L’omaggio a Napoli di 20 poeti, sabato 6 a Napolicittàlibro.

776
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

In occasione della manifestazione “NapoliCittàLibro”, giunta alla sua seconda edizione, presso il Museo della Pace, via Depretis 130, sabato 6 aprile alle ore 18.00, si terrà la presentazione dell’antologia “Napoli – omaggio in versi”, curata dal poeta e critico letterario Bruno Mohorovich, per i tipi della Bertoni Editore, giovane casa editrice di Perugia.

L’ antologia, è la quarta in ordine di pubblicazione e come le precedenti intende celebrare le tradizioni e la cultura delle regioni italiane.

Si avvale della prefazione della poetessa Teresa Ester Esposito, e presenta composizioni poetiche in italiano e vernacolo di 40 poeti partenopei. L’opera, come ha scritto nella nota introduttiva il curatore, mira “a far emergere il ritratto di una Napoli a tratti amara, a tratti squarciata da un sorriso, uno sguardo su luoghi, vicoli, piazze con i loro profumi che s’ammanta di una velata malinconia ma anche con toni di rabbiosa tristezza per come versa la città; a volte si tratta di una vera e propria denuncia, un urlo di dolore che si leva per “scetà” una città stravolta, maltrattata e incompresa.

I poeti tracciano fotogrammi d’una esistenza che ben s’impressionano nei versi in vernacolo – la “lingua poesia” come la definiva il Pasolini – dove, ritrovare le proprie radici, non vuol dire solo ripercorrere le strade che si sono percorse da ragazzi o giovani adulti, ma ritrovare in esse quegli odori quei suoni che riecheggiano da un vicolo all’altro, da un balcone all’altro; quel “chiacchierare”, delle nostre mamme, nonne e donne del borgo che abbiamo vissuto e che ritornano proprio anche nelle espressioni tipiche del luogo e del tempo.

Ogni singolo poeta diviene così protagonista del suo racconto, della sua narrazione, un insieme di voci che perpetuano aure vissute o tramandate, alimentando, per dirla ancora con Pasolini “un processo di autoidentificazione con la terra materna”.”

Ogni singolo autore è stato introdotto da opere incisorie, frutto della collaborazione della casa editrice con l’AIIA (Accademia internazionale Incisione Artistica).

Advertisements