Il Buio è solo l’ombra della luce, Giulio Delvè espone al Pio Monte della Misericordia da sabato 30.

127
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia

Il Buio è solo l’ombra della luce è il titolo della mostra di Giulio Delvè a cura di Valentina Rippa che inaugura sabato 30 aprile alle ore 11.30 al Pio Monte della Misericordia, con una speciale esposizione diffusa nelle varie sale della Quadreria per una nuova rilettura dello spazio e una fruizione inedita dell’opera d’arte contemporanea. Ad accogliere i visitatori al piano terra nella Galleria Fronte Strada l’installazione in rame The three of possibilities che suggerisce dieci spunti per una vita migliore diventando così un inno alla pace.

Il lavoro di Delvè, che ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, si muove fra arte e ricerca sociale ispirandosi al dipinto del Caravaggio Le Sette Opere di Misericordia, e ripropone in scultura composizioni geometriche che ricordano nell’aspetto fasci lucenti densi di spiritualità e parti del corpo ornati di gioielli luminosi, modelli in jesmonite dalle forme semplici, realistiche, realizzate con calchi dal vero: piedi che alludono a quelli dei pellegrini in adorazione alle Madonne di Caravaggio, busti femminili o figure intere esili, impreziosite con gioielli in pasta poi trattati con microfusioni in ottone che emanano bagliori, illuminano e “arricchiscono” l’opera restituendo una nuova carica umana e significale alla ricerca artistica di Delvè.

L’umanità dirompente in tutte le opere del Caravaggio è un tema profondamente vicino all’artista. La stessa attenzione alle classi più umili e popolari che nel Merisi si esprime attraverso la fisicità e il pathos delle figure dipinte, la ritroviamo nelle opere scultoree realizzate da Delvè, che riconducono lo spettatore ad un concetto di umanizzazione e grandezza dell’arte portatrice di luce e vitalità. Il filo conduttore del progetto si basa su un principio di coerenza con le finalità del Pio Monte della Misericordia e sulla precisa volontà dell’artista e del curatore di entrare in relazione con il Palazzo.

 

Siamo felici di accogliere le splendide opere di Giulio Delvè che con il suo progetto artistico e di grande sensibilità sociale sposa a pieno lo spirito del Pio Monte. – spiega Fabrizia Paternò di San Nicola, Soprintendente del Pio Monte della Misericordia – Da tempo la nostra Istituzione è attenta all’arte contemporanea ospitando un’importante collezione permanente, e accogliendo mostre temporanee per un’offerta culturale sempre nuova e originale.  La mostra di Delvè rinnova e allarga questa offerta, coinvolgendo l’intera Quadreria in un’esposizione diffusa, facendo dialogare l’arte del presente con quella del passato, entrambe al servizio dell’attività a favore dei più deboli.”

 

Nove le sculture esposte: nelle diverse sale della Quadreria saranno presentate sette opere, in un allestimento pensato per essere in totale armonia con il contesto storico degli spazi e delle opere d’arte della Pinacoteca.

Nella Galleria Fronte Strada, al piano terra, si aggiunge un’opera di forte impatto emotivo che racchiude temi ricorrenti nella ricerca di Giulio Delvè, l’infanzia, la ricerca della bellezza, la speranza, in un dialogo tra spazi interni ed esterni che ben rispecchia la missione dell’Ente e la prospettiva di apertura sociale della mostra. Immaginando la vita come un albero delle possibilità, l’artista realizza un’installazione in rame ispirata ad un’illustrazione di Robert Crumb su Jack e il fagiolo magico, la storia di un ragazzino alla ricerca della felicità. The three of possibilities è la versione contemporanea di una favola d’altri tempi che indica dieci spunti per una vita migliore trascritti a mano su altrettante foglie di una pianta di fagiolo: futuro sostenibile, autosufficienza locale, ritorno alla terra, sistemi rinnovabili, cambiamento, lavoro, stabilità, decentralizzazione, innovazione, pace.

 

“Negli ultimi tempi la mia ricerca artistica ha intrapreso una direzione orientata allo studio delle dinamiche sociali che governano contesti gentrificati o comunque segnati dalle difficoltà generate da una ormai quasi decennale, protratta situazione di crisi economica. – spiega Giulio Delvè – Il progetto Il buio è solo l’ombra della luce è nato nel mio studio di Montesanto frequentato dai ragazzini del quartiere, che di tanto in tanto venivano a recuperare il pallone, curiosare, giocare con l’argilla. Un giorno hanno aperto alcuni pacchi di pasta, ed assemblando i vari formati, hanno creato collane, braccialetti, gioielli che hanno indossato atteggiandosi a fare i ricchi. Ho pensato così di cristallizzare questo gesto ingenuo, semplice ma così essenziale, corale e spontaneo, di una potenza e poesia tale da innescare profonde riflessioni sociali.”

