Sandro Pertini e la nostalgia di Ponza, presentazione del libro di Antonio De Luca sabato 21 al The Spark Hub.

204
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

Antonio De Luca in Sandro Pertini e la nostalgia di Ponza ritorna sui passi di un precedente volumetto su Sandro Pertini e sulla sua presenza da confinato nell’isola per allargare lo sguardo sul personaggio ma anche su altri, che subì una simile sorte. Estende la sua interessante e intrigante prospettiva critica allo stretto rapporto che questi politici del futuro instaurarono con gli abitanti dell’isola, uomini e donne, ad ogni livello, non solo intellettuale ma anche popolare.

La presentazione si terrà sabato 21 gennaio alle ore 17:30 presso la libreria The Spark Creative Hub a Piazza Bovio, 33 (NA). L’autore dialogherà con il prof. Francesco D’Episcopo, la prof.ssa Maria Gargotta e con Marco Demarco, giornalista del Corriere della Sera.

 

Il libro

E così Ponza si rivela e si impone come “Isola della libertà”, quella stessa libertà, fatta di natura e cultura, che De Luca ha sempre rincorso nella sua vita, come nella sua poesia, nella consapevole indisciplina di gesti e parole, che testimoniano una presenza, segnata dalla passione e dalla libertà dell’essere, oltre ogni confinamento e condizionamento. Le frontiere rappresentano, per uomini liberi e felici, una scommessa, una sfida e l’avventura della vita e della poesia ama fronteggiarle e superarle, come l’Ulisse omerico, come il Capitano di Melville, come il vecchio che si confronta con il mare di Hemingway. Tutto il resto non conta di fronte all’alito e all’ansia del vento, che ti trasporta dove vuoi e dove ti piace vivere, nel segno di un amore, che non teme tempeste e sconfitte.

Dalla Prefazione di Francesco D’Episcopo

 

L’autore

Antonio De Luca, dopo gli studi classici, a un passo dalla laurea in geologia, lascia la terra per il viaggio. Va a vivere sopra l’isola dei nonni che lo crebbero. Da allora salpa e riapproda sempre a Ponza, ombelico del suo mondo, avamposto del Mediterraneo. È poeta, fotografo, vignaiolo, visionario e viaggiatore. Si definisce un intellettuale anarchico, la sua vita è per un socialismo libertario. Vive e lavora tra Ponza e i Paesi mediterranei. Napoli, Marsiglia, Tangeri, Lisbona sono le sue città di adozione. Ha pubblicato Adespota (Vallecchi, 2012) assieme ad Andrea Simi, Vinea loquens (2013), Il falegname e il partigiano (Ultima spiaggia, 2016), Navigare la rotta (Sandro Teti editore, 2018), Eros (Graus Edizioni, 2022). Nel 2011 ha vinto il premio nazionale di poesia “Esprimere l’inesprimibile” con Rime Fatali.

Advertisements