OpenGiustizia, innovazione negli uffici giudiziari, partnership tra Ministero della Giustizia ed Università Federico II, venerdì 9 alla Biblioteca del Palazzo di Giustizia.

0
35

Percorsi di innovazione negli uffici giudiziari

I risultati del progetto OpenGiustizia

Biblioteca Tartaglione del Nuovo Palazzo di Giustizia di Napoli, ingresso via G. Porzio

venerdì 9 ottobre

alle 9.30

Interverranno

Ettore Ferrara, Presidente del Tribunale di Napoli, Giovanni Colangelo, Procuratore della Repubblica di Napoli, e Pasquale Liccardo, Direttore Generale Sistemi Informativi – Ministero della Giustizia

141022104846OpenGiust_940Organizzazione, innovazione, partecipazione.

Sono queste le parole chiave di OpenGiustizia Napoli, il progetto di ottimizzazione e innovazione organizzativa che per diciotto mesi ha interessato gli uffici giudiziari del Tribunale e della Procura di Napoli e i cui risultati saranno presentati venerdì 9 ottobre, alle 9.30, nella Biblioteca Tartaglione del Nuovo Palazzo di Giustizia di Napoli, ingresso via G. Porzio, nel corso del convegno ‘Percorsi di innovazione negli uffici giudiziari’.

 

279847_0_0Introdurranno i lavori Stefano Zan, Responsabile Scientifico del progetto OpenGiustizia Napoli, Antonino Mazzeo, Università degli Studi di Napoli Federico II – Capofila RTI, Giovanna Ceppaluni, Presidente VI Sezione Penale e Responsabile progetto OpenGiustizia Napoli – Tribunale di Napoli, Giuseppe Borrelli, Procuratore Aggiunto, Responsabile progetto OpenGiustizia Napoli – Procura della Repubblica di Napoli, e Giuseppe Carannante, Autorità di Gestione Fondo Sociale Europeo – Regione Campania.

Le conclusione sono affidate a Ettore Ferrara, Presidente del Tribunale di Napoli, Giovanni Colangelo, Procuratore della Repubblica di Napoli, e Pasquale Liccardo, Direttore Generale Sistemi Informativi – Ministero della Giustizia.

Tutte le storie di innovazione realizzate sono state raccolte in una pubblicazione che verrà presentata e distribuita durante il convegno.

OpenGiustizia è un progetto realizzato dal Raggruppamento Temporaneo d’Imprese coordinato dall’Università degli Studi di Napoli Federico II e composto dall’Istituto per la Ricerca Sociale e la Fondazione Politecnico di Milano.

LASCIA UN COMMENTO