 

Il progetto di Delvè riprende un lavoro iniziato nel 2019 che oggi si arricchisce di nuove opere. Lo “sguardo” dell’artista, ovvero il suo sentire le cose, parte da una profonda analisi delle esperienze umane e dal loro ripresentarsi in forme e modalità diverse nel quotidiano. Uno sguardo al tempo stesso esteriore ed interiore che lo spinge a cercare un senso comune nell’umanità e nella realtà che lo circonda. Delvè ha realizzato le sculture rileggendo, rielaborando ed organizzando i “gioielli” creati per gioco dai ragazzi del quartiere, aprendoli così ad altre funzioni e possibilità semantiche.

 

“Questo nuovo lavoro di Giulio Delvè, – spiega la curatrice Valentina Ripparispecchia pienamente la sensibilità con cui osserva il contesto in cui vive – che va inteso come spazio storico, sociale e antropologico – ponendosi sempre con un atteggiamento di ascolto e di riflessione verso i fenomeni più marginali della società. Un’azione silenziosa capace di restituire un messaggio forte attraverso opere seducenti dal punto di vista estetico eppure connotate da un alto valore semantico ed evocativo.”

 

Delvè induce lo spettatore al raccoglimento, a un sentire più consapevole, a una maggiore attenzione alle vite degli altri, e lo fa con l’attitudine poetica che contraddistingue la sua ricerca artistica sin dagli esordi.

 

Il Buio è solo l’ombra della luce sarà visitabile fino al 30 luglio 2022.

Si ringraziano Alessandro Pasca di Magliano, già Soprintendente del Pio Monte della Misericordia e il Governatore al Patrimonio artistico e archivistico Alberto Sifola di San Martino, che hanno fortemente voluto la mostra.

 

Giulio Delvè

Nasce nel 1984 a Napoli, dove vive e lavora.

Si è laureato presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli e ha completato i suoi studi presso la Weißensee Kunsthochschule di Berlino.

Ha ricevuto il Contemporary Generation International Prize I nel 2019, il Moroso Prize nel 2015, il Talent Prize nel 2011 e il Gallery Committee Special Award, Terna Prize 02 nel 2009.

Sue recenti mostre personali includono: 2020 – Little Constellation con M. A. Del Vecchio in conversazione con G. Del Vecchio, Nomas Foundation, Rome; 2019 – Pastocaldo, Ada, Roma; 2017 – Condominium, Mendes Wood, Bruxelles; Muixeranga, a cura di Paolo Masi, Base progetti per l’arte, Firenze. 2016 – Conspire means to breathe togheter, Supportico Lopez, Berlino.

Tra le mostre collettive cui ha partecipato: 2021 – Utopia Distopia: il mito del progresso partendo dal sud, a cura di Kathryn Weir, Museo Madre, Napoli; There is No Time to Enjoy the Sun, a cura di F. Del Vecchio, Fondazione Morra Greco, Napoli; 2019 – #80 | #90, curata da Pier Paolo Pancotto, Villa Médicis Académie de France, Roma; Mare Mare, Hypemaremma, Palazzo Collacchioni, Capalbio (GR). 2018 – That’s IT, a cura di Lorenzo Balbi, Museo Mambo, Bologna; If I was your Girlfriend, Belmacz, Londra. 2017 – Neither, a cura di Fernanda Brenner, Mendes Wood, Bruxelles; IN MOSTRA, corpo.gesto.postura, a cura di Simone Menegoi, Artissima, Oval, Torino; Mycorial Theatre, a cura di Paulina Olowska e Milovan Farronato con AVAF, Pivô, São Paulo; I Will Go Where I Don’t Belong, a cura di Camille Henrot, Fiorucci Art Trust, Stromboli, Isole Eolie; Para tibi, Roma, nihil, a cura di Raffaella Frascarelli, Colle Palatino Foro Romano, Roma. 2015 – Wholetrain, Fondazione per l’Arte, a cura di Daniela Bigi, Roma. 2014 – Per formare una collezione#3, a cura di Alessandro Rabottini e Eugenio Viola Museo Madre, Napoli.

 

 

Giulio Delvè

Il Buio è solo l’ombra della luce

a cura di Valentina Rippa

Opening sabato 30 aprile ore 11.30

Pio Monte della Misericordia – Quadreria e Galleria Fronte Strada

Via dei Tribunali 253, Napoli

dal 30 aprile al 30 luglio 2022

Orari visite: dal lunedì al sabato dalle ore 10.00 alle ore 18.00, ultimo ingresso ore 17.30. Domenica dalle ore 9.00 alle ore 14.30, ultimo ingresso ore 14.00.

 

www.piomontedellamisericordia.it

Advertisements