Caso Cristina Alongi, richiesta di rettifica. L’agronoma del Comune di Napoli è stata assolta due volte in Cassazione.

Richiesta di rettifica articolo pubblicato il 23 /01/2023 a
firma Pietro Pizzolla

Egregio Direttore
scrivo in seguito alla pubblicazione dell’articolo a sua firma sul  giornale online da lei diretto il 23 /01/2023 , dal titolo ”Morte  Cristina Alongi: i familiari saranno risarciti. Condannati il Comune di  Napoli e il Ministero dell’interno”.

Nel citato servizio si affermava che nel processo penale veniva  condannata l’agronoma del comune di Napoli. La condanna nei confronti  dell’agronoma (la sottoscritta) non vi è mai stata, infatti per ben due  volte la Suprema Corte di Cassazione con sentenza del 05/06/2019, IV  Sezione Penale (annullamento con rinvio) e del 15/12/2021, III Sezione
Penale (annullamento senza rinvio) ha letteralmente demolito le sentenze  di condanna dei giudici di merito nei confronti della dipendente del  comune.

Alla presente allego la richiesta di rettifica (corredata dalle due  sentenze della Cassazione) inviata dal mio difensore di fiducia, avv.  Diomede Gersone, al quotidiano “Il Mattino” edizione del 21/01/2023 e la  conseguente rettifica pubblicata dal giornale.

Dalla lettura delle due sentenze della Suprema Corte, appare di tutta  evidenza che nessuna responsabilità può essermi addebitata. La seconda  sentenza di annullamento senza rinvio, risulta definitiva.
Abbandonando il mio riserbo, per la prima volta in 9 anni di un calvario  giudiziario che ha colpito severamente me e la mia famiglia, mi vedo  costretta a chiedere con fermezza il ristabilimento della verità,  storica e giudiziaria.

Le chiedo quindi a norma dell’art. 8 L. n. 47 del 1948 di pubblicare la  presente, con ogni riserva in relazione alla sentenza III Sez. Civile  della corte Suprema di Cassazione del 24/06/2021 depositata il  17/01/2022 n.1152 sul danno procurato.

Vengono allegate:
1. richiesta di rettifica inviata dall’avv. Gersone al direttore del  Mattino
2. Sentenza Corte Suprema di Cassazione del 05/06/2019, IV Sez. Penale;
3. Sentenza Corte Suprema di Cassazione del 15/12/2021, III Sez. Penale;
4. rettifica pubblicata dal Mattino

Distinti saluti
Portici 03/02/2023 Cinzia Piccioni Ignorato

 

Advertisements