Presentato il progetto E.LIS.A., percorsi dedicati a visitatori con sordità o ipoacusia a Capodimonte.

162
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

Presentato questa mattina a Capodimonte il progetto “E.LIS.A.”

Grazie al progetto della Regione Campania, in qualità di soggetto proponente e beneficiario, l’Ufficio per le Politiche in favore delle persone con disabilità della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha finanziato “E.LIS.A.” come iniziativa volta a potenziare la fruibilità del patrimonio culturale campano da parte di tutti i visitatori, in particolare delle persone sorde e con ipoacusia.

Con un’Associazione Temporanea di Scopo proposta dalla Regione Campania, l’Ente Nazionale per la protezione e assistenza dei sordi (ENS), il Museo Archeologico di Napoli, il Museo e Real Bosco di Capodimonte, il Parco Archeologico di Pompei, gli Ambiti territoriali di Baronissi, Atripalda, San Giorgio del Sannio, Santa Maria Capua Vetere hanno lavorato insieme in vista della realizzazione di attività sperimentali per la diffusione dei servizi di interpretariato in lingua dei segni Italia (LIS) dell’International Sign Language (IS) e di video interpretariato per la fruizione a distanza. La progettazione e l’esecuzione del progetto hanno visto il coinvolgimento attivo delle comunità di persone sorde e affette da ipoacusia presenti su tutto il territorio regionale.

Il progetto E.LIS.A è incentrato sulla realizzazione di percorsi culturali pienamente accessibili, anche con l’ausilio di contenuti multimediali accessibili da app e dal sito web: così come presso il Museo Archeologico di Napoli e il Parco Archeologico di Pompei, sono stati realizzati 26 video aventi come oggetto una selezione di opere d’arte e di giardini, specie botaniche, edifici e paesaggi del Museo e Real Bosco di Capodimonte.

Garantire la più ampia fruizione del pubblico delle collezioni d’arte e dei giardini storici è uno degli obiettivi che il Museo e Real Bosco di Capodimonte persegue da anni per garantire le migliori condizioni di fruizione, anche da parte delle persone con disabilità, per promuoverne lo sviluppo inclusivo e il coinvolgimento nella cultura.

Con il contributo del gruppo di coordinamento di E.LIS.A., il Museo e Real Bosco di Capodimonte ha realizzato 25 percorsi di visita per le persone sorde e con ipoacusia, ideati selezionando, tra i 49.000 oggetti d’arte conservati al museo, le opere più rappresentative delle collezioni e identificando i punti di maggiore interesse paesaggistico, botanico, architettonico sui 134 ettari in cui si estende il parco e il bosco. Gli itinerari introducono i visitatori non udenti e ipoudenti alla storia del Palazzo Reale di Capodimonte e di alcuni dei suoi inquilini, alla storia botanica e alla fisionomia del bosco e ai punti salienti della collezione permanente del museo, fornendo loro una panoramica completa del patrimonio del sito reale.

I percorsi sono sia digitali che in presenza: successivamente alle sfide uniche che la pandemia ha comportato per ripensare i tradizionali mezzi di coinvolgimento, la facilitazione dell’accesso alle collezioni del museo e alla storia del sito reale attraverso i mezzi digitali è emersa come un’importante via di miglioramento. La produzione di contenuti che possono essere resi disponibili sulle piattaforme digitali – tra cui il sito web, i canali dei social media e l’app – democratizza l’accesso a Capodimonte coinvolgendo i visitatori di tutto il mondo, compresi le persone con deficit percettivi e motori in Italia e all’estero, che altrimenti non potrebbero recarsi a Napoli.

In loco, l’obiettivo è quello di rendere più inclusivo il Museo e Real Bosco, un organismo complesso e vivente composto dai diversi elementi del parco e del museo. Con il progetto E.LIS.A, il Museo e Real Bosco di Capodimonte intende promuovere l’accessibilità a favore dei non udenti e degli ipoudenti in tutto il campus. Gli itinerari in lingua dei segni, accessibili da app e inquadrando i qr-code lungo gli itinerari, permettono ai visitatori non udenti di conoscere la storia delle collezioni e la storia del sito sia nelle gallerie d’arte e nei giardini che online: le recenti riprese video in alta definizione nei giardini e di alcune opere d’arte selezionate, accompagnate da interpreti in lingua dei segni, offrono ai visitatori la possibilità di fruire in modo più confortevole dell’offerta culturale di Capodimonte, sia all’interno che all’esterno del sito. I visitatori possono scegliere un itinerario che si concentra sui vari giardini e sugli esemplari botanici del sito, sugli “Appartamenti Reali”, sulla collezione permanente di opere d’arte del museo o addirittura sperimentare tutte e tre le cose in un’unica visita.

I VIDEO: Attività centrale dell’iniziativa è stata una campagna studiata ad hoc di riprese video in alta definizione per mostrare al pubblico, con l’aiuto dell’interprete LIS, i capolavori della collezione d’arte del museo e le bellezze paesaggistiche, botaniche e architettoniche dell’ex sito reale di Capodimonte.

I TESTI: I testi realizzati per gli interpreti sono stati pensati per il web: lo sforzo è stato quello di adeguare contenuti scientifici al linguaggio che necessariamente deve fare i conti con l’attenzione del pubblico, i followers dei canali social e il gradimento espresso in like e condivisioni. Per questo motivo ampio spazio è stato dato alle informazioni che identificano la grandezza storica, artistica, paesaggistica e botanica degli oggetti raccontati con un linguaggio più empatico e diretto.

I CONTENUTI INEDITI: Il pubblico del Museo e Real Bosco di Capodimonte potrà godere per la prima volta, grazie a E.LIS.A., alcune zone meno famose del Real Bosco, come la masseria Torre; potrà conoscere e riconoscere le specie rare che popolano il Parco, come il canforo, gli eucalipti, il cipresso di Montezuma; e potrà scoprire dettagli sugli elementi iconici del parco e bosco di Capodimonte, come la fontana del Belvedere, e le stratificazioni di ordini di giardini che nei secoli si sono succeduti nel sito reale.

I CORNER GRAFICI: Parte integrante di E.LIS.A. sono i 5 monitor posti all’ingresso del museo e alle porte principali del bosco (Porta Piccola, Porta Grande, Porta di Mezzo e Porta Miano), con risoluzione 4k, resistenti agli agenti atmosferici e con una tecnologia con luminosità adattiva alle condizioni ambientali di visibilità, per veicolare i contenuti digitali in lingua dei segni e per diffondere in tempo reale tutte le informazioni utili ai visitatori del parco e del museo.

IL SITO WEB ACCESSIBILE: Il sito web istituzionale è stato implementato con una tecnologia a w3c, ovvero è, percepibile anche da chi utilizza uno screen reader che trasforma il testo in voce o Braille; è operabile, cioè utilizzabile da ogni utente a prescindere dal dispositivo utilizzato; comprensibile, per rendere accessibile la funzione di tutto ciò che è presente su una pagina web; infine robusto, consultabile da diverse tecnologie e piattaforme.

“Sono felice di presentare questo progetto – afferma il direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte, Sylvain Bellenger – Da sempre penso che l’arte, per sua natura, sia accessibile a tutti. Oggi, grazie all’impegno degli enti e delle associazioni coinvolte che hanno lavorato con grande impegno e una bella sinergia, mi sento di dire che l’arte di Capodimonte, sia i capolavori della Reggia, sia il Bosco con il suo scrigno di biodiversità, sia accessibili a tutti”.

“Grazie al progetto E.LIS.A. finalmente anche noi sordi abbiamo la piena accessibilità a tre importantissimi siti culturali della Regione Campania. È un piccolo passo, che spero non sia l’ultimo, per la nostra piena inclusione e per l’abbattimento delle barriere della comunicazione” afferma Gioacchino Lepore, presidente ENS-Ente Nazionale Sordi, Consiglio Regionale Campania.

“E.LIS.A. non è solo un progetto bellissimo che attraverso la Lingua dei Segni apre a grandissime opportunità di fruizione universale dei percorsi museali presso il Museo e Real Bosco di Capodimonte, così come al MANN e al Parco Archeologico di Pompei, ma è un’esperienza straordinaria, fatta insieme con l’Ente Nazionale Sordi e con gli Ambiti territoriali di Atripalda, Baronissi, Santa Maria Capua Vetere e San Giorgio del Sannio, che cambia la prospettiva rispetto ad una autentica e naturale valorizzazione della disabilità uditiva. Stavolta, la costruzione di una visione comune sul tema delle disabilità e il valore aggiunto delle tecnologie digitali hanno realizzato, in soli dodici mesi, qualcosa che prima non c’era in Campania e che mette in primo piano le bellezze uniche del patrimonio storico, artistico ed archeologico della nostra Regione davanti al mondo” afferma Lucia Fortini, Assessore alla Scuola, alle Politiche Sociali e alle Politiche Giovanili della Regione Campania.

E.LIS.A al Museo e Real Bosco di Capodimonte

Il Museo e Real Bosco di Capodimonte, grazie al progetto E.LIS.A, ha potuto realizzare 26 percorsi di visita per le persone sorde e con ipoacusia, ideati selezionando, tra le 49mila d’arte conservate nel museo, quelle più rappresentative delle collezioni e identificando i punti di maggiore interesse paesaggistico, botanico, architettonico nei 134 ettari in cui si estende il bosco. Gli itinerari introducono i visitatori non udenti e ipoudenti alla storia del Reggia-Museo di Capodimonte narrando le vicende più significative dei regnanti che l’hanno abitata nei secoli, dai Borbone ai Savoia, fino alla storia botanica e alle varie tipologie di giardino presenti del bosco, dal cino-inglese al tardo-barocco, fornendo una panoramica completa dell’intero patrimonio storico-artistico e culturale di uno dei siti reali più importanti del Mezzogiorno d’Italia e d’Europa.

 

I percorsi in LIS e IS sono fruibili sia in digitale che in presenza

I 26 video sono presenti sul
– canale Youtube del Museo
– sul sito web del Museo e Real Bosco di Capodimonte con una pagina dedicata al progetto (https://capodimonte.cultura.gov.it/progetto-e-lis-a/)
– sull’app Capodimonte, scaricabile gratuitamente su App Store e Google Play
– sui monitor informativi presenti alle Porte di accesso al sito (Porta Grande, Porta Piccola, Porta di Mezzo, Porta Miano e all’ingresso della biglietteria), resistenti agli agenti atmosferici e con una tecnologia a risoluzione 4K, con luminosità adattiva alle condizioni ambientali di visibilità.
– sui canali social del Museo (Instagram Facebook, Twitter) dove i contenuti in LIS e IS saranno rilanciati periodicamente per raggiungere un pubblico più ampio possibile.
– In situ: nel Museo saranno presenti speciali didascalie, con QR Code, accanto a quelle tradizionali, che rimandano ai video in LIS e IS delle singole opere d’arte, degli artisti o delle sale presenti nel progetto; allo stesso modo, nel Real Bosco, i principali punti di interesse saranno opportunamente segnalati.

Sito web accessibile
Grazie al progetto E.LIS.A anche il sito web istituzionale capodimonte.cultura.gov.it è stato implementato con una tecnologia a w3c che rispetta gli standard internazionali in uso. Il sito oggi è:
– percepibile anche da chi utilizza uno screen reader che trasforma il testo in voce o Braille
– operabile: utilizzabile da ogni utente a prescindere dal dispositivo utilizzato
– comprensibile per rendere accessibile la funzione di tutto ciò che è presente su una pagina web
– robusto: consultabile da diverse tecnologie e piattaforme.

Elenco contenuti video in LIS e IS relativi al Museo e Real Bosco di Capodimonte

Nel Museo

– Battistello Caracciolo
– Elisabetta Farnese, moglie di un re, madre di una collezione
– Tiziano e i Farnese
– Gli Appartamenti Reali
– I Cartoni di Michelangelo e Raffaello a Capodimonte
– Brueghel il Vecchio
– I Carracci a Capodimonte
– Matteo Di Giovanni, la Strage degli Innocenti
– Il Parmigianino nelle collezioni di Capodimonte
– Mario Merz, Onda d’urto, 1987
– Caravaggio, la Flagellazione, 1607
– Jusepe de Ribera, il Sileno Ebbro, 1637
– Luca Giordano nelle collezioni di Capodimonte
– Giuseppe Recco nelle collezioni di Capodimonte
– Cosimo Fanzago, il Ciborio
– Vincenzo Gemito nelle collezioni di Capodimonte
– Domenico Morelli nelle collezioni di Capodimonte
– Filippo Palizzi, Dopo il diluvio universale
– La sezione di arte contemporanea di Capodimonte
– Giorgio Vasari nelle collezioni di Capodimonte
– Alberto Burri, il Grande Cretto Nero di Capodimonte
– Mimmo Jodice nelle collezioni di Capodimonte

Nel Real Bosco:

– I Giardini del Real Bosco di Capodimonte
– Il Giardino Torre nel Real Bosco di Capodimonte*
– Le specie vegetali nel Real Bosco di Capodimonte

*Contenuti inediti
Grazie al progetto E.LIS.A. entrano nella narrazione del Museo e Real Bosco di Capodimonte anche alcune zone meno conosciute al grande pubblico, come il Giardino Torre, uno dei rari esempi di giardini produttivi ancora presenti nei siti reali, posto all’estremità del Bosco che presto sarà riaperto al pubblico. E sempre, relativamente alle informazioni sul Real Bosco sono state illustrate le stratificazioni dei vari ordini di giardini che nei secoli si sono succeduti nel sito reale, e le specie vegetali rare presenti accanto agli elementi più iconici come, ad esempio, la fontana del Belvedere.

Advertisements