Napoli, buona la prima, manita al Verona, ottimo esordio di Kvaratskhelia.

Napoli's Victor Osimhen celebrate the victory at the end of the Italian Serie A soccer match Hellas Verona vs SSC Napoli at Marcantonio Bentegodi stadium in Verona, Italy, 15 August 2022. ANSA/SIMONE VENEZIA

Buona la prima in campionato per il Napoli che spugna Verona col punteggio di 5-2.

I gol: nel primo tempo Verona in vantaggio con Lasagna al 29′, pareggio del Napoli con Kvaratskhelia al 37′ e successivo vantaggio ospite di Osimhen al 48′.

Nel secondo tempo Henry pareggia momentaneamente per i veneti al 3′, poi per la squadra di Luciano Spalletti arrivano i gol di Zielinski al 10′, Lobotka al 20′ e Politano al 34′ che chiudono la partita.

Prima dell’inizio minuto di raccoglimento in memoria di Claudio Garella, morto il 12 agosto, che vinse lo scudetto con entrambe le squadre. (ANSA).

Luciano Spalletti è soddisfatto per la bella vittoria ottenuta a Verona nell’esordio in campionato ma prova a spegnere facili entusiasmi: “Non è una partita che può dire quello che sarà il percorso, c’è bisogno di tempo, anche se abbiamo vinto la gara in maniera abbastanza netta – spiega – Alle volte bisognava fare meglio delle scelte, delle prese di campo, qualche volte abbiamo rinunciato, abbiamo preso gol, bisognava fare valere subito la qualità superiore che avevamo e non essere 2-2 dopo 5’ del secondo tempo”. De Laurentiis attraverso Twitter ha fatto i complimenti alla squadra e all’allenatore: “Bravissimi i calciatori perché sono loro che preparano bene la partita durante la settimana. I nuovi? Li ho visti vogliosi, interessati, vogliosi di fare valere le proprie qualità, bisogna solo alzare il ritmo e essere più cattivi”.

Piotr Zielinski è stato tra i migliori in campo non solo per il gol realizzato: “E’ stato perfetto negli inserimenti, nel gioco, ha avuto la lucidità di concludere, è lui il primo a essere rammaricato di quello che è stato il campionato precedente, quest’anno sembra prendere una strada diversa e oggi lo ha dimostrato”. Parole di elogio anche per Lobotka: “Sembrava Iniesta, ha portato la squadra ad avere la possibilità di attaccare degli spazi, ha dato il là a delle grandi ripartenze e poi il gol è di una qualità e di una lucidità straordinaria. Lobotka sembra che sia facile da riprendere ma poi non riesci più a recuperarlo quando accelera”.

Una squadra ringiovanita ma che sembra comunque mantenere una grande personalità: “Di Lorenzo che è il capitano ha detto alla squadra delle cose da capitano vero, vedere tutti vogliosi di partecipare e giocare bene è stato bello, se riusciremo a coinvolgere anche i nostri tifosi potremo divertirci ancora. I nostri tifosi si sono fatti sentire, possono stare tranquilli che quelli che vestono la maglia hanno la passione dei nostri tifosi”. Non è mancata una stoccata a Fabian Ruiz rispondendo a una domanda sulla sua assenza: “La squadra ha fatto vedere che sa stare in campo e che sa dove andare anche senza chi non vuole venire a giocare con noi. Si danno i meriti a chi c’era e non si parla di chi non c’è”Ultimo accenno alla prestazione di Kvaratskhelia: “Lui ha fatto vedere di essere leggero in alcune situazioni perché ha grande tecnica, ha fatto giocate importanti, un gol, però ha avuto un problemino muscolare per l’emozione del debutto”.

Advertisements