Il Napoli gioca a tennis, 6-1 al Sassuolo.

141
NAPLES, ITALY - APRIL 30: Victor Osimhen of SSC Napoli celebrates after scoring the 2-0 goal during the Serie A match between SSC Napoli and US Sassuolo at Stadio Diego Armando Maradona on April 30, 2022 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia

Il Napoli riscatta la figuraccia di Empoli battando ben 6-1 un Sassuolo evidentemente già in vacanza.

Dopo 21 minuti la squadra di Spalletti è già avanti 4-0, apre Koulibaly al 7′, raddoppia Osimhen dopo 3 minuti, entrambe le reti da calcio d’angolo, ai minuti 19 e 21 le reti di Lozano e Mertens.

Nella ripresa le reti di Mertens per la doppietta personale, di Rrahmani ed il punto della bandiera di Maxime Lopez per i neroverdi di Dionisi.

“Non era comunque facile essere in Champions con tre turni di anticipo, poi è chiaro c’è rammarico per alcune gare, ma sono state sostituire da alcune vittorie in campi importanti e vanno a riparare certe gare in cui siamo stati al di sotto delle nostre possibilità”. Così esordisce Luciano Spalletti a Dazn dopo la vittoria col Sassuolo: “Sono stato io a parlare di scudetto per alzare asta di livello di determinazione per andare oltre ostacolo. Giocare una partita dell’importanza di oggi in un clima di quasi contestazione è una cosa che mi dispiace per i calciatori per tutto quello che hanno fatto vedere durante l’anno. Questo non è un campionato più facile degli altri, è l’opposto, nel senso che ci sono squadre di metà classifica che lottano e hanno un livello di qualità e di modo di stare in campo diverso dagli anni precedenti. Ora sembra quasi un successo essere la Lazio e la Roma mentre il Napoli è stato insufficiente, ma non è così, è un giochino a creare sempre le aspettative di quelli che non sono i nostri amici. Il campo ha detto che chi ci sta avanti è stato più forte di noi. Secondo me la squadra ha giocato un grandissimo campionato, si viene da due anni tra alti e bassi. Va dato il giusto merito ai calciatori”.

Advertisements