Pachistano molesta 16enne in Piazza Garibaldi, arrestato. Monta la polemica. Il centrodestra: risultati delle politiche migratorie, Lamorgese si dimetta.

Lucca, volante Polizia

Un immigrato pachistano di 38 anni è stato arrestato dalla Polizia di Stato, a Napoli, con l’accusa di violenza sessuale aggravata commessa martedì pomeriggio, in pieno giorno, ai danni di una ragazza di 16 anni, nei pressi della stazione centrale della città.

Il primo tentativo di approccio la vittima l’ha subìto intorno alle 13,30: la giovane era a piedi, ferma a un semaforo, quando l’uomo le ha fatto esplicite richieste sessuali, prontamente rifiutate dalla ragazza che, a quel punto, ha deciso di allontanarsi.

La reazione della 16enne non ha scoraggiato il 38enne il quale l’ha seguita e molestata.

La ragazza si è messa ad urlare e chiesto aiuto a passanti e negozianti. E’ subito intervenuta la Polizia e l’immigrato, su indicazione della vittima, è stato individuato e bloccato dagli agenti della Squadra Mobile e del commissariato Poggioreale. Adesso si trova in carcere, a Poggioreale, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

“Mi vengono i brividi al pensiero che una ragazzina di soli 15 anni abbia dovuto vivere l’orrore di un’aggressione. Quanto accaduto in piazza Garibaldi è solo l’ultimo caso di una lunga lista di violenze orrende a danno spesso di giovani vittime e compiute troppe volte da aguzzini, immigrati clandestini sfuggiti a qualsiasi controllo. La sinistra, di fronte a certi crimini, non può negare la necessità di un maggiore controllo dell’immigrazione e il sindaco Manfredi deve intervenire investendo di più in sicurezza. Fortunatamente l’autore della violenza sessuale, un extracomunitario di origini pakistane, è stato arrestato dalla Squadra Mobile di Napoli e portato in carcere”.
Lo dichiara la deputata campana della Lega Pina Castiello.
“Grazie all’ottimo lavoro delle forze dell’ordine di Napoli è stato arrestato e portato in carcere un 38enne pakistano accusato di violenza sessuale nei confronti di una ragazza in piazza Garibaldi. È assurdo, incomprensibile e inaccettabile che nel centro della nostra città alle due del pomeriggio una ragazzina di 15 anni possa essere così brutalmente abusata. Non è razzismo ma fa riflettere che in mezzo a questi orrori una parte considerevole degli stupri nel nostro Paese sia commessa da immigrati irregolari. Denunciare questi abomini è un atto dovuto. Piena vicinanza alla ragazza e a tutta la sua famiglia sperando che possa superare al più presto i traumi sia fisici che psicologici. Continuare a far finta che non esista un’emergenza del genere rende complici”.
Lo dichiara il deputato napoletano della Lega Gianluca Cantalamessa.

“Al peggio non c’è mai fine. A Napoli una quindicenne è stata aggredita e violentata da un extracomunitario di origini pakistane, ovviamente irregolare sul nostro territorio. Continua così la lunghissima serie di violenze sessuali ai danni delle donne che vivono in Italia per mano di selvaggi immigrati che, grazie all’incapacità e all’indifferenza del ministro dell’Interno, seguitano imperterriti a delinquere nel nostro Paese. Evidentemente la Lamorgese ha poco riguardo per i diritti e le esigenze delle donne di poter vivere la loro quotidianità senza la paura di subire vessazioni sessuali da criminali quasi sempre stranieri”. Lo dichiara il Questore della Camera e deputato campano di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli. “Il Presidente Draghi dovrebbe chiedere le dimissioni immediate del ministro Lamorgese perché non è palesemente all’altezza dell’emergenza che vive il suo dicastero. D’altronde le sue politiche sull’immigrazione, assolutamente inadeguate, sono anche la causa della situazione odierna”, conclude Cirielli.