Ex Whirlpool, Italian Green Factory acquista immobile a Pomigliano, plauso dei sindacati

 

“L’immobile di 32mila metri quadri ci consentirà di mettere in atto il piano di accelerazione proposto nei giorni scorsi a Governo e Invitalia e altresì presentato alle parti sociali – spiega l’amministratore delegato di Italian Green Factory, Felice Granisso – la nostra offerta vincolante è stata formalmente accettata: seguirà entro poche settimane la stipula del contratto di compravendita definitivo. Contiamo, grazie a questi nuovi spazi, di far partire la produzione di power skid e inseguitori solari nell’arco dei prossimi 12 mesi consentendoci di rispondere alle richieste di forniture già pervenute all’azienda”.

“La direzione – affermano il segretario nazionale Fim Cisl, Massimiliano Nobis e il segretario della Fim Cisl Napoli, Biagio Trapani – ci ha comunicato la volontà di allargare il processo interno produttivo con un’attività di carpenteria, tale da poter portare ulteriori investimenti e assunzioni. Un impegno, questo, subordinato all’acquisizione di un immobile capace di rispondere alle esigenze che una produzione così futurista richiede”.

“Si tratta di un passo decisivo per il progetto di reindustrializzazione – dichiarano Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm responsabile del settore elettrodomestico, Crescenzo Auriemma, segretario generale della Uilm Campania, e Antonello Accurso, segretario regionale della Uilm Campania – reso possibile dalle lotte dei lavoratori e da una felice sinergia con le forze migliori della imprenditoria campana e con le istituzioni centrali e locali”.

“L’implementazione del piano industriale con l’acquisto di questo nuovo immobile comporterà occupazione aggiuntiva rispetto ai 294 lavoratori ex Whirlpool di Napoli”, dicono Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil e responsabile elettrodomestico e Mauro Cristiani, segretario generale Fiom-Cgil di Napoli.

“La acquisizione da parte di Italian Green Factory di un capannone industriale nella area di Pomigliano è una buona notizia per i trecento lavoratori della ex Whirlpool di Napoli, poiché consente la accelerazione del loro rientro al lavoro”. Lo dichiarano Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm responsabile del settore elettrodomestico, Crescenzo Auriemma, segretario generale della Uilm Campania, e Antonello Accurso, segretario regionale della Uilm Campania.

“In attesa che sia completata la ristrutturazione dello stabilimento ex Whirlpool di via Argine, questo nuovo capannone nel pomiglianese potrà consentire – rimarcano Ficco, Auriemma e Accurso – di avviare entro 12 mesi una prima parte di produzione di componenti per fotovoltaico. Si tratta di un passo decisivo per il progetto di reindustrializzazione, reso possibile dalle lotte dei lavoratori e da una felice sinergia con le forze migliori della imprenditoria campana e con le istituzioni centrali e locali. Considereremo raggiunto il nostro obiettivo solo quando tutti i trecento lavoratori coinvolti torneranno materialmente al lavoro, ma la notizia di oggi consente concretamente di sperare che quel giorno sia sempre più vicino”.