Suor Orsola, inaugurazione dottorato in “Scienze umane e nuove tecnologie” mercoledì 20 con Massimo Bray.

0
58

Mercoledì 20 Gennaio alle ore 14 per l’inaugurazione del secondo anno accademico del dottorato di ricerca in “Scienze umane e nuove tecnologie” dell’Università Suor Orsola Benincasa, quest’anno in cattedra ci sarà Massimo Bray, già Ministro per i Beni Culturali e direttore generale dell’Istituto della Enciclopedia italiana – Treccani.

La lectio inaguralis di un dottorato, unico nel suo genere nelle Università del Mezzogiorno, nato con l’obiettivo di studiare e valorizzare l’interazione e l’integrazione tra le scienze umane e le tecnologie avanzate, si svolgerà nella Biblioteca Pagliara dell’Università Suor Orsola Benincasa e sarà dedicata al tema “Nuovi orizzonti per l’editoria nel mondo digitale”.

La lezione, introdotta dal Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucio d’Alessandro, e dal Preside della Facoltà di Lettere del Suor Orsola, Emma Giammattei, coordinatore del dottorato di ricerca, sarà aperta al pubblico e illustrerà le nuove prospettive e le nuove metodologie dell’editoria digitale, partendo proprio dall’esempio virtuoso dell’Istituto dell’Enciclopedia italiana – Treccani, che già da tempo ha intrapreso con convinzione la via dell’open source e del modello della enciclopedia on-line, che realizza la sintesi tra le modalità acquisite della comunicazione scientifica tradizionale e gli approcci digitali inediti nella diffusione delle informazioni.

“La presenza significativa di Massimo Bray e una lezione su un tema così nevralgico per il futuro delle scienze umane nel nostro Paese – spiega Emma Giammattei -vuole mettere in rilievo la nuova stagione iniziata già da qualche anno al Suor Orsola nel segno interdisciplinare dell’umanistica digitale, con la realizzazione del Centro di Ricerca Scienza Nuova, il Laboratorio integrato di nuove tecnologie per le scienze sociali, che rappresenta il catalizzatore innovativo e insieme lo strumento duttile dei saperi consolidati in un Ateneo di tradizione umanistica ultrasecolare”. Scienza Nuova offre, infatti, con i suoi living-lab diversificati l’ambiente pratico ed epistemologico più adeguato per lo svolgimento del dottorato di ricerca in Scienze umane e nuove tecnologie, con una particolare attenzione al mondo editoriale che cambia grazie al laboratorio Bacone, dedicato alla digitalizzazione e alla ricodificazione del patrimonio linguistico, storico, letterario, artistico, bibliografico, che prepara nuove funzioni (e occupazioni) dell’intellettuale contemporaneo.

Lo studio dell’editoria all’Università Suor Orsola Benincasa: una delle novità è un Corso di Alta Formazione sull’editoria per l’infanzia

Lo studio e la ricerca sul mondo dell’editoria e sulle sue tante sfaccettature sono considerati così importanti all’Università Suor Orsola Benincasa da attraversare in modo trasversale numerosi percorsi formativi. Innanzitutto alla Facoltà di Lettere con l’insegnamento di Storia dell’editoria, tenuto da Marco Santoro, presidente dell’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento Meridionale e fondatore di Italinemo, il sito dedicato alle riviste di italianistica nel mondo.

Alla Facoltà di Scienze della Formazione all’interno del corso di laurea specialistica in Comunicazione pubblica e d’impresa c’è un insegnamento di Gestione e marketing delle imprese editoriali affidato ad Enzo D’Elia, fondatore dell’ Agenzia Letteraria Delia, che guarda con grande attenzione alle nuove tecnologie.

Tra i percorsi di alta formazione post laurea c’è un innovativo Corso di Perfezionamento specificamente dedicato all’editoria per l’infanzia (con iscrizioni aperte fino al 14 Febbraio 2016), nato con l’obiettivo di formare una nuova figura di esperto nella progettazione, realizzazione, distribuzione e vendita dei prodotti editoriali, sia cartacei sia in formati elettronici, destinati all’infanzia e al vasto pubblico giovanile.

Fiore all’occhiello dell’Ateneo è senz’altro la Scuola di Giornalismo, la prima del Mezzogiorno peninsulare, fondata nel 2003 da Paolo Mieli ed oggi, all’interno della Torre della Comunicazione, simbolo e motore della rivoluzione dei sistemi editoriali nel mondo giornalistico insieme con la web radio, Run Radio.

 

LASCIA UN COMMENTO