Giorgio

Intervengono:
Dott. Giuseppe Catenacci, Presidente On. dell’Associazione Naz. Ex Allievi della Nunziatella
“Gli eroi di Gaeta del 1860-61 hanno il loro Mausoleo nella Basilica Cattedrale di Gaeta”
(presentazione dell’omonimo pamphlet curato da Giuseppe Catenacci e Francesco Maurizio Di Giovine, edito dall’Ass. Naz. Ex Allievi Nunziatella – Sezione Lazio)
Lino Sorabella
“Illustrazione del Sacrario Borbonico”

Hotel Serapo, Sala di Ponente
– ore 16.00 Inaugurazione della mostra: “Tra sete, quadranti, gemelli e bottoni, una Real Borbonica esposizione” di Salvatore Argenio, stilista identitario

– ore 16.30 Apertura del CONVEGNO:
Saluti del Sindaco di Gaeta, dott. Cosimino Mitrano, del Presidente della C.C.I.A.A. di Latina, Vincenzo Zottola,
del Vice Delegato del Lazio del S. M. Ordine Costantiniano di San Giorgio, Prof. Avv. Franco Ciufo e del Presidente del Associazione Naz. Ex Allievi della Nunziatella, ing. Alessandro Ortis

Introduce e conduce:
Prof. Marina Campanile, Presidente della Fondazione Vanvitelli
Intervengono:
Presentazione del libro “Carlo Filangieri”, Tenente Generale Ispettore dell’Accademia di Marina e Ministro del Governo Borbonico (curato da Giuseppe Catenacci e Francesco Maurizio Di Giovine)
Prof. Salvatore Di Tucci, Preside Istituto Nautico di Gaeta “Giovanni Caboto”
“La marineria mercantile nel Regno di Napoli”
Prof. Erasmo Coccoluto, Coordinatore I.T.S. “Fondazione G. Caboto”
“La formazione nautica nel Regno di Napoli”
Prof. Gennaro De Crescenzo, scrittore, Presidente Ass. Cult. Movimento Neoborbonico
“Industrie e commerci marittimi”
Dott. Claudio Romano, storico e scrittore in tema di Marina Napoletana
“La realizzazione del Bacino da Raddobbo di Napoli”
Prof. Adolfo Morganti, scrittore, Presidente Identità Europea
“La funzione del mare nella difesa dell’identità meridionale”
Dott. Pino Aprile , giornalista e scrittore
“Il Sud e il Mare”

– ore 21.00 Cena con menù borbonici di Gaeta nei ristoranti convenzionati.
Musica e canti che ci faranno rivivere le incantevoli notti dell’epoca

Domenica 15 febbraio

– Basilica Cattedrale di Gaeta
Ore 10.00 Messa Solenne in suffragio dei Caduti del 1860/61, celebrata dal Vicario Generale Mons. Giuseppe Sparagna, animata dal Coro della Cattedrale.
Santuario della SS. Trinità alla Montagna Spaccata

– Ore 12.00 Cerimonia del lancio a mare della corona di fiori offerta dalla Nunziatella in memoria dei Caduti del 1860-1861.
Rievocazione storica con alzabandiera salutato a salve lungo gli spalti sulla falesia ove esisteva la Batteria Transilvania, a cura
dei Raggruppamenti storico-militari delle Armate di Terra e di Mare del Regno delle Due Sicilie, condotti dal Cap. Alessandro Romano.

Per informazioni su alberghi e ristoranti convenzionati
rivolgersi alla
Pro Loco Gaeta cell. 320 0380413 – email info@prolocogaeta.it

LASCIA UN COMMENTO