Campi Flegrei, al lavoro, Governo, Regione e Ue. Problema vie di fuga

Chi ha scelto di vivere nell’area dei Campi Flegrei sapeva di vivere in un’area difficile che presenta rischi. Ci ricordiamo della vulnerabilità dell’area solo quando la terra trema e arriva la scossa e questo è un grande limite, dobbiamo dare vita a una, mi piace dire, convivenza vigile col pericolo. Sono luoghi meravigliosi ma se decidi di stare in quel luogo ci devi aiutare a promuovere una convivenza responsabile. Servono più comunicazione e maggiore consapevolezza”.

Lo ha detto il ministro per la Protezione civile e le Politiche del mare, Nello Musumeci, in conferenza stampa al termine del vertice a Palazzo Chigi sull’attività sismica nei Campi Flegrei.

“Si tratta di luoghi complessi, di un vulcano che non si vede, un vulcano pianeggiante, una caldera particolarmente pericolosa – ha aggiunto Musumeci – e in quell’area sono stati realizzati migliaia di edifici, unità abitative, ci vivono circa 80mila persone e questa eccessiva antropizzazione di quel territorio andava impedita nel passato. Ora potrebbe creare problemi sul piano di evacuazione, sul piano speditivo e è una condizione su cui stiamo lavorando”.

“Stiamo cercando di capire se non sia anche utile la strada di sostenere il cittadino che volesse delocalizzare, che dice ‘non vogliamo più stare qui’. Il governo deve sostenere questa scelta, accompagnarla o girarsi dall’altra parte? È un’ipotesi che non mi sembra da sottovalutare, ci stiamo ragionando: stasera abbiamo posto il tema al centro dell’agenda”, ha detto il ministro.

Musumeci ha poi affermato che “c’è l’intenzione del governo di impegnare risorse, ma escludo il metodo del sisma-bonus: troveremo soluzioni alternative, adeguate, più celeri”.

“Le stime saranno fatte nei prossimi giorni ma servono oltre 500 milioni di euro per la messa in sicurezza degli edifici nei Campi Flegrei”, ha detto Musumeci. Il ministro ha aggiunto che nei prossimi giorni “lavoreremo per definire il piano di evacuazione”.

Occhi puntati sui Campi Flegrei anche dall’Unione europea, per le frequenti scosse di terremoto che stanno interessando tutta l’area. Il Centro di Coordinamento della risposta alle emergenze (Ercc) dell’Ue “sta monitorando da vicino la situazione” e “come sempre – ha riferito un portavoce della Commissione Europea – la Commissione è pronta a fornire assistenza in scenari di catastrofi naturali e in altri casi attraverso il Meccanismo di protezione civile dell’Ue, qualora uno Stato membro colpito richieda sostegno”.

La situazione attuale “è costantemente monitorata” anche da Palazzo Chigi “dando attuazione a quanto stabilito dal decreto legge n.140 del 2023”, che riguarda misure urgenti di prevenzione del rischio sismico connesso al fenomeno bradisismico nell’area dei Campi Flegrei. “Quanto alla prevenzione, andrà definita a largo spettro con priorità sulla messa in sicurezza delle scuole e sulla garanzia di continuità dei servizi essenziali”, è stato sottolineato ieri al termine del vertice convocato da Giorgia Meloni.

Dopo la scossa più forte di magnitudo 4.4 registrata lunedì scorso, seguita da quella di ieri mattina di magnitudo 3.6, sono attesi terremoti anche più forti ma non superiori a magnitudo 5, secondo quanto prospettato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Ma la tensione tra la popolazione resta alta. A Pozzuoli sono state segnalate diverse famiglie che si sarebbero affrettate a fare la spesa, saccheggiando i vari punti bancomat: resiste il timore di un evento tale da costringere alla fuga.

E del resto anche la macchina organizzativa si sta predisponendo al peggio. “Apertura centri d’accoglienza in caso di evacuazione dei cittadini, perché servono strutture di alto livello e non siamo ancora del tutto adeguati e poi le vie di fuga: invito i comuni a concentrare l’attenzione su questi due obiettivi”, ha sollecitato ieri il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. “Non ci devono essere cantieri che blocchino la percorrenza, dobbiamo preparare al meglio i servizi per i nostri cittadini”, ha raccomandato auspicando collaborazione a tutti i livelli. “Dobbiamo lavorare tutti uniti e mi auguro tutti impegnati a bruciare i tempi, a non perdere un minuto. Dobbiamo essere preparati a tutto“, ha affermato il governatore.

Per ora comunque la situazione resta sotto controllo. Continue le verifiche dei vigili del fuoco sulle strutture colpite dal sisma. A Pozzuoli e Bagnoli sono state montate le tendopoli da parte della Protezione Civile, presto ne saranno montate altre. In tutto le persone evacuate sarebbero al momento circa 160. (AdnKronos)