Giornalismo in lutto, morto Egidio Del Vecchio, presidente onorario dell’Unione Cronisti.

L’Unione cronisti italiani piange la scomparsa di Egidio Del Vecchio, presidente onorario dell’Unci, mancato oggi dopo una lunga malattia. Nato a Napoli 85 anni fa, giornalista professionista dal 1953, insieme con Piero Passetti, Alfredo Provenzali e Enzo Perez de Vera ha segnato gli anni più importanti nella crescita dell’associazione dei cronisti italiani, partendo dal Gruppo della Campania di cui è stato presidente tra il 1980 e il 1990.

«Uomo colto e mite, professionista integerrimo, Del Vecchio ha lasciato la sua impronta nella redazione e tra i colleghi del Mattino con cui ha lavorato per molti anni. Sotto la sua presidenza – ricorda il presidente dell’Unci, Alessandro Galimberti – il capoluogo campano ha ospitato prestigiosi incontri internazionali dell’informazione, a cui prendevano parte cronisti provenienti da ogni parte dell’Europa. Assumendo, successivamente, importanti incarichi a livello nazionale Egidio Del Vecchio non solo ha lasciato una importante eredità a chi gli è succeduto alla presidenza regionale, ma ha mantenuto viva la sua attenzione sul gruppo partenopeo, prodigo di suggerimenti e di consigli, rappresentando un costante collegamento con la presidenza e la giunta nazionale».

Negli ultimi anni, la sua assenza, forzata, ha fatto venir meno un simbolo dei cronisti e un maestro di professione e di vita, il vero spirito da cronista. I funerali si svolgeranno domani (oggi) mattina alle 11 nella chiesa di Sant’Orsola a Chiaia.

Alla famiglia, ai colleghi e agli amici che hanno potuto conoscere e apprezzare Egidio Del Vecchio il cordoglio e la vicinanza di Sugc e Fnsi.

Advertisements