San Gregorio Armeno, la strada dei pastori del presepe, è deserta, e gli artigiani denunciano: noi esclusi dai ristori. Qualcuno ci ha chiesto De Luca con il lanciafiamme o i medici con le mascherine.

0
683
La serrata delle botteghe dell'arte del presepe a San Gregorio Armeno a Napoli. Gli artigiani, in mancanza di turisti, vedono compromesse le loro attivita' e chiedono aiuti finanziari per superare la crisi scaturita dalla pandemia da Coronavirus 19 maggio 2020 ANSA / CIRO FUSCO
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

Sono lontani i giorni in cui, in anni senza covid, a San Gregorio Armeno, la strada dei pastori a Napoli, non si poteva camminare per la folla di curiosi e clienti accorsi a comprare un pezzo in più per impreziosire il proprio presepe o pensare a un regalo di Natale. Nel centro storico, la via dei pastori oggi è deserta: non ci sono più i turisti, non ci sono i clienti, non ci sono i curiosi che fotografano le statuine realizzate dagli artigiani pastorai.

Il covid ha piegato anche loro.

Da ieri, davanti a ogni bottega, i pastorai hanno appeso dei drappi ‘giallo Napoli’, come il colore assegnato alla Campania.

Nell’aria si respira rassegnazione, avvilimento, paura di dover chiudere per sempre botteghe che si tramandano da generazioni, passando di padre in figlio. “Siamo del tutto esclusi dal Dl Ristori – spiega Dino Bavero, titolare della bottega Bella ‘Mbriana, che fa parte dell’Associazione Le botteghe di San Gregorio Armeno – Abbiamo scritto a Conte chiedendogli di prevedere misure di sostegno anche per noi”.

Ottobre, novembre e dicembre sono di norma i mesi in cui gli artigiani capitalizzano un anno di lavoro. Tre mesi durante i quali gli artigiani vendono le loro creazioni, pastori realizzati a mano, sia quelli tradizionali sia statuine originali, che, di solito, hanno le fattezze di personaggi di attualità (politici, calciatori, per esempio). Tutti in bella mostra, lungo via San Gregorio Armeno, in una esposizione permanente tra una bottega e l’altra.

Stavolta no, stavolta c’è solo da sperare di riuscire almeno a pagare le spese fisse. “Qualcuno è venuto a chiederci se avevamo De Luca con il lanciafiamme o avessimo realizzato medici e infermieri con le mascherine – racconta Bavero – Ma nessuno che compri, nessuno che sia interessato ai salti mortali che stiamo facendo”. Con gli aiuti del primo lockdown, “non siamo stati in grado nemmeno di pagare gli affitti che qui sono comunque molto alti”. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here