Camorra, condannato a 14 anni imprenditore legato ai casalesi.

0
194
Un frame tratto da un video della DIA di Napoli che ha eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione distrettuale, che riguarda due ville e un'attività commerciale ubicate in Casapesenna (Caserta), e riconducibili a familiari del noto capoclan casalese Michele Zagaria, dal valore complessivo di circa tre milioni di euro, 12 marzo 2019. ANSA/US DIA ++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY ++
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

La Corte di Appello di Napoli ha condannato a 14 anni di carcere, per associazione camorristica, Nicola Inquieto, imprenditore edile operante in Romania, dove ha creato un impero immobiliare riciclando – come riconosciuto dai giudici – i soldi del boss dei Casalesi Michele Zagaria. In primo grado il Tribunale di Napoli Nord aveva inflitto ad Inquieto 16 anni.

La sentenza di appello ha dunque confermato la ricostruzione accusatoria della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, che nell’aprile 2018 fece arrestare Inquieto insieme al fratello Giuseppe, poi assolto, ritenendolo un imprenditore del clan agli ordini di Zagaria, per il quale avrebbe ripulito centinaia di milioni di euro creando in Romania, in particolare nella città di Pitesti, un impero immobiliare tra imprese di costruzione, centri benessere, varie centinaia di appartamenti già ultimati o in costruzione.

    Un altro fratello di Inquieto, Vincenzo, è il proprietario della casa in via Mascagni, a Casapesenna, dove venne arrestato il boss Zagaria nel dicembre 2011; a dicembre Vincenzo Inquieto è stato assolto dall’accusa di associazione camorristica.
(ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here