“Nanà, la Napoli degli ultimi romantici” cala il “Tris d’Assi” al Teatro Diana. Dal 25 al 28 aprile con gli spettacoli di Sal Da Vinci, Franco Riccardi e Andrea Sannino.

179
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia

Saranno tre Artisti del calibro di Sal Da Vinci, Franco Ricciardi e Andrea Sannino i protagonisti di “Nanà, la Napoli degli ultimi romantici”, il progetto ideato dall’Associazione Culturale Musica dal Mondo, coordinato da Afrakà di Lino Vairetti e realizzato con l’ausilio finanziario  “sovvenzione” della Camera di Commercio di Napoli, nell’ambito del Bando per la valorizzazione della cultura napoletana attraverso i teatri di Napoli e provincia – anno 2021.

 

Nel corso di quattro serate, dal 25 al 28 aprile, il Teatro Diana di Napoli ospiterà quattro spettacoli gratuiti all’insegna della musica d’autore seguendo questo calendario:

 

–        Sal Da Vinci: lunedì 25 e martedì 26 aprile alle ore 21:00;

–        Franco Ricciardi: mercoledì 27 aprile alle ore 21:00;

–        Andrea Sannino: giovedì 28 aprile alle ore 21:00.

 

Nanà, la Napoli degli ultimi romantici” è un progetto ideato dall’Associazione Culturale Musica dal Mondo, coordinato da Afrakà di Lino Vairetti e realizzato con l’ausilio finanziario “sovvenzione” della Camera di Commercio di Napoli, con l’obiettivo di promuovere un “nuovo inizio” nel mondo dell’arte e dello spettacolo, dopo due anni di vera e propria sofferenza, durante i quali la pandemia ha fortemente penalizzato un settore chiave come l’industria culturale della città di Napoli.

Il progetto “Nanà, la Napoli degli ultimi romantici” si pone l’obiettivo di promuovere la ripresa di un nuovo cammino e l’Associazione Musica dal Mondo, attraverso il coinvolgimento di tre grandi Artisti come Sal Da Vinci, Franco Ricciardi e Andrea Sannino  ha inteso valorizzare uno dei riferimenti artistici più caratterizzanti per la cultura partenopea: la Musica.

“Napoli – afferma Sal da Vinci – è una città che vive di arte, di cultura e questi due anni di pandemia, con i loro riflessi negativi sul concetto di socialità, hanno fortemente penalizzato il settore dello spettacolo. Noi Artisti, anche attraverso iniziative come queste, abbiamo il dovere di sensibilizzare il pubblico, affinché la gente possa tornare a riempire i teatri e qualsiasi luogo in cui si respirano arte e cultura”.

“Sin da subito ho inteso sposare un progetto come Nanà, la Napoli degli ultimi romantici – aggiunge Franco Ricciardi – affinché attraverso una delle principali forme d’arte qual è la musica e mediante le nostre canzoni si possa amplificare e diffondere il messaggio di un nuovo inizio per l’intera “industria culturale” partenopea”.

“Dopo due anni di difficoltà e di incertezze – conclude Andrea Sannino – poter tornare ad abbracciare il pubblico con i nostri spettacoli conferisce a noi artisti emozioni uniche. Essere coinvolto in un progetto come questo, nel segno di un nuovo inizio per il nostro settore, è per me motivo di grande orgoglio”.

L’accesso agli spettacoli è gratuito e sarà rigorosamente ad inviti che saranno distribuiti in ordine temporale a chi ne farà richiesta e fino ad esaurimento posti, seguendo le indicazioni sottostanti:

–        scrivere una mail all’indirizzo infonana2022@gmail.com  specificando il nome delle persone interessate per un numero massimo di 2 (due) persone;

–   la richiesta di accredito è da ritenersi accettata soltanto nel caso in cui si riceverà una mail di conferma da parte dell’organizzazione che illustrerà le modalità di ritiro;

–        il ritiro degli inviti potrà avvenire soltanto esibendo la mail di conferma ricevuta dall’organizzazione.

Per l’accesso al teatro è obbligatorio esibire il green pass in corso di validità, mentre nel corso dello spettacolo è fatto obbligo di indossare la mascherina FFP2, così come previsto dalle  vigenti normative in materia di prevenzione anti Covid-19.

Infine, per il pubblico che vorrà assistere da casa, l’emittente televisiva Canale 21 provvederà alla messa in onda degli spettacoli previsti dal programma di “Nanà, la Napoli degli ultimi romantici”.

Advertisements