La festa della Candelora a Frattaminore.

a cura della dottoressa Patrizia Zinno

Candelora è il nome con cui è popolarmente chimata la Festa della Presentazione al Tempio di Gesù che viene celebrata dalla Chiesa Cattolica il 2 Febbraio a Frattaminore in provincia di Napoli. In questa celebrazione si benedicono le candele , simbolo di Cristo ossia la luce per illuminare le genti, come il bambino Gesù venne chiamato dal vecchio Simeone al momento della presentazione del Tempio di Gerusalemme, che era prescritta dalla Legge giudaica per i primogeniti maschi. La festa delle candele segna un momento di passaggio, tra il buio inverno e la primavera, la luce ed  il risveglio, preparazione alla nuova stagione.

Una festa antichissima ed in origine il mese di febbraio era per i Romani l’inizio dell’anno; ci si preparava all’arrivo della primavera, con processioni di fiaccole per ottenere le grazie di Lupercus, dio della fecondità e protettore delle greggi. In questo momento dell’anno iniziavano le semine d’inverno.  – Il Comune di Frattaminore è l’unico in Italia a festeggiare questa ricorrenza, Mercoledì 1 e giovedì 2 febbraio 2018, che  astronomicamente segna il passaggio dall’inverno alla nuova stagione e che ha assunto poi, in senso strettamente religioso, il simbolo della luce, attraverso una suggestiva processione nel paese di luminose candele– dichiara il sindaco Giuseppe Bencivenga. –                                                     La manifestazione è  organizzata dal Comune in collaborazione con la Parrocchia San Simeone Profeta (Piazza Umberto I), una  festa che durerà due giorni, ricca di eventi ed iniziative. Mercoledì 1 febbraio, alle ore 20,00 sarà rappresentato – in Parrocchia – il recital “Il profeta della luce” ideato da Marina Esposito e Rosaria Bencivenga, con la partecipazione del tenore Carmine De Domenico che interpreterà San Simeone. Il 2 febbraio, il giorno della Festa, inizieranno le celebrazioni  in Chiesa alle ore 11, per poi proseguire con la rappresentazione sacra in piazza Umberto I. La tradizione pluricentenaria di questa celebrazione erroneamente considerata “locale” , ha fatto si che Frattaminore rientrasse in un progetto più ampio di diffusione delle tradizioni culturali ed enogastronomiche.  Infatti dopo la tradizionale processione per le vie del Paese, in serata, sempre in piazza Umberto, si svolgerà la Sagra dei prodotti tipici locali, e uno spettacolo acustico di intrattenimento musicale. La consuetudine vuole che, nel giorno della Candelora, ci si alimenti con i cibi tipici del carnevale: prodotti di norcineria, soprattutto, e i confetti “ricci”, esclusivi del territorio e simbolo della festa.  Saranno presenti i vicini santarpinesi, organizzatori storici della Sagra del Casatiello, un altro prodotto tipico di eccellenza. In chiusura della serata verrà assegnato da una commissione il premio alla più originale interpretazione del concetto di Luce fra tutti i partecipanti alla processione del pomeriggio.

Advertisements