Incontro a Caserta promosso dal Rotary Campania Intelligenza Artificiale fra tecnologia, etica e timori

Dopodomani, sabato, 13 aprile, alle ore 9,30, a Caserta, presso il Real Belvedere di San Leucio, si terrà un incontro sull’Intelligenza Artificiale, promosso dal governatore del Distretto Rotary della Campania, professore Ugo Oliviero. Sarà l’occasione per discutere su opportunità, rischi e timori associati all’Intelligenza Artificiale, e su come in generale essa inciderà sulle nostre vite.

Numerosi e interessanti i temi e i relatori dell’incontro rotariano a Caserta. Interverranno: il governatore del Distretto Rotary della Campania, Ugo Oliviero, il sindaco di Caserta, Carlo Marino, il rotariano di “Caserta Terra di Lavoro 1954”, Vincenzo Iorio, i prossimi governatori del Distretto Rotary della Campania, Antonio Brando e Angelo Di Rienzo, il responsabile Rotaract, Roberto Mauri, il responsabile Interact, MariaClara Scialò, il professore Carlo Sansone (“Da Turing a ChatGPT: l’Intelligenza Artificiale dagli anni 50 ad oggi”), il professore Bruno Siciliano (“Robotica a Intelligenza Artificiale: verso un umanesimo tecnologico”), il professore Andrea Patroni Griffi (“L’Intelligenza Artificiale nella prospettiva del biodiritto e del bilanciamento costituzionale”), il professore Lucio Romano (“Intelligenza Artificiale predittiva e profilazione della vita. Interrogativi sulla democrazia”), il professore Pasquale Giustiniani (“Intelligenza, coscienza o sensibilità: un nuovo vocabolario per l’Intelligenza Artificiale”), l’avvocato Federica Sapio (“Il ruolo dell’Intelligenza Artificiale nel procedimento amministrativo e negli appalti pubblici”). Modererà il dibattito il giornalista Enrico Sbandi.

La giornata di studi sarà conclusa con la consegna dei premi sulla “Legalità, Cultura ed Etica dell’Intelligenza Artificiale” a quattro giovani studenti delle scuole medie campane.

Il professore Nicola Pasquino, del Rotary di Napoli Posillipo, che ha organizzato l’incontro culturale di Caserta, ha affermato: “L’Intelligenza Artificiale stimola l’innovazione tecnologica, portando a nuove soluzioni, prodotti e servizi che possono migliorare la qualità della vita e soddisfare le esigenze emergenti, contribuendo a una crescita economica sostenibile, creando nuove opportunità di lavoro, promuovendo l’efficienza e stimolando settori economici emergenti. L’Intelligenza Artificiale può essere utilizzata per affrontare sfide globali, come la gestione delle risorse, la sicurezza alimentare, la salute pubblica e l’ambiente, facilitando peraltro l’inclusione economica migliorando l’accesso a servizi, opportunità educative e mercati globali, specialmente nelle regioni in via di sviluppo. Non c’è dubbio che l’Intelligenza Artificiale stia ridefinendo il nostro rapporto con la tecnologia, aprendo nuove opportunità in vari settori. Ci sono ovvi aspetti etici da gestire, tanto che ad inizio dello scorso novembre si è tenuto in UK il primo summit global sui rischi associati all’Intelligenza Artificiale, ma è indubbio che i vantaggi tecnologici ed economici siano di grande portata”.