La Belle Epoque a Napoli in un libro.

97

Il periodo napoletano che va dal 1880 al 1914, data d’inizio del primo conflitto mondiale, è stato spesso trattato il modo superficiale ed univoco dalle molte pubblicazioni che si sono succedute nel tempo. Quelle che animano il libro edito da Stamperia del Valentino Schegge di vita nella Napoli Belle Époque – Aspetti insoliti della Napoli ‘fin de siècle’, tra aerostati, centri benessere, macchine volanti e concorsi di bellezza di Cynthia Rich e Paolo Izzo (pagg 144, euro 20) sono – come anticipa il sottotitolo – delle “chicche” che, calate in un contesto più generale, rendono un’immagine ben più colorita di quella fin qui attribuitagli, di un periodo a forti tinte, fatto di luci e di ombre, di cui val la pena conoscere gli aspetti più vivi, al di là dei pur begli stereotipi che lo riguardano.

“La Belle-Époque è il momento di gloria della borghesia uscita dalla Rivoluzione francese; è, nel contempo, il canto del cigno di una nobiltà che andava verso una irreparabile consunzione e che – incapace di produrre benessere – si abbandonava al Decadentismo e allo sperpero; categoria, questa, alimentata – dopo la Rivoluzione d’Ottobre del 1918 – dalla nobiltà fuoriuscita dai fatti di Russia. Restava, come è ovvio, il cosiddetto Terzo stato: il ceto operaio, quello dei diseredati che campava la giornata con un duro lavoro e da tempo immemorabile non aveva fatto altro che guardare gli altri vivere. Proprio per questo la Belle-Époque non poteva avere vita lunga. Urgeva, come già in atto con la Rivoluzione industriale, che la classe sociale più penalizzata uscisse alla luce del sole, reclamando la propria parte. (…) Oggetto del nostro excursus sarà Napoli ed il suo forse provinciale modo di assorbire le istanze internazionali provenienti dalla cosmopolita Parigi. Cercheremo, però, di polarizzare l’attenzione del lettore su aspetti meno visitati dalle tante pubblicazioni in materia, accennando solo a certi argomenti, come l’affermarsi del Caffè Concerto, di alcuni aspetti dello spettacolo o dei manifesti pubblicitari di ateliers cittadini, che rappresentano l’aspetto più evidente, anche da un punto di vista iconografico, di una memoria storica approssimativa quanto superficiale”.

Autore: Cynthia Rich, Paolo Izzo
Titolo: Schegge di vita nella Napoli Belle Époque
Sottotitolo: Aspetti insoliti della Napoli ‘fin de siècle’, tra aerostati, centri benessere, macchine volanti e concorsi di bellezza
Descrizione: Volume in formato 8°; 144 pagine; illustrazioni in b/n nel testo.
Collana: I Cinquecento
ISBN: 9788895063553
Prezzo: Euro 20,00
Disponibilità: In commercio

Advertisements
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia