Napoli, che beffa! L’autogol di Koulibaly vanifica la rimonta alla Juve.

Juventus' Gonzalo Higuain (C) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Juventus FC vs SSC Napoli at the Allianz Stadium in Turin, Italy, 31 August 2019. ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Juventus batte Napoli 4-3 in un anticipo della seconda giornata di serie A. La Juve colpisce duro poco dopo il quarto d’ora, con l’uno-due tra il 16′ e il 19′ firmato da Danilo e Higuain e il Napoli fatica a tenere il passo. Nella ripresa, sembra chiudere la sfida la rete del 3-0 di Cristiano Ronaldo, ma tra il 21′ e il 23′ gli azzurri accorciano con Manolas e il neo acquisto Lozano, entrato nella ripresa. Al 36′, la squadra di Ancelotti completa la risalita grazie a Di Lorenzo, che insacca di ginocchio da pochi passi, ma nel recupero un autogol di Koulibaly regala tre punti ormai inaspettati ai bianconeri.

“Non è stato un test positivo. Non abbiano fatto bene per tutta la prima ora, poi anche sul 3-0 siamo rimasti in partita e l’abbiamo raddrizzata. La gara poteva finire anche 3-3, non sarebbe cambiato il giudizio sulla prestazione del Napoli, che è negativa”. Così l’allenatore del Napoli, Carlo Ancelotti, dopo la sconfitta a Torino. “Sarei stato deluso anche se avessimo pareggiato – ha proseguito ai microfoni di Sky Sport -. Non cambia molto un punto in meno o in più. Avrei fatto le stesse considerazioni. Ora dobbiamo lavorare e ritrovare la forma migliore”.

In merito ai sette gol subiti in due gare, il tecnico azzurro ha sottolineato che “la fase difensiva è un problema collettivo e di sacrifici. In questo momento bisogna sacrificarsi e lo stiamo facendo poco”. (ANSA).

“Un autogol che mi fa male perché è arrivato dopo una rimonta incredibile. Mi dispiace ma devo, dobbiamo accettarlo: siamo forti. L’abbiamo dimostrato. Lo dimostreremo”. Così, su twitter, il difensore del Napoli Kalidou Koulibaly torna sull’episodio che ha deciso la sfida di Torino con la Juventus. (ANSA).

Advertisements