Gerry Di Lorenzo torna in libreria con il giallo “Accusa premeditata”.

Era stato annunciato ed è arrivato il salto letterario di Gerry Di Lorenzo, che esordisce nella prosa con il suo primo romanzo Accusa premeditata pubblicato con PAV Edizioni.
Dopo due sillogi poetiche, Di Lorenzo torna in libreria con un giallo in cui Rosario Accollato, un venditore ambulante, viene accusato dell’omicidio del senatore Bonamano.
Sposato con Marianna, abbandonata dalla mamma e vittima di violenze sessuali subite da un potente uomo, si ritrova a fare i conti con Iure: giudice corrotto sposato con una donna bella e arrivista.
La storia si aggrava con la deposizione del dottor Cattaneo, psichiatra che in passato teneva in cura l’imputato. Suo malgrado, informa Iure che Rosario soffre del disturbo dissociativo dell’identità: avrebbe quindi potuto assassinare il senatore senza però ricordarlo?
“Questo romanzo giallo – ha spiegato lo scrittore – nasce da un momento in cui le domande che mi ponevo erano superiori alle risposte che riuscivo a darmi. Da lì ho iniziato a pensare a quanto sia fragile la mente umana e quanto le esperienze condizionino ciò che siamo e che diventiamo. Queste pagine trattano di disperazione, delle coscienze, della corruzione, di come ogni individuo abbia più personalità e quella che viene fuori è il frutto delle esperienze vissute”.