Giornata del contemporaneo per ricordare il terremoto del 1980 alla Reggia di Caserta.

Si chiamerà “Giornata del Contemporaneo” l’appuntamento previsto per sabato 23 novembre con cui la Reggia di Caserta ricorderà il sisma del 1980, a quasi 40 anni dalla tragedia che colpì l’Irpinia, le altre province campane e quelle della Basilicata, e che provocò 3mila morti e 8mila feriti. Una giornata della memoria, con ingresso gratuito e varie iniziative, che la Reggia ha organizzato nell’ambito dell’iniziativa “Io Vado al Museo”, voluta dal Mibact, in collaborazione con l’Università degli studi Luigi Vanvitelli. I visitatori potranno ammirare gratuitamente la collezione “Terrae Motus”, che il gallerista napoletano Lucio D’Amelio allestì, con il coinvolgimento di 65 tra i maggiori artisti contemporanei, proprio per ricordare il sisma del 1980.

E proprio nelle sale che ospitano l’importante collezione, nella suggestiva cornice delle grandi tele di Andy Warhol, Keith Haring, Julian Schnabel, Miquel Barcelò, Keith Haring, Jannis Kounellis, Mimmo Paladino e Emilio Vedova, il regista Pappi Corsicato presenterà il suo film documentario “L’arte viva di Julian Schnabel”; la pellicola è un’intima testimonianza cui hanno preso parte, tra gli altri, Laurie Anderson, Hector Babenco, lo stesso Basquiat, Al Pacino e Bono Vox.

L’iniziativa rientra nell’ambito della rassegna di incontri con i protagonisti del cinema italiano realizzata dall’Università Vanvitelli “Maestri alla Reggia”, grazie alla collaborazione con Confcommercio, Antica Distilleria Petrone e Gran Hotel Vanvitelli.

Produzione e organizzazione Cineventi. Durante la giornata sarà inoltre possibile visitare, gratuitamente, il Parco (8.30-15.30 con ultimo ingresso alle 14.30), e gli Appartamenti dell’800 (8.30-18.30 con ultimo ingresso alle 18.00), la mostra inaugurata di recente “Da Artemisia a Hackert”.(ANSA).

Advertisements