All’Accademia Aeronautica di Pozzuoli giovedì 25 la sesta edizione del Trauma Vision.

Si terrà il 25 maggio presso l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli l’incontro formativo organizzato da IDMA – International Disaster Medicine Association presieduta dal prof.dott. Giuseppe Noschese. Il focus di questa sesta edizione del Trauma Vision sarà “L’Integrazione civile e militare nel sistema traumatologico per prevenire e raggiungere mortalità zero dopo l’infortunio”. Medici, esperti e soccorritori, si confronteranno sul politrauma e sui suoi aspetti critici nell’intervento di emergenza.
Il convegno, promosso da IDMA, con Università Popolare Universo Humanitas ed il patrocinio del Lions Club Pontecagnano Faiano “Pierluigi Schiavone”, attribuisce ai partecipanti 7 Crediti ECM ed è a partecipazione gratuita.
Il politrauma si verifica quando una persona subisce lesioni su più parti del corpo e talvolta anche di organi spesso ma non sempre, a seguito di eventi correlati ad un incidente.
Il trauma cranico si verifica frequentemente nel politrauma in combinazione con altre condizioni invalidanti, quali lesioni di organi interni, emorragie, amputazioni, ustioni, fratture, danni uditivi e visivi, lesioni del midollo spinale, disturbi da stress post-traumatico ed altre patologie.
A causa della gravità e della complessità delle lesioni, i politraumatizzati civili e militari richiedono un alto livello di assistenza medica oltre che di altri servizi a supporto.
Importanti progressi nelle dotazioni di protezione e nelle tecnologie mediche hanno aumentato i tassi di sopravvivenza di civili e militari che abbiano subito gravi lesioni multiple o politraumi in incidenti della strada o di altra natura od in combat area. Fin dalle prime fasi dopo l’evento trauma è stata acclarata l’importanza di fornire qualificati servizi di riabilitazione coordinati e completi per supportare una restitutio ad integrum parziale o totale del paziente.
Il segno distintivo della cura per il politraumatizzato è un approccio interdisciplinare incentrato sul paziente e sulla sua famiglia al fine di poter affrontare tutti gli aspetti legati al trauma che come tale influirà per tutta la vita della persona.